HomeSaluteTumoriIl mifepristone può arrestare la crescita del neuroma acustico

Il mifepristone può arrestare la crescita del neuroma acustico

I ricercatori del Massachusetts Eye and Ear hanno dimostrato che il mifepristone, un farmaco attualmente approvato dalla FDA per l’aborto chimico, impedisce la crescita delle cellule vestibolari di schwannoma (noto anche come neuroma acustico). Questo tumore intracranico talora letale, causa la perdita dell’udito e l’acufene.

I risultati, pubblicati online oggi in Scientific Reports, suggeriscono che il mifepristone è un promettente candidato farmaco da riposizionare per il trattamento di questi tumori.

“Attualmente, non ci sono farmaci approvati dalla FDA per gli schwannomi vestibolari o la perdita dell’udito associata”, ha detto Konstantina Stankovic, chirurgo di base dell’orecchio e del cranio e neuroscienziato alla Mass. Eye and Ear e alla Harvard Medical School che hanno diretto lo studio. “Pertanto, c’è una necessità medica insoddisfatta di farmaci con effetti collaterali minimi che potrebbero trattare questo tumore e ridurre o ovviare al bisogno di chirurgia e radiazioni”.

- Advertisement -

Gli schwannomi vestibolari istologicamente non sono maligni, ma sono pericolosi a causa della loro posizione. Nascendo dalle cellule di Schwann del nervo vestibolare (equilibrio), questi tumori possono crescere fino al punto di danneggiare le strutture vicine e possono portare alla morte comprimendo il tronco cerebrale. Comprimendo i nervi nel canale uditivo interno, questi i tumori possono provocare capogiri e paralisi del nervo facciale, oltre alla perdita dell’udito.

Sebbene gli schwannomi vestibolari che colpiscono entrambe le parti siano il segno distintivo della neurofibromatosi di tipo 2 (NF2), una malattia genetica che causa la crescita di tumori in più siti durante la vita di una persona, anche gli schwannomi vestibolari possono verificarsi sporadicamente e solo da un lato.

Attualmente, i pazienti con schwannoma vestibolare sintomatico o in crescita possono essere sottoposti a resezione chirurgica (tramite craniotomia) o radioterapia; tuttavia, entrambe queste procedure comportano rischi significativi.

Nello studio, i ricercatori hanno eseguito per primi la più grande meta-analisi del trascrittoma dello schwannoma vestibolare o neuroma acustico, studiando 80 tumori da pazienti con schwannoma vestibolare sporadico e associato a NF2. Quindi, attraverso un sondaggio su oltre 1.100 candidati farmaci (tutti approvati dalla FDA), hanno identificato un breve elenco di farmaci con il potenziale di convertire la firma trascrizionale anormale di un tumore in una più normale. Hanno quindi testato otto dei farmaci candidati più promettenti contro le cellule cresciute da altri schwannoma vestibolare umano. I loro esperimenti hanno dimostrato che un farmaco in particolare, il mifepristone, era il più efficace. Il trattamento delle cellule di schwannoma vestibolare con il mifepristone ha ridotto il loro tasso di proliferazione dell’80%.

- Advertisement -

“La nostra indagine rappresenta la prima applicazione di riposizionamento dei farmaci approvati dalla FDA per questa classe di tumori, basata su algoritmi “, ha detto la prima autrice dello studio Jessica Sagers, una dottoranda presso la Harvard Medical School.

Il mifepristone è un candidato allettante per il riutilizzo, in quanto è relativamente sicuro, ben studiato e causa effetti collaterali minimi. Approvato dalla FDA nel 2000, il mifepristone viene spesso usato insieme ad un altro farmaco, il misoprostolo, per porre fine ad una gravidanza precoce. Gli effetti collaterali per il mifepristone comprendono lieve affaticamento, vampate di calore, nausea ed eruzione cutanea. L’uso a lungo termine del mifepristone è stato studiato in studi clinici per altri tumori, con effetti avversi minimi riportati dopo anni di utilizzo.

Sulla base dei risultati descritti, gli autori dello studio sono cautamente ottimisti riguardo al potenziale terapeutico del mifepristone per i pazienti con schwannoma vestibolare, sia da NF2 che per quelli che si verificano sporadicamente. Il Dr. Stankovic spera di iniziare uno studio clinico di fase II presso Mass. Eye and Ear per determinare l’efficacia del farmaco per questa condizione.

“Siamo ottimisti sula possibilità di riutilizzare questo farmaco relativamente sicuro per i pazienti che hanno disperatamente bisogno di soluzioni migliori”, ha detto il ricercatore.

Fonte: Nature

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...