Home Salute Virus e parassiti Il trattamento sperimentale COVID-19 somministrato a Trump

Il trattamento sperimentale COVID-19 somministrato a Trump

Immagine:Public Domain.

Un team di ricercatori della Regeneron Pharmaceuticals, Inc., in collaborazione con il Texas Biomedical Research Institute, ha dimostrato che il cocktail di anticorpi somministrato al Presidente Trump era efficace nel ridurre i sintomi del COVID-19.

Nei quattro giorni trascorsi da quando ha rivelato di avere il COVID-19, il Presidente Donald Trump è stato trattato con tre farmaci sperimentali per tenere sotto controllo l’infezione: gli anticorpi monoclonali, l’antivirale Remdesivir e lo steroide Desametasone.

- Advertisement -

Nell’ articolo pubblicato sulla rivista Science, il gruppo descrive gli esperimenti su scimmie e criceti che hanno comportato la somministrazione del cocktail al Presidente Trump.

Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha fatto notizia quando ha annunciato il 2 ottobre di essere risultato positivo al COVID-19. Negli ultimi giorni è tornato sui giornali perché si è dichiarato libero dal virus. La sua guarigione apparentemente mistificante è arrivata dopo l’annuncio di aver ricevuto un  sperimentale di anticorpi insieme a dosi di vitamina D, zinco e una medicina per il bruciore di stomaco.

 Il cocktail sperimentale di anticorpi che gli è stato somministrato è stato fornito per gentile concessione di Regeneron Pharmaceuticals, Inc., una società che ha condotto ricerche sull’uso di tali cocktail di anticorpi come terapie per una serie di infezioni virali, tra cui COVID-19. 

Individualmente, tutti e tre i trattamenti hanno mostrato risultati promettenti negli studi clinici. La Food and Drug Administration statunitense ha rilasciato l’autorizzazione all’uso di emergenza per somministrare remdesivir a pazienti abbastanza malati da richiedere il ricovero in ospedale. Diversi studi di grandi dimensioni hanno dimostrato che gli steroidi possono ridurre il rischio di morte nei pazienti in condizioni critiche. E la società di biotecnologie Regeneron Pharmaceuticals ha appena rilasciato i risultati preliminari degli anticorpi il 29 settembre da uno studio clinico in fase iniziale con 275 pazienti COVID-19, suggerendo che un cocktail ad alto dosaggio di proteine ​​immunitarie prodotte in laboratorio può aiutare a velocizzare il recupero.

- Advertisement -

“Ma non è chiaro come i farmaci potrebbero funzionare se usati insieme per curare i pazienti”, dice Rajesh Gandhi, un medico di malattie infettive al Massachusetts General Hospital e alla Harvard Medical School di Boston.

Ecco cosa sappiamo finora sui trattamenti usati per curare il Presidente.

Come funzionano i trattamenti?

In un comunicato stampa del 2 ottobre, la Casa Bianca ha annunciato che Trump aveva ricevuto una singola dose del cocktail di anticorpi di Regeneron poco dopo la sua diagnosi. (Regeneron, a Tarrytown, NY, è uno dei principali sostenitori finanziari di Society for Science & the Public, che pubblica Science News).

Quel cocktail include un paio di anticorpi monoclonali che prendono di mira ciascuno una parte diversa della proteina spike del coronavirus. Il virus utilizza la proteina spike per raccogliere un blocco cellulare, chiamato ACE2, per irrompere nelle cellule e iniziare a replicarsi. Legandosi al picco, gli anticorpi possono neutralizzare il virus e frenare l’infezione. Tali anticorpi monoclonali sono stati testati all’inizio dell’infezione, in persone che non sono gravemente malate di COVID-19.

Più tardi quel giorno, i medici trasferirono Trump al Walter Reed National Military Medical Center di Bethesda, nel Maryland, dove iniziò un trattamento di cinque giorni di Remdesivir, un farmaco sviluppato dalla società biofarmaceutica Gilead Sciences, che ha sede a Foster City, in California. , che viene somministrato per via endovenosa, imita un elemento costitutivo del materiale genetico del coronavirus. Inganna il virus facendogli incorporare il falso composto nel progetto genetico del virus, invece di incorporare un vero e proprio elemento costitutivo, arrestando la replicazione virale.

“Poi, il 3 ottobre, il Presidente ha ricevuto anche Desametasone”, ha detto il suo team medico in una conferenza stampa il 4 ottobre. Lo steroide, somministrato attraverso un’iniezione muscolare o per via endovenosa, è tipicamente riservato ai pazienti che necessitano di ossigeno supplementare o sono su un ventilatore. Il farmaco sopprime l’infiammazione, una risposta immunitaria che è alla base di alcuni casi gravi di COVID-19.

Cosa dicono finora i dati su questi farmaci?

Alcuni anticorpi monoclonali, come quelli dell’azienda farmaceutica Eli Lilly e Regeneron con sede a Indianapolis, hanno mostrato i primi segnali di successo, sebbene i risultati siano ancora preliminari ( SN 9/22/20 ). I trattamenti sembrano ridurre i livelli del virus nel corpo.

“Tali anticorpi sono probabilmente utilizzati al meglio all’inizio della malattia, mentre il virus si sta ancora replicando nel corpo di un paziente”, dice Gandhi.

Successivamente durante la malattia, la replicazione virale diminuisce, ma i pazienti gravemente malati possono avere enormi quantità di infiammazione da una risposta immunitaria iperattiva. Senza molti virus che circolano nel corpo, gli anticorpi che smorzano la crescita virale sono meno efficaci nel migliorare i pazienti.

“Finora, gli studi suggeriscono che Remdesivir e Desametasone possono aiutare le persone che finiscono in ospedale”, dice Gandhi. Remdesivir può essere utilizzato al meglio all’inizio, prima che i pazienti necessitino di cure ospedaliere, ma non è stato ancora testato su pazienti lievemente malati. L’azienda sta lavorando allo sviluppo di una versione per inalazione che potrebbe essere somministrata prima in un’infezione al di fuori di un ambiente ospedaliero.

Remdesivir è stato il primo farmaco che ha dimostrato di frenare la replicazione virale e potenzialmente accelerare il recupero nei pazienti COVID-19 ospedalizzati ( SN: 4/29/20 ). Il Desametasone è stato utilizzato per decenni per trattare una varietà di disturbi ed è stato il primo farmaco a ridurre i decessi per COVID-19 tra le persone che necessitano di ossigeno supplementare ( SN: 6/16/20 ). A settembre, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha confermato che gli steroidi sono utili per i pazienti COVID-19, in particolare per quelli che erano gravemente malati ( SN: 9/2/20 ).

Trump ha ricevuto Remdesivir e Desametasone rispettivamente entro uno o due giorni dalla sua diagnosi. Tale trattamento potrebbe essere un segno che le condizioni di Trump sono più gravi di quanto riportato, oppure potrebbe essere una misura preventiva per garantire che i suoi sintomi non diventino gravi. Inizialmente, i suoi sintomi sono stati descritti come lievi, ma i suoi medici hanno detto che dalla sua diagnosi, Trump aveva la febbre e ha ricevuto ossigeno supplementare quando il suo livello di ossigeno nel sangue è sceso.

Cosa sappiamo su come potrebbero agire questi farmaci se combinati?

“Non sappiamo ancora come lavorano insieme”, dice Gandhi.

I ricercatori hanno fatto passi da gigante nello scoprire potenziali trattamenti e sono in corso sperimentazioni per un’ampia varietà di farmaci. Ma, finora, l’uso di Remdesivir, anticorpi monoclonali e Desametasone in combinazione non è stato studiato. Sono in corso alcuni sforzi per trovare risposte. I partecipanti al braccio di trattamento di una sperimentazione clinica per un anticorpo monoclonale, ad esempio, stanno ricevendo sia l’anticorpo che il Remdesivir per confrontare il loro uso insieme al solo Remdesivir.

“Ci sono ragioni teoriche per pensare che avrebbe senso combinarle”, dice Gandhi. “Ad esempio, un farmaco antivirale come il Remdesivir dovrebbe “interrompere la replicazione del virus e quindi il Desametasone assorbirebbe l’infiammazione”.

L’infiammazione fa parte della risposta naturale del corpo all’infezione virale e livelli normali aiutano a eliminare il virus dal corpo. Se un paziente soffre di elevate quantità di infiammazione e richiede trattamenti steroidei per sopprimere la risposta, potrebbe essere utile avere un antivirale a portata di mano per aiutare a spegnere l’infezione.  

“Poiché gli antivirali prendono di mira il virus mentre gli steroidi smorzano una risposta immunitaria potenzialmente dannosa, tali terapie combinate non dovrebbero sovrastimolare il sistema immunitario di un paziente”, dice il ricercatore. Non è noto se l’uso congiunto dei farmaci possa aiutare o ostacolare la loro efficacia.  

“A volte noi in medicina finiamo per prendere decisioni senza dati perfetti”, dice Gandhi. “Sfortunatamente, questa è la situazione in una pandemia e quindi usiamo il nostro miglior giudizio”.

 In questo nuovo sforzo, i ricercatori hanno testato il cocktail di anticorpi con  e criceti dorati.

Nella prima parte di un nuovo studio che convalida l’efficacia del trattamento utilizzato per Trump, i ricercatori della Regeneron Pharmaceuticals, Inc., in collaborazione con il Texas Biomedical Research Institute, hanno somministrato il cocktail (che chiamano REGN-COV2) a macachi rhesus sani. Ricerche precedenti avevano dimostrato che possono essere infettati dal virus SARS-CoV-2, ma in genere presentano solo sintomi lievi. Tre giorni dopo aver ricevuto il cocktail, alle scimmie è stato iniettato il virus SARS-CoV-2 e quindi gli animali sono stati monitorati per vedere se il trattamento aveva avuto qualche impatto. I ricercatori hanno scoperto che le scimmie che avevano ricevuto il trattamento prima dell’infezione mostravano molti meno sintomi rispetto a un gruppo di controllo e avevano una carica virale molto più bassa.

I ricercatori hanno anche iniettato il cocktail ad alcune scimmie dopo che erano state infettate e hanno scoperto che così facendo riducevano anche i sintomi e si traduceva in una più rapida eliminazione virale. I ricercatori hanno poi ripetuto gli stessi esperimenti con i criceti dorati. Anche loro sono stati trovati suscettibili al COVID-19, ma hanno sintomi molto più gravi, inclusa una grave perdita di peso. Hanno scoperto che somministrato due giorni prima di essere infettati dal virus SARS-CoV-2, il trattamento ha ridotto notevolmente i sintomi e non hanno subito perdita di peso. E somministrato ai criceti dopo che un’infezione era insorta ha anche provocato una riduzione dei sintomi e una più rapida eliminazione virale.

I ricercatori suggeriscono che REGN-COV2 può offrire benefici terapeutici sia come trattamento che come misura preventiva per COVID-19.

Fonte: Science /  Medicalxpress

ULTIMI ARTICOLI

Glaucoma: invertita la perdita della vista legata all’età

ll glaucoma è una malattia oculare correlata generalmente a una pressione dell’occhio troppo elevata. Secondo l’OMS ne sono affette circa 55 milioni di persone...

Vaccino COVID 19 in Italia da Gennaio

Le prime dosi del vaccino COVID 19 di Pfizer-BioNTech sono in viaggio verso l’Europa tramite voli cargo dagli Stati Uniti. I voli charter della...

Vaccino COVID 19: Pfizer fa domanda per approvazione

Pfizer e BioNTech hanno chiesto l'approvazione del loro vaccino contro il coronavirus COVID 19 all'EMA. Le aziende farmaceutiche hanno già richiesto l'autorizzazione negli Stati Uniti...

Vaccino COVID 19: a che punto siamo?

Vaccino COVID 19: a che punto siamo? I ricercatori di tutto il mondo stanno cercando di sviluppare vaccini sicuri ed efficaci contro SARS-CoV-2, il...

Cancro: accorciamento dei telomeri protegge dal rischio

Cancro/telomeri.Immagine:Telomeri umani (verdi) alle estremità dei cromosomi (blu). Credito: Rockefeller University. L'accorciamento dei telomeri protegge dalla rischio di sviluppare il cancro, secondo uno studio dei ricercatori...