Individuata la causa della forfora

forfora

La forfora non è causata da un fungo, come molti credono, ma da uno squilibrio tra due batteri concorrenti che colonizzano naturalmente il cuoio capelluto umano, secondo uno studio pubblicato Giovedi in Scientific Reports.

Pensate ai batteri  Propionibacterium e Staphylococcus come allo yin e yang dei capelli sani: quando questi due batteri sono in equilibrio e sotto controllo, la forfora viene tenuta a bada, ma quando uno domina l’altro, le macchie bianche rivelatori cominciano a proliferare, secondo quanto riferito da un team di ricercatori cinesi e giapponesi.

La forfora è il più comune disturbo del cuoio capelluto che affligge circa la metà della popolazione mondiale.

Gli esperti sono da anni in disaccordo sulle possibili cause della forfora, anche se il consenso si è formato negli ultimi tempi su un particolare responsabile.

“I microrganismi sul cuoio capelluto, specialmente i funghi, sono stati considerati  la causa principale dello sviluppo della forfora,” hanno affermato i ricercatori.

Sospettando che questa convinzione poteva essere sbagliata, il team di ricerca di Zhang Menghui della Shanghai Jiao Tong University, ha isolato un gran numero di variabili nell’ecosistema del cuoio capelluto umano per vedere come esse interagiscono.

In 59 volontari cinesi di età compresa tra 18 e 60 anni, i ricercatori hanno misurato i livelli di acqua, diverse decine di batteri, sebo-una secrezione oleosa che prolifera nell’ adolescenza e all’inizio dell’età adulta- e il fungo chiamato Malassezia.

I partecipanti hanno lavato i capelli 48 ore prima della sperimentazione e campioni di forfora sono stati prelevati da otto diverse sezioni del cuoio capelluto.

“In generale, i funghi non hanno mostrato un ruolo importante nella gravità della forfora, mentre il rapporto tra i batteri e forfora era significativamente forte.”, hanno concluso i ricercatori.

Essi hanno anche notato che la prevalenza delle particelle bianche fastidiose era maggiore quando è venuto a mancare l’equilibrio tra i due batteri ossia quando uno ha cercato di prevalere sull’altro”.

“Questo studio suggerisce che ristabilire l’equilibrio dei batteri sul cuoio capelluto, potrebbe essere una potenziale soluzione per ridurre la forfora”, hanno concluso i ricercatori.

Fonte: Medicalxpress

Altri articoli su forfora