I ricercatori scoprono come potenzialmente bloccare l’osteosarcoma

osteosarcoma

Immagine: fig. 1 eliminazione osteosarcoma da blocco Rankl. Micro-CT per topi a 32 settimane di età. Frecce gialle indicano lesioni ossee; frecce rosse indicano tumori che stanno invadendo i tessuti molli. Credit:. Chen et al, Science Translational Medicine (2015)

Gli scienziati del Princess Margaret Cancer Centre hanno scoperto che bloccando il principale regolatore del rinnovamento osseo si può impedire la progressione dell’osteosarcoma, il più comune primario tumore delle ossa nei bambini e negli adolescenti e la malattia maligna che fu fatale per l’icona canadese Terry Fox.

“La scoperta, pubblicata on-line oggi in Science Translational Medicine, stabilisce l’importanza e la funzione del regolatore del rinnovamento osseo, una proteina nota come RANKL, nel cancro delle ossa e prepara il terreno per sviluppare una terapia mirata per i pazienti”, dice l’autore principale della ricerca Rama Khokha, Senior Scientist presso il  Margaret Cancer Centre.
Il  Dr. Khokha è anche un Professore nei dipartimenti di Biofisica, Medicina e Patobiologia presso l’Università di Toronto.

“C’è già un farmaco RANKL bloccante clinicamente approvato e  in uso per il trattamento di altre malattie delle ossa. Il passo successivo è quello di determinare se questo farmaco particolare potrebbe essere adattato al trattamento dell’ osteosarcoma e migliorare i risultati per questi pazienti”.

E aggiunge che negli Stati Uniti, il National Cancer Institute, ha recentemente approvato un trial clinico di fase II per testare il farmaco nei pazienti in cui l’ osteosarcoma è resistente al  trattamento o recidivante.

In una serie di esperimenti di laboratorio pre-clinici, il team ha lavorato sistematicamente sul ruolo e sul meccanismo di RANKL nel guidare la crescita del tumore e ha dimostrato che il blocco di RANKL arresta efficacemente l’ osteosarcoma aggressivo in diversi modelli genetici differenti. Inoltre, la strategia potrebbe anche sopprimere la diffusione dell’ osteosarcoma al polmone, che è la principale causa di morte dei pazienti.

Nello studio, l’autore Yan Chen ha concluso che i risultati pre-clinici forniscono un forte evidenza per considerare l’inibizione di RANKL un trattamento e prevenzione dell’ osteosarcoma negli esseri umani.

Secondo le statistiche, l’osteosarcoma si verifica più spesso nei maschi di età compresa tra 10/30 anni. Se il tumore è localizzato, con il trattamento il tasso di sopravvivenza a cinque anni varia dal 60% all’ 80%; tuttavia, se il cancro si diffonde, il tasso di sopravvivenza scende a tra il 15% e il 30%.

Il Dr. Khokha ha cominciato la ricerca sull’osteosarcoma più di una dozzina di anni fa, ispirato da Terry Fox, che ha perso la sua vita a causa della malattia  a 22 anni, nel 1981.

Terrace Stanley Fox, noto semplicemente con il nome di Terry Fox, è stato un atleta canadese e un attivista nella lotta contro il cancro. Divenne famoso per la “Maratona della speranza”, una corsa effettuata nel 1980 da una costa oceanica all’altra del Canada, con una protesi alla gamba destra, che aveva l’obiettivo di raccogliere fondi per la ricerca contro il cancro“.

Fonte: http://medicalxpress.com/news/2015-12-bone-cancer-block-potentially-osteosarcoma.html


Altri articoli su osteosarcoma