I pazienti con cancro del tratto biliare hanno alterata architettura genetica nel sistema immunitario

cancro del tratto biliare

I pazienti con cancro del tratto biliare hanno alterata architettura genetica in alcuni recettori del sistema immunitario, come dimostrato dai ricercatori del Karolinska Institutet in Svezia in un nuovo studio pubblicato sulla rivista Gastroenterology. Si spera che la scoperta possa portare a una nuova immunoterapia efficace per questi tipi di tumore difficili da trattare.

I tumori del tratto biliare, tra cui il colangiocarcinoma e il cancro della colecisti, sono tumori rari, ma letali con opzioni di trattamento limitate.

Una delle funzioni principali del nostro sistema immunitario è quella di individuare ed eliminare le cellule tumorali. Si pensa che il tumore abbia già sconfitto il sistema immunitario al momento della sua comparsa. Tuttavia, negli ultimi anni abbiamo appreso che è possibile rinvigorire e reindirizzare un sistema immunitario esausto in pazienti con cancro, con eccellenti risultati clinici utilizzando, ad esempio, il blocco del checkpoint. Questa riattivazione si basa sul target specifico di alcuni recettori del sistema immunitario.

I ricercatori del Karolinska Institutet hanno ora studiato l’architettura genetica di due grandi cluster genetici che codificano i recettori del sistema immunitario, il cosiddetto sistema KIR-HLA.

Vedi anche, Scoperto insospettabile legame tra batteri e il cancro del dotto biliare.

“Abbiamo trovato che l’architettura genetica del sistema KIR-HLA è squilibrata nei pazienti con cancro del tratto biliare. Questi risultati forniscono un quadro teorico per la futura progettazione dell’immunoterapia mirata e focalizzata su questi recettori “, dice Niklas Björkström, medico e ricercatore del dipartimento di medicina del Karolinska Institutet, Huddinge.

Il sistema KIR-HLA controlla la funzione delle cosiddette cellule natural killer (NK).

“Una delle funzioni più importanti delle cellule NK è quella di eliminare il cancro e molti ricercatori in precedenza hanno trovato collegamenti tra il sistema KIR-HLA e il rischio di cancro“, afferma Niklas Björkström. “Sulla base di queste conoscenze, ci sono ora trattamenti in studi clinici volti a modificare la funzione delle cellule NK puntando ai recettori sulla superficie cellulare”.

Le due famiglie di geni che compongono il sistema KIR-HLA sono tra le famiglie di geni più complesse nel genoma umano, che hanno reso difficile la mappatura della loro composizione genetica.

Per studiare la completa complessità dell’architettura genetica del sistema KIR-HLA, i ricercatori del Karolinska Institutet hanno eseguito il sequenziamento di queste famiglie di geni e sviluppato una serie di nuovi strumenti per analizzare, rappresentare e interpretare le famiglie di geni studiate. Questi strumenti sono stati successivamente utilizzati su una coorte prospettica di 148 pazienti con carcinoma del tratto biliare e confrontati con due popolazioni di controllo geograficamente abbinate e sei non abbinate geograficamente.

La nostra analisi ha rivelato più livelli di squilibrio nel sistema KIR-HLA e un’aumentata frequenza di rare combinazioni di KIR nei pazienti con cancro del tratto biliare“, afferma Martin Cornillet, postdoc presso il Dipartimento di Medicina del Karolinska Institutet, Huddinge, che ha guidato il progetto. “Rispetto alle popolazioni geograficamente adattate, i pazienti sembravano avere associazioni diverse tra i geni attivatori e inibitori di KIR. Siamo anche riusciti a dimostrare che le cellule NK che esprimono i KIR si infiltrano nei tumori reali di questi pazienti“.