SaluteVirus e parassitiIl tanto atteso vaccino RSV

Il tanto atteso vaccino RSV

RSV-Immagine Credit Public Domain-

Sono ora disponibili due vaccini per proteggere dal virus respiratorio sinciziale (RSV) per gli ultrasessantenni, ma è ancora in fase di sviluppo un vaccino per proteggere i bambini piccoli. “The Long-Awaited RSV Vaccine” fornisce un aggiornamento sulla ricerca sul vaccino RSV. L’articolo è stato pubblicato sul Journal of Interferon & Cytokine Research.

Il tanto atteso vaccino RSV

Immagine Journal of Interferon & Cytokine Research-

L’infezione con l’RSV altamente contagioso può causare gravi malattie del tratto respiratorio inferiore. L’infezione da RSV è particolarmente pericolosa nei neonati e nei bambini piccoli e negli anziani.

Dopo decenni di tentativi di sviluppare un vaccino RSV, due aziende farmaceutiche hanno finalmente avuto successo. La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha concesso l’approvazione del vaccino di Glaxo SmithKline il 3 maggio 2023 e ha approvato il vaccino di Pfizer il 31 maggio 2023, entrambi per l’uso negli adulti di età superiore ai 60 anni.

Una singola somministrazione di formulazioni di vaccino a base di proteina F stabilizzata in prefusione ha fornito alti livelli di protezione contro la malattia del tratto respiratorio inferiore correlata al virus respiratorio sinciziale“, affermano i coautori, John Altman, della Emory University School of Medicine, e Barry Rouse, dell’Università del Tennessee, College of Veterinary Medicine.

Gli approcci per proteggere i neonati ei bambini molto piccoli si sono generalmente concentrati sulla vaccinazione delle donne in gravidanzaGli autori forniscono informazioni aggiornate sugli studi sui vaccini in corso, nonché su altri vaccini per proteggere dal virus respiratorio sinciziale in fase di sviluppo.

Come sanno bene i genitori di bambini piccoli, l’infezione con il virus respiratorio sinciziale altamente contagioso (RSV) può causare gravi malattie del tratto respiratorio inferiore. Inoltre, il recupero da un attacco di sintomi non è la fine della condizione poiché una o più recidive, di solito più lievi, possono verificarsi prima che i bambini “crescano”. L’infezione può anche lasciare il segno, rendendo alcuni bambini più propensi a soffrire di malattie allergiche durante l’infanzia e oltre. RSV può anche essere problematico negli anziani, in particolare quelli con malattie cardiache o polmonari croniche e soprattutto per coloro che risiedono in comunità come le case di riposo. 

Complessivamente, l’RSV è una delle principali cause di ricovero infantile con ben il 2-3% dei bambini ricoverati durante il primo anno di vita (Graham, 2023) e l’infezione è responsabile di circa 14.000 decessi negli anziani negli Stati Uniti.

Allora perché non abbiamo vaccinato tutti contro RSV? In effetti, abbiamo provato a partire dagli anni ’60 con diverse formulazioni, molte delle quali si sono dimostrate efficaci quando testate in sistemi di test su modelli animali tutt’altro che perfetti (Mazur et al., 2018 ). Uno dei primi vaccini candidati ha utilizzato un intero formato inattivato che ricorda il successo del vaccino Salk contro il poliovirus ed è stato valutato in diversi gruppi di bambini, compresi alcuni di età inferiore ai 6 mesi. Sfortunatamente, i soggetti di età più giovane hanno subito un focolaio di RSV e dei 31 bambini vaccinati 20 sono stati infettati, 16 hanno dovuto essere ricoverati in ospedale e 2 sono morti (Kapikian et al., 1969). Questi terribili risultati hanno indotto una notevole cautela nel campo del vaccino RSV e quelli che sono stati testati sugli esseri umani erano scarsi induttori di anticorpi neutralizzanti, che sono principalmente diretti contro la proteina F di RSV.

Questa nuvola oscura è passata quando sono state fatte scoperte entusiasmanti e portate a compimento da Jason McLellan, Barney Graham e Peter Kwong presso il NIH Vaccine Research Center. I ricercatori hanno scoperto come stabilizzare la forma prefusionale della proteina F di attacco virale e hanno dimostrato che si trattava di un immunogeno molto più efficace per indurre anticorpi protettivi neutralizzanti il ​​virus contro l’RSV rispetto alla forma postfusionale utilizzata nei vaccini precedenti (McLellan et al., 2013)

Questo studio, che ha anche informato in modo importante la progettazione di molti vaccini SARS-CoV-2, ha posto le basi per produrre e testare un vaccino proteico F stabilizzato prima della fusione contro RSV.

Ora apprendiamo che 2 aziende farmaceutiche (GSK e Pfizer) hanno dimostrato in diversi ampi studi internazionali di fase 3 condotti su adulti in gran parte sani di età superiore ai 60 anni che una singola somministrazione di formulazioni di vaccini con proteine ​​F stabilizzate in prefusione ha fornito alti livelli di protezione contro la malattia del tratto respiratorio inferiore correlata a RSV confermata dalla reazione a catena della polimerasi di trascrizione inversa

La FDA ha concesso l’approvazione del vaccino GSK il 3 maggio 2023 e ha approvato il vaccino Pfizer il 31 maggio 2023, entrambi per l’uso negli adulti di età superiore ai 60 anni. il vaccino GSK è monovalente e adiuvato, mentre il vaccino Pfizer è bivalente e non adiuvato. Naturalmente, al momento disponiamo di dati solo per la protezione di 1 anno e non sappiamo per quanto tempo durerà la protezione o se potrebbero esserci conseguenze a lungo termine, ad esempio in caso di riesposizione all’infezione da RSV vivo negli anni successivi, ma questo risultato successivo sembra improbabile.

Lo sviluppo di approcci per proteggere i neonati e i bambini molto piccoli si è concentrato sulla vaccinazione delle donne incinte, e qui le cose si fanno un po’ più complicate. GSK ha arruolato 10.579 partecipanti a uno studio di fase III di una versione non adiuvata del suo vaccino a subunità stabilizzato prima della fusione e lo ha interrotto presto dopo che il comitato di monitoraggio dei dati e della sicurezza ha rilevato una frequenza più alta statisticamente significativa di nascite pretermine nel gruppo del vaccino rispetto al gruppo di controllo (Wadman, 2023) e NCT04605159. Al contrario, il 18 maggio 2023 il comitato consultivo per i vaccini e i prodotti biologici correlati (VRBPAC) della Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha votato per raccomandare l’approvazione del vaccino Pfizer per le donne incinte nonostante le preoccupazioni di alcuni membri del comitato circa una tendenza non statisticamente significativa verso una maggiore frequenza di nascite pretermine nel gruppo del vaccino. Alla luce di dati come questi, un attento monitoraggio post-autorizzazione sarà cruciale.

Dovremmo aspettarci di vedere una serie di ulteriori sviluppi nel prossimo futuro. Moderna completerà presto uno studio clinico di fase 3 attivo su un previsto numero di 37.000 partecipanti >60 anni di età di un vaccino mRNA (NCT05127434) e un comunicato stampa indica che lo studio ha raggiunto il suo endpoint primario di efficacia. Su una tempistica leggermente più lunga, Meissa sta conducendo una sperimentazione di fase 1 del suo vaccino vivo/attenuato nei bambini dai 6 ai 36 mesi di età (NCT04909021) e se questo programma avrà successo, non incontrerà eventi avversi come l’aumento delle malattie respiratorie che continuano a rendere le persone diffidenti nei confronti della vaccinazione dei bambini con vaccini a subunità proteica. Infine, come tutti abbiamo appreso dalla pandemia di SARS-CoV-2, ci saranno preoccupazioni significative sull’accettazione di qualsiasi vaccino RSV e questo potrebbe purtroppo limitare l’efficacia dell’impresa.

Leggi anche:RSV bambini: prima efficace immunizzazione contro il pericoloso virus

“Questo è un progresso estremamente importante, non solo per il controllo del virus respiratorio sinciziale, ma anche per la progettazione del vaccino in generale”, afferma David L. Woodland, caporedattore del Journal of Interferon & Cytokine Research, Ph.D.

Fonte:Journal of Interferon & Cytokine Research 

Newsletter

Tutti i contenuti di medimagazine ogni giorno sulla tua mail

In primo piano

Articoli correlati

ALTRE NOTIZIE