Home Salute Cervello e sistema nervoso Il Parkinson può iniziare nell'intestino e diffondersi nel cervello attraverso il nervo...

Il Parkinson può iniziare nell’intestino e diffondersi nel cervello attraverso il nervo vago

Un importante studio epidemiologico dell’Università di Aarhus e dell’Ospedale universitario di Aarhus indica che la malattia di Parkinson inizia nel tratto gastrointestinale; lo studio è il più grande finora realizzato nel campo.

La malattia neurodegenerativa cronica del Parkinson colpisce un numero crescente di persone. Tuttavia, gli scienziati non sanno ancora perché alcune persone sviluppano iquesto morbo. Ora i ricercatori dell’Università di Aarhus e dell’Ospedale universitario di Aarhus hanno fatto un passo importante verso una migliore comprensione della malattia.

Una nuova ricerca indica che la malattia di Parkinson può iniziare nel tratto gastrointestinale e diffondersi attraverso il nervo vago al cervello.

“Abbiamo condotto uno studio di registro su quasi 15.000 pazienti a cui è stato reciso il nervo vago nello stomaco. Tra il 1970 e il 1995 circa, questa procedura era un metodo molto comune per il trattamento dell’ulcera. Se è davvero corretto che il Parkinson inizi nell’intestino e si diffonda attraverso il nervo vago, allora questi pazienti con vagotomia dovrebbero naturalmente essere protetti dallo sviluppo del morbo di Parkinson “, spiega il post dottorato all’Università di Aarhus, Elisabeth Svensson sull’ipotesi alla base dello studio.
This image shows the course and distribution of the glossopharyngeal, vagus, and accessory nerves.
Un’ipotesi che si è rivelata corretta:
“Il nostro studio mostra che i pazienti che hanno avuto l’intero nervo vago reciso erano protetti contro il morbo di Parkinson. Il loro rischio è stato dimezzato dopo 20 anni. Tuttavia, i pazienti che avevano avuto solo una piccola parte del nervo vago reciso non erano protetti. Ciò si adatta anche all’ipotesi che il processo della malattia sia fortemente dipendente da un nervo vago completamente o parzialmente intatto per essere in grado di raggiungere e influenzare il cervello “, afferma Scensson.
Il progetto di ricerca è appena stato pubblicato sulla rivista Annals of Neurology, una rivista riconosciuta a livello internazionale.
Il primo esame clinico
La ricerca ha dimostrato con forza che la malattia di Parkinson inizia nel tratto gastrointestinale e si diffonde attraverso il nervo vago al cervello. Molti pazienti hanno anche sofferto di sintomi gastrointestinali prima che venisse fatta la diagnosi del Parkinson. “I pazienti con malattia di Parkinson sono spesso costipati molti anni prima di ricevere la diagnosi e questo potrebbe essere un marcatore precoce del legame tra patologia neurologica e gastroenterologica correlata al nervo vago“, afferma Elisabeth Svensson. Le precedenti ipotesi sulla relazione tra il Parkinson e il nervo vago hanno portato a studi sugli animali e studi cellulari sul campo. Tuttavia, l’attuale studio è il primo e il più grande studio epidemiologico sull’uomo. Il progetto di ricerca è un pezzo importante del puzzle in termini di cause della malattia. In futuro i ricercatori si aspettano di essere in grado di utilizzare le nuove conoscenze per identificare i fattori di rischio per il morbo di Parkinson e quindi prevenire la malattia.
“Ora che abbiamo trovato un’associazione tra il nervo vago e lo sviluppo della malattia di Parkinson, è importante condurre ricerche sui fattori che possono scatenare questa degenerazione neurologica, in modo da poter prevenire lo sviluppo della malattia. Essere in grado di farlo sarà naturalmente un grande passo avanti “, afferma Elisabeth Svensson.

Fonte: Neurosciencenews


ULTIMI ARTICOLI

Le statine riducono la gravità di COVID-19

Immagine: l'infezione da SARS-CoV-2 (verde, a sinistra) è inibita dal trattamento con 25HC (a destra). Credito: UC San Diego Health Sciences. Non ci sono trattamenti approvati...

Il trattamento con metformina è collegato al rallentamento del declino cognitivo

Immagine: Public Domain. La metformina è il trattamento di prima linea per la maggior parte dei casi di diabete di tipo 2 e uno dei...

Il fruttosio prodotto nel cervello potrebbe essere alla base dell’Alzheimer

Una nuova ricerca pubblicata dall'Anschutz Medical Campus dell'Università del Colorado propone che la malattia di Alzheimer possa essere guidata dall'iperattivazione del fruttosio prodotto nel...

Come il microbioma della madre influenza il neurosviluppo fetale

Immagine: Public Domaian. "Durante la gravidanza nei topi, i miliardi di batteri e altri microbi che vivono nell'intestino di una madre regolano i metaboliti chiave,...

Iniziano le sperimentazioni per una nuova arma contro il Parkinson: la luce

Immagine:Alan Minson dice che i suoi sintomi di Parkinson sono migliorati dopo che ha iniziato a usare un "casco leggero" nel luglio 2019. Credito:RON...