Il farmaco Auranofin contenente oro uccide il 95% del virus SARS-CoV-2 in 48 ore in condizioni di laboratorio

Immagine: Image Credit: Sherry Yates Young / Shutterstock

Un farmaco chiamato Auranofin, approvato per il trattamento dell’artrite reumatoide, inibisce efficacemente la sindrome respiratoria acuta grave coronavirus (SARS-CoV-2) in condizioni di laboratorio, come descritto in un nuovo studio condotto dai ricercatori della Georgia State University.

SARS-CoV-2 è il ceppo virale responsabile della pandemia di coronavirus in corso nel 2019 (COVID-19) che costringe in ospedale il 20 percento delle persone infette. Da quando COVID-19 ha iniziato a propagarsi, la ricerca di modalità di trattamento ottimali è diventata una priorità globale.

Diversi farmaci esistenti, che erano stati precedentemente sviluppati (o usati) per gestire altre malattie da coronavirus, HIV / AIDS e malaria, sono allo studio e persino utilizzati come trattamenti COVID-19. Accanto al potenziale utilizzo della trasfusione di plasma convalescente e allo sviluppo di vaccini ad alta priorità, la ricerca di un farmaco efficace è una delle priorità fondamentali di cui abbiamo bisogno per affrontare questa pandemia.

Ricerca di riproposizione farmacologica

È attualmente in corso un progetto in cui i farmaci già approvati dalla Food & Drug Administration (FDA) statunitense sono sottoposti a screening per il loro potenziale utilizzo contro SARS-CoV-2. Uno di questi sforzi è stato perseguito dagli scienziati del Dipartimento di Biologia, College of Arts and Sciences della Georgia State University. Più specificamente, i ricercatori miravano a valutare l’attività antivirale dell’ Auranofin, un farmaco contenente oro usato per il trattamento dell’artrite reumatoide dal 1985.

I loro risultati sono disponibili nel documento non peer-review bioRxiv.

   “Il riutilizzo dei farmaci è il modo più rapido per ottenere un trattamento per SARS-CoV-2 perché è già stato stabilito che questi medicinali sono sicuri da usare nell’uomo”, ha spiegato il Dr. Mukesh Kumar, assistente Professore di biologia e uno degli autori principali dello studio.

Il tocco dorato di Auranofin

 Auranofin è un composto chimico che contiene particelle d’oro. Pertanto è anche noto come “composto di sale d’oro”. Tali farmaci contenenti oro hanno proprietà anti-infiammatorie note e questa specifica trietilfosfina può ridurre la produzione di citochine e stimolare l’immunità mediata dalle cellule. Oltre all’artrite reumatoide, l’Auranofina è stata recentemente approvata dalla FDA per entrare in studi clinici di fase II per il trattamento del cancro. Il farmaco è stato anche studiato in altre malattie come i disturbi neurodegenerativi e varie infezioni (HIV / AIDS, tubercolosi, nonché alcune infestazioni parassitarie). Ciò ha spinto i ricercatori a valutare se può essere utilizzato nell’attuale pandemia di COVID-19.

Il nuovo studio descrive un processo in cui le cellule umane infettate con SARS-CoV-2 sono state trattate con Auranofin. Entro 24 ore dal trattamento, le concentrazioni virali nelle cellule sono diminuite dell’85 percento e entro 48 ore dal 95 percento. Allo stesso tempo, Auranofin non era tossico per le cellule utilizzate in questa ricerca. Il trattamento ha anche ridotto significativamente l’infiammazione indotta dal coronavirus, nonché l’espressione delle citochine (che segnalano proteine ​​che attirano le cellule immunitarie nel sito di infezione). Quest’ ultime sono piuttosto cruciali poiché è noto che molti pazienti COVID-19 muoiono a causa di una “tempesta di citochine” quando la risposta immunitaria del corpo sfugge al controllo, uccidendo, a loro volta, i tessuti sani e causando insufficienza d’organo.

Vedi anche: Quanto incidono i portatori silenziosi nella diffusione di SARS-CoV-2?

Ciò dimostra che il farmaco non solo potrebbe inibire la replicazione della SARS-CoV-2, mitigando l’infezione, ma anche ridurre il danno polmonare associato che spesso porta a gravi difficoltà respiratorie e persino alla morte”, spiega il dott. Kumar.  “Nel loro insieme, questi risultati dimostrano che Auranofin inibisce la replicazione di SARS-CoV-2 nelle cellule umane a bassa concentrazione micromolare”, spiegano gli autori nel documento. “Dimostriamo anche che il trattamento con Auranofin ha comportato una riduzione significativa dell’infiammazione indotta da virus“, aggiungono. Questi risultati indicano che Auranofin potrebbe davvero essere un’utile aggiunta al nostro (attualmente limitato) armamentarium di trattamento per limitare l’infezione da SARS-CoV-2 e il danno polmonare dovuto a COVID-19. Questa è una buona notizia, poiché Auranofin ha un profilo di tossicità familiare ed è considerato sicuro per l’uso umano. Naturalmente, questo studio è stato condotto in condizioni di laboratorio con l’uso della linea cellulare umana Huh7 derivata da cellule epatiche e precedentemente ampiamente utilizzata nella ricerca sull’epatite C. Pertanto, sono necessari ulteriori studi sugli animali per confermare questa prova di concetto prima che possa essere provata in ambito clinico.

Fonte: bioRxiv.