HomeSaluteCervello e sistema nervosoIctus: nuova speranza per recupero della vista

Ictus: nuova speranza per recupero della vista

(Ictus-Immagine: esempio di immagini anatomiche (utilizzate anche dai medici) per mostrare la posizione e l’entità del danno da ictus. Credito: Università di Nottingham).

I ricercatori hanno utilizzato la risonanza magnetica per mappare l’attività cerebrale visiva nei sopravvissuti all’ictus con perdita della vista, il che dà nuove speranze per la riabilitazione e il recupero.

Scienziati dell’Università di Nottingham hanno rivelato nuove intuizioni combinando i dati dei test clinici della vista con l’imaging cerebrale per mappare con precisione le aree del cervello colpite dalla perdita della vista. Ciò consente l’identificazione delle aree visive del cervello in cui la funzione potrebbe essere potenzialmente migliorata con la riabilitazione. La ricerca, finanziata dall’ente benefico Fight for Sight, è stata pubblicata oggi su Frontiers in Neuroscience.

- Advertisement -

Ogni anno circa 150.000 persone nel Regno Unito hanno un ictus e circa il 30% di queste persone ha subito una sorta di perdita della vista. La perdita del campo visivo è una complicanza comune e devastante degli ictus cerebrali. Questo tipo di perdita della vista, chiamata emianopsia, colpisce un lato della vista di una persona ed è causata da un danno al percorso visivo nel cervello.

Un test del campo visivo chiamato perimetria è l’attuale gold standard per misurare la copertura residua del campo visivo. Tuttavia la tecnica ha dei limiti. La sua copertura è spesso grossolana, richiede un buon coinvolgimento dell’attenzione dei partecipanti e fornisce solo informazioni indirette su dove si trova il deficit di elaborazione chiave nel percorso visivo. Ciò limita la capacità di identificare potenziali strategie per la riabilitazione visiva, in termini di posizione nel campo visivo e i tipi di stimoli visivi più probabili per supportare il recupero.

Vedi anche:Infarto e ictus: terapia combinata riduce il rischio di oltre il 50%

Questo nuovo studio combina una perimetria dettagliata e più set di dati di imaging cerebrale di quattro sopravvissuti all’ictus e mostra che la perimetria può essere aumentata con dati di imaging cerebrale per fornire una nuova misura della funzione residua del campo visivo. Questo approccio combinato offre il potenziale per un approccio personalizzato alla terapia, guidato da modelli di attività funzionale nel cervello post-ictus.

- Advertisement -

La ricerca è stata condotta dal Ph.D. Anthony Beh della Scuola di Psicologia dell’Università di Nottingham e supervisionato dal Dr. Denis Schluppeck, dal Dr. Ben Webb e dal Prof Paul McGraw. Anthony spiega: “Ciò che effettivamente accade nell’ictus è che gli occhi vedono normalmente, ma il cervello non può elaborare alcune delle informazioni. La perdita di questo tipo di visione può essere un problema particolare per la guida, la lettura o la navigazione in uno spazio affollato. Può anche aumentare il rischio di cadute nelle persone anziane. Esplorando il cervello danneggiato da ictus con risonanza magnetica funzionale e diversi tipi di stimolazione visiva, abbiamo trovato attività residua nel corteccia visiva, non rilevata dalla perimetria.Questo apre possibilità di riabilitazione e offre nuove speranze ai sopravvissuti all’ictus”.

La ricerca ha anche mostrato che la stessa perdita del campo visivo può essere causata da modelli molto diversi di danno cerebrale. Ciò evidenzia la necessità di piani di riabilitazione individualizzati per i sopravvissuti all’ictus.

Fight for Sight è il principale Ente di beneficenza del Regno Unito dedicato a fermare la perdita della vista attraverso ricerche pionieristiche e ha finanziato questo progetto di ricerca. Ikram Dahman, amministratore delegato (ad interim) di Fight for Sight ha dichiarato: “Questa importante ricerca offre una speranza nuova e tanto necessaria per le persone che soffrono di perdita della vista a causa di lesioni cerebrali dopo un ictus. Questo lavoro potrebbe davvero essere trasformativo nel recupero delle persone, aiutandole a  recuperare l’indipendenza e migliorare la qualità generale della vita. Attendiamo con impazienza gli importanti risultati di questo studio”.

Fonte: Frontiers in Neuroscience

ULTIMI ARTICOLI

Melanoma: un peptide ritarda la crescita

(Melanoma-Immagini in fase time-lapse di cellule di melanoma B16F10-Nex2 trattate con Rb4 e Scr-Rb4. (A) I pannelli sono campi rappresentativi delle cellule B16F10-Nex2 dopo il...

Mounjaro approvato per il controllo della glicemia nel diabete di tipo 2

(Mounjaro-Immagine Credit Public Domain). "L'iniezione di Mounjaro (tirzepatide) è stata approvata come aggiunta alla dieta e all'esercizio fisico per migliorare il controllo della glicemia negli...

Prevenire l’aterosclerosi, causa di malattie cardiache

(Aterosclerosi-Immagine Credit Istituto La Jolla per l'immunologia). Prevenire l'aterosclerosi, la causa alla base delle malattie cardiache, significa che gli scienziati devono capire come le cellule...

Monkeypox diventa globale: perché gli scienziati sono in allerta

(Monkeypox-Immagine Credit Agenzia per la sicurezza sanitaria/biblioteca scientifica del Regno Unito). Gli scienziati stanno cercando di capire perché Monkeypox, un parente meno letale del vaiolo,...

Compresse di iodio potrebbero aiutare in caso di guerra nucleare?

(Iodio-Immagine Credit Public Domain). Il mondo è cambiato il 24 febbraio 2022. L'attacco della Russia all'Ucraina ha segnato la più grande guerra che l'Europa abbia...