Il vapore delle sigarette elettroniche può compromettere le cellule che rivestono i polmoni

sigarette elettroniche

Immagine, Credit Praisaeng | Shutterstock.

Uno studio sugli animali ha scoperto che l’inalazione del vapore dalle sigarette elettroniche può causare cambiamenti cellulari nei polmoni che aumentano la suscettibilità ai virus e possono anche aumentare il rischio di morte. Sebbene lo studio sia stato condotto utilizzando topi, la scoperta potrebbe far luce sul perché le persone negli Stati Uniti stanno sviluppando gravi malattie polmonari che sembrano essere collegate allo svapo.

Malattie respiratorie misteriose

Una grande percentuale di giovani adulti altrimenti apparentemente sani stanno sviluppando problemi respiratori. Da giugno, 28 persone nello Utah hanno sviluppato malattie respiratorie misteriose e altri 200 casi sono stati segnalati in 25 stati a livello nazionale.

I sintomi riportati hanno incluso difficoltà respiratoria, dolore toracico, diarrea e vomito, ma i pazienti non hanno mostrato infezioni conosciute. Semplicemente non sembrano essere in grado di respirare correttamente e l‘unico legame tra loro è che tutti avevano utilizzato lo svapo di recente.

Successivamente, la FDA, i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) e le agenzie sanitarie locali hanno tutti cercato di risolvere il mistero.

Ora, uno studio recentemente pubblicato sul Journal of Clinical Investigation potrebbe far luce sulla questione.

Il vapore inalato ha cambiato le cellule che proteggono dalle infezioni

Lo pneumologo Farrah Kheradmand del Baylor College of Medicine e colleghi hanno dimostrato che, quando esposti allo svapo delle e-sigarette, i topi non sviluppano enfisema come i topi che fumano sigarette, ma hanno sviluppato altri problemi.

La semplice inalazione del vapore, anche se non conteneva nicotina, ha cambiato le cellule dei polmoni che di solito proteggono dalle infezioni.

Kheradmand afferma che questi cambiamenti compromettono la capacità di difendersi da batteri e virus e sostanzialmente lasciano i topi con un sistema immunitario polmonare disfunzionale.

Scambio gassoso e funzione dei macrofagi interrotta

I polmoni regolano il processo di scambio gassoso, che consente di inalare ossigeno e di espirare l’anidride carbonica. Tuttavia, contaminanti come batteri, virus e inquinamento possono anche essere inalati. I polmoni sono protetti da tutto questo, da un sottile strato di lipidi che rivestono i polmoni e anche da cellule immunitarie chiamate macrofagi.

Lo strato lipidico lega questi contaminanti e impedisce loro di raggiungere gli alveoli, dove si verifica lo scambio gassoso. I macrofagi interiorizzano anche gli invasori e assicurano che lo strato lipidico venga riempito più volte al giorno.

Ciò che lo studio attuale ha ora dimostrato è che i solventi nella vaporizzazione elettronica sembrano interrompere questo processo danneggiando i lipidi e impedendo ai macrofagi di “svolgere il loro lavoro”.

I ricercatori non sono sicuri di cosa stia succedendo ai lipidi a causa dello svapo, ma sanno che il sistema è stato modificato. Non solo i macrofagi diventano meno efficaci nel rinnovare lo strato lipidico, ma anche la loro capacità di colpire gli invasori è ridotta.

“Il tuo sistema immunitario è sbilanciato e poiché il tuo sistema non è preparato, ti ammali”, dice Ilona Jaspers, The University of North Carolina Chapel Hill

Alcuni casi che il CDC sta esaminando sono stati diagnosticati come polmonite lipoide, che presenta sintomi simili alla polmonite, ma non è causata da batteri. Invece, è una risposta immunitaria che provoca l’accumulo di lipidi nei polmoni.

Kheradmand ha precedentemente osservato la condizione nei topi che non avevano inalato la nicotina, ma erano stati esposti ai solventi nel vapore di sigarette elettroniche.

“All’epoca in cui stavamo lavorando al nostro studio c’erano uno o due rapporti che descrivevano persone che avevano svapato e avevano una polmonite sterile. I rapporti hanno mostrato una colorazione delle cellule all’interno del polmone che sembrava identica a quella dei nostri topi”, aggiunge Farrah Kheradm, del Baylor College of Medicine

Risultati come questi e quelli del presente studio probabilmente contribuiranno a cambiare il modo in cui i ricercatori considerano il rischio di malattia tra i vapers. Poiché i vapers di solito hanno meno di 25 anni, è improbabile che sviluppino cancro al polmone o enfisema o altre malattie comunemente associate al fumo di sigaretta.

In effetti, all’inizio, Kheradmand aveva cercato un’associazione tra lo svapo e l’enfisema nei topi, ma non era stato osservato alcun legame del genere.

Tuttavia, un collega Matthew Madison ha deciso di dare uno sguardo più dettagliato alle cellule del gruppo di controllo, che erano state esposte a svapo senza nicotina.

Vedi anche, Cellule immunitarie piene di grasso trovate nelle vittime della malattia da svapo.

I ricercatori hanno scoperto che le cellule nei polmoni di questi topi sembravano molto diverse dalle cellule sane, quindi hanno deciso di concentrarsi invece sull’esame di come i solventi dello svapo stessero cambiando la biologia di base dei polmoni.

Le cellule polmonari esposte a solventi dello svapo lottano per difendersi dalle infezioni

I ricercatori hanno scoperto che la capacità delle cellule di difendersi dalle infezioni era compromessa. Quando i topi sono stati esposti a piccole quantità del virus dell’influenza, i polmoni non sono stati in grado di difendere se stessi e gli animali e hanno sviluppato infezioni più gravi:

“Quando quei topi erano esposti a un virus che normalmente non uccide i topi, non erano in grado di gestire il virus”.

La pneumologa Laura Crotty Alexander dell’UC San Diego afferma che lo studio ha i suoi limiti: “I topi non sono umani. Non sono un modello perfetto”.

Ravi Kalhan, Direttore del Programma di asma e BPCO della Feinberg School of Medicine della Northwestern University concorda sul fatto che vi sia incertezza in merito al modo in cui i risultati si applicano agli esseri umani. Detto questo, tuttavia, “è davvero interessante aver notato che il vapore di sigarette elettroniche puo’ causare un cambiamento nella capacità fondamentale dei polmoni di rispondere ai patogeni”, continua il ricercatore.

Conclude che lo studio evidenzia quanto poco si sappia veramente delle sigarette elettroniche. Nel frattempo, il CDC sta esortando le persone a smettere di usare le sigarette elettroniche.


Altri articoli su sigarette elettroniche