HomeSaluteDiabeteI benefici inaspettati del grasso nel diabete di tipo 2

I benefici inaspettati del grasso nel diabete di tipo 2

(Diabete di tipo 2-Immagine: cellula beta pancreatica al microscopio elettronico. I cerchi bianchi visibili al centro della cellula corrispondono a goccioline di accumulo di grasso. Credito: © UNIGE – laboratorio Maechler).

Con quasi il 10% della popolazione mondiale colpita, il diabete di tipo 2 è un grave problema di salute pubblica. Uno stile di vita eccessivamente sedentario e un’alimentazione eccessivamente calorica favoriscono lo sviluppo di questa malattia metabolica alterando il funzionamento delle cellule pancreatiche e rendendo meno efficace la regolazione della glicemia. Tuttavia, il grasso, che è spesso citato come il colpevole ideale, potrebbe essere riabilitato. Infatti, il grasso non aggrava necessariamente la malattia e potrebbe anche svolgere un ruolo protettivo.

Studiando le cellule beta pancreatiche che producono insulina, gli scienziati dell’Università di Ginevra (UNIGE), in Svizzera, hanno dimostrato che queste cellule soffrivano meno dell’eccesso di zucchero quando erano state precedentemente esposte al grasso. Studiando i meccanismi cellulari al lavoro, i ricercatori hanno scoperto come un ciclo di accumulo e mobilizzazione dei grassi consente alle cellule di adattarsi allo zucchero in eccesso. Questi risultati, pubblicati sulla rivista Diabetologia, evidenziano un meccanismo biologico inaspettato che potrebbe essere utilizzato come leva per ritardare l’insorgenza del diabete di tipo 2.

- Advertisement -

Il diabete di tipo 2 deriva da una disfunzione delle cellule beta pancreatiche che sono responsabili della secrezione di insulina. Ciò compromette la regolazione dei livelli di zucchero nel sangue e può portare a gravi complicazioni cardiache, oculari e renali. Negli anni ’70 fu individuato il grasso ed emerse il concetto di lipotossicità: l’esposizione delle cellule beta al grasso ne causerebbe il deterioramento. Più recentemente, lo zucchero in eccesso è stato anche accusato di danneggiare le cellule beta e promuovere lo sviluppo del diabete di tipo 2. Tuttavia, mentre la colpevolezza dello zucchero non è più in dubbio, il ruolo del grasso nella disfunzione delle cellule beta rimane ambiguo. Quali sono i meccanismi cellulari coinvolti?

“Per rispondere a questa domanda chiave, abbiamo studiato come le cellule beta umane e murine si adattano a un eccesso di zuccheri e/o grassi”, spiega Pierre Maechler, Professore nel Dipartimento di Fisiologia e Metabolismo Cellulare e nel Centro Diabete della Facoltà UNIGE di Medicina, che ha guidato questo lavoro.

Vedi anche:Diabete di tipo 2: biomarker lo predice fino a 19 anni prima

Quando il grasso dà una mano alle cellule beta

- Advertisement -

Per differenziare l’effetto del grasso da quello dello zucchero, gli scienziati hanno esposto le cellule beta a un eccesso di zucchero, di grasso e quindi a una combinazione dei due. La tossicità dello zucchero è stata confermata per la prima volta: le cellule beta esposte a livelli elevati di zucchero hanno secreto molta meno insulina del normale. “Quando le cellule sono esposte sia a troppo zucchero che a troppo grasso, immagazzinano il grasso sotto forma di goccioline in previsione di tempi meno prosperi”, spiega Lucie Oberhauser, ricercatrice presso il Dipartimento di Fisiologia e Metabolismo Cellulare della Facoltà UNIGE di Medicina e primo autore di questo lavoro. “Sorprendentemente, abbiamo dimostrato che questo stock di grasso, invece di peggiorare la situazione, consente di ripristinare la secrezione di insulina a livelli quasi normali”.

L’uso essenziale dei grassi

Analizzando ulteriormente i cambiamenti cellulari in gioco, il team di ricerca si è reso conto che le goccioline di grasso non erano riserve statiche, ma erano il sito di un ciclo dinamico di immagazzinamento e mobilitazione. E grazie a queste molecole di grasso rilasciate, le cellule beta si adattano allo zucchero in eccesso e mantengono una secrezione di insulina quasi normale. “Questo rilascio di grasso non è davvero un problema fintanto che il corpo lo utilizza come fonte di energia”, aggiunge Pierre Maechler. “Per evitare di sviluppare il diabete, è importante dare a questo ciclo benefico la possibilità di essere attivo, ad esempio mantenendo un’attività fisica regolare”. Gli scienziati stanno ora cercando di determinare il meccanismo con cui questo grasso rilasciato stimola la secrezione di insulina, nella speranza di scoprire un modo per ritardare l’insorgenza del diabete.

Fonte: EurekAleret

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...