Il microbioma cervicale può promuovere lesioni precancerose di alto grado

microbioma cervicale

Una nuova ricerca suggerisce che il microbioma cervicale può influenzare l’infezione da HPV più di quanto si pensasse in precedenza.

Le infezioni da Papillomavirus Umano (HPV) causano il 99% dei casi di cancro cervicale e il primo segno della malattia è spesso la comparsa di lesioni precancerose sulla cervice di una donna. Ma anche i batteri possono svolgere un ruolo importante. 

In uno studio pubblicato questa settimana su mBio, i ricercatori hanno utilizzato il sequenziamento profondo per identificare le famiglie batteriche associate alle lesioni di alto grado che hanno maggiori probabilità di diventare cancerose. I ricercatori hanno trovato un mix microbico più ricco e diversificato all’interno di lesioni di alto grado rispetto a lesioni di basso grado o cervici sane. I taxa più abbondanti associati alle lesioni di grado più elevato includevano Mycoplasmatales, Pseudomonadales e Staphylococcus.

‘I dati suggeriscono che i batteri di Mycoplasma, in particolare, possono aiutare a promuovere la crescita delle lesioni correlate all’HPV’, afferma il virologo e dirigente dello studio Peter C. Angeletti presso l’Università del Nebraska-Lincoln.

Vedi anche La vaccinazione contro l’HPV previene lo sviluppo del cancro cervicale?

“Il nuovo studio ha trovato una chiara correlazione tra i batteri e le lesioni’, afferma Angeletti, ‘ma non è chiaro quale sia la causa della connessione”, dice il ricercatore. “Ma qual è la relazione e sono lì in anticipo rispetto all’HPV?”

“Comprendere che la relazione ha implicazioni cliniche per il cancro del collo dell’utero, la seconda causa più comune di morte per cancro tra le donne in tutto il mondo, apre una strada che porta al trattamento”, dice Angeletti. “Se i ricercatori stabiliscono che i batteri facilitano la crescita delle lesioni, ad esempio, il pretrattamento con alcuni antibiotici può impedire lo sviluppo del cancro”.

Angeletti ed i suoi colleghi hanno sequenziato geni di RNA in 16 campioni prelevati direttamente da lesioni cervicali di 144 donne in Tanzania che ha uno dei più alti tassi di mortalità per cancro cervicale in tutto il mondo. I ricercatori hanno prima confrontato i batteri in campioni da donne HIV negative con campioni di donne che erano sieropositive. Precedenti studi hanno suggerito che l’infezione da HIV pone una persona a più alto rischio di infezione da HPV.

L’analisi ha mostrato una maggiore varietà di taxa distinti nei campioni di donne sieropositive rispetto a quelli di donne che erano HIV negative. Inoltre, nel sottogruppo di donne che erano sieropositive e con lesioni cervicali, i ricercatori hanno scoperto che le lesioni di grado più elevato ospitavano più popolazioni di batteri.

Tra i batteri identificati, quelli appartenenti alla famiglia Mycoplasmatales avevano la più chiara correlazione con la gravità delle lesioni. In media, quei batteri erano più abbondanti in presenza di lesioni di grado superiore e meno abbondanti per lesioni di grado inferiore. I ricercatori hanno trovato le stesse relazioni sia nelle donne HIV positive che in quelle HIV negative.

La prossima sfida è quella di stabilire la relazione meccanicistica tra la flora batterica e l’HPV. I batteri potrebbero promuovere l’infezione da HPV direttamente o indirettamente provocando un’infiammazione cronica che promuove l’HPV.

Il cancro cervicale è il tumore più comune causato da HPV, ma l’infezione aumenta anche il rischio di una persona di cancro orale, anale, del pene e di altro tipo. 

“Funziona influenzando la mucosa ovunque ci sia la mucosa”, dice Angeletti. “In quegli stessi siti”, egli afferma,”il microbioma potrebbe svolgere un ruolo nella promozione del cancro e potrebbe anche suggerire una via per un futuro trattamento preventivo”.

Fonte, EurekAlert

Altri articoli su microbioma cervicale