HomeAlimentazione & BenessereIl digiuno intermittente migliora la risposta infiammatoria

Il digiuno intermittente migliora la risposta infiammatoria

(Digiuno intermittente-Immagine Credit Public Domain).

Secondo un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Intermountain Healthcare Heart Institute di Salt Lake City, il digiuno intermittente potrebbe non solo essere una tendenza dietetica, ma ha anche benefici per la salute più ampi, incluso l’aiuto a combattere l’infiammazione.

Precedenti ricerche hanno dimostrato che il digiuno intermittente, un modello alimentare che si alterna tra periodi di digiuno e alimentazione, può migliorare i marcatori di salute non correlati al peso. Ora, la nuova ricerca Intermountain mostra che il digiuno intermittente aumenta i livelli di galectina-3, una proteina legata alla risposta infiammatoria.

- Advertisement -

“L’infiammazione è associata a un rischio più elevato di sviluppare più malattie croniche, tra cui diabete e malattie cardiache. Siamo incoraggiati a trovare prove che il digiuno intermittente spinge il corpo a combattere l’infiammazione e a ridurre tali rischi”, ha affermato Benjamin Horne, Ph.D., ricercatore principale dello studio e Direttore di epidemiologia cardiovascolare e genetica presso l’Intermountain Healthcare Heart Institute.

I risultati dello studio sono stati presentati sabato 13 novembre alle sessioni scientifiche 2021 dell’American Heart Association, che si terranno virtualmente quest’anno.

Vedi anche:Digiuno intermittente dall’alba al tramonto: i benefici

Questi risultati fanno parte del WONDERFUL Trial di Intermountain che studia il digiuno intermittente e che ha scoperto che il digiuno intermittente provoca un calo del punteggio della sindrome metabolica (MSS) e della resistenza all’insulina. Questo studio specifico ha esaminato 67 pazienti di età compresa tra 21 e 70 anni che avevano tutti almeno una caratteristica della sindrome metabolica o diabete di tipo 2. I partecipanti inoltre non stavano assumendo farmaci antidiabetici o statine e avevano livelli elevati di colesterolo LDL.

- Advertisement -

Dei 67 pazienti studiati, a 36 è stato prescritto un programma di digiuno intermittente: due volte alla settimana digiuno di 24 ore di sola acqua per quattro settimane, poi una volta alla settimana digiuno di 24 ore di sola acqua per 22 settimane. Non si potevano fare digiuni in giorni consecutivi. I restanti 31 partecipanti non hanno apportato modifiche alla loro dieta o stile di vita.

Dopo 26 settimane, i ricercatori hanno quindi misurato la galectina-3 dei partecipanti e hanno scoperto che era più alta nel gruppo del digiuno intermittente. Hanno anche trovato tassi più bassi di HOMA-IR (resistenza all’insulina) e MSS (sindrome metabolica), effetti che i ricercatori ritengono possano essere simili agli effetti riportati dagli inibitori SGLT-2, una classe di farmaci usati per abbassare i livelli elevati di glucosio nel diabete di tipo 2.

“Livelli più elevati di galectina-3 nei pazienti che digiunavano, forniscono un meccanismo interessante potenzialmente coinvolto nel ridurre il rischio di insufficienza cardiaca e diabete”, ha affermato il Dott. Horne, che ha aggiunto che alcuni membri del team di studio hanno completato lo stesso regime prima dell’inizio dello studio per assicurarsi che fosse fattibile e non eccessivamente oneroso per i partecipanti.

“A differenza di alcuni programmi di dieta che sono incredibilmente restrittivi e promettono una perdita di peso magica, questa non è una forma drastica di digiuno. La routine migliore è quella a cui i pazienti possono attenersi a lungo termine e questo studio mostra che anche il digiuno occasionale può avere effetti positivi sulla salute”, ha aggiunto Horne.

I membri del team di ricerca di Intermountain Healthcare includono: Horne, Joseph B. Muhlestein, MD; Heidi T. maggio; Viet T. Le; Tami L.Bair; Kirk U. Knowlton, MD; e Jeffrey L. Anderson, MD.

Fonte:Medicalxpress

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...