I farmaci esistenti possono offrire un trattamento di prima linea per l’epidemia da coronavirus

0
55

Immagine: Credit: drugvirus.info/.

Una coalizione di ricercatori europei afferma che i farmaci già approvati potrebbero essere la chiave per il trattamento del nuovo COVID 19. Le loro scoperte sono state pubblicate come prova preliminare sull’International Journal of Infectious Diseases.

“Il riutilizzo dei farmaci è una strategia per generare valore aggiuntivo da un farmaco esistente prendendo di mira malattie diverse da quella per cui era originariamente previsto”, ha affermato Denis Kainov, autore senior del documento e Professore associato presso l’Università norvegese di scienza e tecnologia (NTNU). “Ad esempio, Teicoplanina, Oritavancina, Dalbavancina e Monensina sono antibiotici approvati che hanno dimostrato di inibire altri virus in laboratorio”.

Vedi anche: Nuovi composti possono aiutare a fermare la diffusione del coronavirus COVID 19

Kainov e i suoi co-autori affermano che questi e altri farmaci antivirali sicuri e ad ampio spettro sono buoni candidati per il trattamento della malattia all’inizio, dato che attualmente non ci sono trattamenti per il nuovo coronavirus.

Il vantaggio di riproporre un farmaco è che tutti i dettagli che circondano lo sviluppo di un farmaco sono già noti, dalle fasi di sintesi chimica e dai processi di produzione alle informazioni relative alle fasi dei test clinici.

“Pertanto, il riposizionamento di farmaci già approvati per malattie virali offre opportunità uniche, tra cui una probabilità sostanzialmente maggiore di successo rispetto allo sviluppo di nuovi farmaci e vaccini specifici per i virus e una tempistica significativamente ridotta per la disponibilità clinica”, hanno scritto i ricercatori.

I ricercatori hanno esaminato le informazioni sulla scoperta e lo sviluppo di agenti antivirali ad ampio spettro (BSAA), che sono farmaci che prendono di mira virus da due o più famiglie virali diverse. Hanno trovato 120 farmaci che avevano già dimostrato di essere sicuri per l’uso umano e hanno creato un database, che è liberamente accessibile. Trentuno di questi farmaci sono risultati possibili candidati per la profilassi e il trattamento delle infezioni da COVID-19. Inoltre, recentemente sono iniziate le indagini cliniche su altri cinque possibili candidati farmacologici per il trattamento del virus COVID-19.

Fonte: Medicalxpress