Identificati nuovi bersagli terapeutici per il cancro del polmone a piccole cellule

cancro del polmone a piccole cellule

I ricercatori UT Southwestern Medical Center hanno identificato una proteina chiamata ASCL1 che è essenziale per lo sviluppo del cancro del polmone a piccole cellule e che, può essere eliminata per prevenire la formazione del tumore.

La nuova scoperta identifica ASCL1 come un importante obiettivo terapeutico per il cancro del polmone a piccole cellule.

“Abbiamo utilizzato un modello di topo geneticamente modificato che ha sviluppato il carcinoma polmonare a piccole cellule simile a quello umano e individuato due percorsi che a loro volta hanno rivelato la vulnerabilità di questo tipo di tumore”, ha detto l’autore senior dello studio Dr.ssa Jane E. Johnson, Prof.ssa di Neuroscienze e Farmacologia e membro dell’ UT Southwestern’s Harold C. Simmons Comprehensive Cancer Center.

I risultati, pubblicati dalla rivista Cell Reports, sono molto importanti perché la sopravvivenza dei pazienti con cancro del polmone a piccole cellule è scarsa e poche terapie sono disponibili.

“Il cancro del polmone a piccole cellule è una malattia devastante che viene diagnosticata in 30.000 persone l’anno negli Stati Uniti e rappresenta circa il 15 per cento dei casi di cancro al polmone. La maggior parte dei pazienti sopravvivono meno di un anno e il trattamento non è cambiato in modo significativo negli ultimi 30 anni. Il nostro lavoro mostra la possibilità di sviluppare nuovi tipi di terapie mirate per il cancro del polmone a piccole cellule, concentrandosi su ASCL1 “, ha affermato John D. Minna, Professore e Direttore del Hamon Center for Therapeutic Oncology Research e direttore del WA” Tex ” e Deborah Moncrief Jr. Center for Cancer Genetics.

Segni e sintomi del cancro del polmone a piccole cellule sono tosse, mancanza di respiro e dolore al petto. Il fumo è il principale fattore di rischio per il cancro del polmone a piccole cellule secondo il National Cancer Institute, che ha contribuito a finanziare lo studio insieme al Cancer Prevention and Research Institute of Texas.

Il team di ricercatori, che ha incluso la Dr.ssa Melanie H. Cobb, Direttore ad interim del Simmons Cancer Center e Prof.,ssa di Farmacologia, ha stabilito che la proteina ASCL1, presente nella maggior parte dei tumori del cancro polmonare a piccole cellule, è necessaria per lo sviluppo della malattia. Quando i ricercatori hanno eliminato ASCL1 nei polmoni di topi geneticamente modificati per sviluppare il cancro del polmone a piccole cellule, questa perdita ha impedito lo sviluppo del cancro.

Inoltre, i ricercatori sono stati in grado di distinguere la funzione di promozione dei tumori di ASCL1 e quella di una proteina correlata, NEUROD1, nel carcinoma polmonare a piccole cellule. Alcuni piccoli tumori polmonari esprimono ASCL1 mentre altri  esprimono NEUROD1 e anche se i due geni regolano diversi processi nelle cellule, sembrano controllare i geni che sono importanti nello sviluppo di  questo tipo di tumore.

Il Dr. Johnson, titolare del Shirley and William S. McIntyre Distinguished Chair in Neuroscience, ha studiato il ruolo di ASCL1 nel sistema nervoso in via di sviluppo per molti anni ed è stato in grado di identificare il nuovo ruolo della proteina nel cancro del polmone a piccole cellule grazie alla UT Southwestern’s Genomics and Microarray Core che fornisce tecnologie molecolari all’avanguardia a centinaia di ricercatori che perseguono diversi progetti di ricerca.

Fonte: Cell Reports


Altri articoli su cancro del polmone a piccole cellule