In arrivo un modulatore immunitario biologico per la celiachia

celiachia

Il primo studio proof-of-concept mostra che l’AMG 714 (anticorpo monoclonale anti-IL-15) protegge potenzialmente i pazienti celiaci dall’esposizione involontaria al glutine.

Un nuovo farmaco sperimentale offre una speranza ai pazienti affetti da celiachia che vengono inavvertitamente esposti al glutine durante una dieta priva di glutine.

I risultati del primo studio di fase 2 su un immunomodulatore biologico nella celiachia saranno presentati alla Digestive Disease Week® (DDW) 2018 . L’ esposizione involontaria al glutine può essere un evento frequente per i pazienti celiaci che scatena sintomi come il dolore nell’intestino e la diarrea, a causa di danni intestinali.

Implicazioni dello studio

I ricercatori hanno scoperto che l’anticorpo AMG 714, che blocca l’interleuchina 15, un importante mediatore della celiachia, porta a un minor numero di sintomi a seguito dell’esposizione al glutine.

( Vedi anche: Alla ricerca di un interruttore per la celiachia).

“È importante notare che questo farmaco è stato studiato per il suo potenziale di protezione contro una contaminazione modesta, non per il consumo deliberato di grandi quantità di glutine, come pane o pasta“, ha precisato Francisco Leon, Direttore dello studio e consulente di Amgen. “La contaminazione, che può accadere durante la lavorazione o l’imballaggio degli alimenti, durante la cottura o l’etichettatura inadeguata, è frequente nonostante una dieta priva di glutine. La nostra speranza è che questo farmaco possa consentire ai pazienti celiaci di sperimentare meno eventi innescati dal glutine”.

Studio di progettazione

Questo studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, studio di fase 2 ha confrontato gli effetti di AMG 714 a due livelli di dosaggio (150 mg e 300 mg) con un placebo, tra i pazienti celiaci in un periodo di 12 settimane. Il farmaco è stato somministrato sei volte mediante iniezione sottocutanea. Un sottogruppo di pazienti ha ricevuto una dose di glutine ad alte dosi di circa 2,5 grammi al giorno per 10 settimane. Un altro sottogruppo di pazienti, che hanno mostrato l’atrofia della mucosa al basale, sono stati trovati – con nuovi test di rilevamento del glutine nelle feci e nelle urine – esposti a contaminazione da glutine inconsapevole durante le loro normali diete senza glutine e non hanno ricevuto glutine aggiuntivo.

Risultati dello studio

I risultati mostrano che AMG 714 ha ridotto gli effetti innescati dal glutine in ciascuno dei due gruppi che hanno ricevuto il farmaco, rispetto al placebo. Mentre AMG 714 non ha impedito completamente lesioni della mucosa glutine-indotta nel gruppo che ha ricevuto il glutine durante la sperimentazione, l’endpoint primario dello studio, una diminuzione di infiammazione intestinale è stato osservato, così come una tendenza non significativa verso la riduzione danno intestinale nel gruppo che non ha ricevuto glutine aggiuntivo. La riduzione dei sintomi è stata osservata quando sono stati valutati i risultati riferiti dal paziente, in particolare per il gruppo che ha assunto la dose maggiore di 300 mg di farmaco. Solo il gruppo trattato con placebo ha riscontrato un aumento della diarrea. Alla settimana 12, nessuno dei pazienti trattati con la dose di glutine che ha assunto la dose da 300 mg ha mostrato una malattia attiva, rispetto a un terzo del gruppo placebo. Nel gruppo che non ha ricevuto il glutine, non sono stati osservati sintomi associati al consumo accidentale di glutine. È importante sottolineare che non ci sono stati eventi avversi gravi o segnali di sicurezza nello studio. Gli eventi avversi più frequentemente riportati correlati al farmaco in studio comprendevano reazioni al sito di iniezione e dolore, mal di testa e infezione del tratto respiratorio superiore. Non sono emerse tendenze correlate alla dose, ad eccezione delle reazioni al sito di iniezione.

“Una dieta priva di glutine è l’unica opzione di trattamento per i pazienti celiaci fino ad oggi, ma è quasi impossibile per loro evitare il glutine del tutto e indefinitamente”, ha detto Markku Maki, ricercatore principale e Professore presso la Facoltà di medicina e scienze biologiche dell’ Università di Tampere in Finlandia. “Una media di metà dei pazienti celiaciche seguono una dieta priva di glutine continua ad avere un’infiammazione o un danno alla mucosa e un terzo ha sintomi ricorrenti, motivo per cui stiamo studiando farmaci per aiutare a prevenire le conseguenze del glutine assunto involontariamente“.

Prossimi passi

Il Dr. Leon e i suoi collaboratori hanno inoltre studiato AMG 714 nella celiachia refrattaria di tipo II, un linfoma nell’intestino che complica la celiachia in un piccolo sottogruppo di pazienti.

Fonte: EurekAlert

Altri articoli su celiachia