‘Holy herb o yerba santa’ identificata come potenziale trattamento per il morbo di Alzheimer

Yerba santa

La ‘Holy herb o yerba santa’ è stata identificata come potenziale trattamento per il morbo di Alzheimer e altre condizioni neurodegenerative.

Mentre analizzavano una serie di estratti vegetali, gli scienziati hanno scoperto che Yerba santa ( Eriodictyon californicum ) ha notevoli proprietà neuroprotettive. La Yerba santa, nota anche come “Holy Herb”, può avere importanti implicazioni per i pazienti con malattia di Alzheimer.

Il morbo di Alzheimer colpisce circa 50 milioni di persone ogni anno, e si prevede che questa cifra salirà a 152 milioni nel 2050, secondo il rapporto del 2015 dell’Alzheimer Disease.

La malattia di Alzheimer è una condizione neurologica degenerativa che colpisce un numero di funzioni cerebrali diverse e i primi sintomi includono problemi con la memoria.

Come una condizione progressiva, i sintomi si sviluppano gradualmente nel tempo e possono alla fine includere confusione, cambiamenti nella personalità, allucinazioni, problemi con il linguaggio e la parola e difficoltà a muoversi indipendentemente.

La causa della malattia di Alzheimer non è stata completamente compresa, ma sono stati identificati diversi fattori di rischio che potrebbero aumentare le probabilità di sviluppare la malattia.

Questi fattori di rischio comprendono l’aumento dell’età, una storia familiare di Alzheimer, fattori legati allo stile di vita, legati alle malattie cardiovascolari e persino la depressione non trattata.

L’invecchiamento è il principale fattore di rischio per la malattia di Alzheimer e il team del Salk Institute afferma che esiste una “forte motivazione per un approccio alternativo alla scoperta di farmaci”, basato sull’invecchiamento.

Tra 400 estratti vegetali, la pianta Yerba santa ha dimostrato di contenere un flavonoide altamente neuroprotettivo; il flavanone sterubina. I test successivi hanno dimostrato che questo composto ha proprietà “potenti” neuroprotettive e antinfiammatorie.

Utilizzata dalle tribù native californiane, Yerba santa, nota anche come “erba sacra”, è ben nota per i suoi usi medicinali. Storicamente è stata usata per trattare un certo numero di condizioni respiratorie, febbri, contusioni, infezioni e mal di testa.

Il flavonone sterubina trovato nell’erba sacra ha avuto effetti significativi sull’esaurimento di energia e sull’infiammazione delle cellule microgliali in particolare. La ricerca ha anche scoperto che la sterubina era un efficace chelatore del ferro, con lo studio che spiega: “il ferro può contribuire al danno delle cellule nervose nell’invecchiamento e nelle malattie neurodegenerative“.

Lo studio è stato pubblicato dalla rivista Redox Biology .

L’autore senior dello studio, la Dott.ssa Pamela Maher, ricercatrice senior del Salk’s Cellular Neurobiology Laboratory, ha affermato che “non solo la sterubina si è dimostrata molto più attiva degli altri flavonoidi della yerba santa nei nostri saggi, ma è anche migliore di altri flavonoidi che abbiamo studiato”.

La sterubina è stata anche testata per il suo effetto su altre neurotossicità associate all’età legate, all’accumulo di proteine ​​aggregate misfoldate e all’infiammazione presenti nella malattia di Alzheimer ed è stato scoperto che è efficace contro un numero di induttori della morte cellulare.

Sottolineando l’importanza dell’età come fattore di rischio per la malattia di Alzheimer, Maher afferma:

“I ricercatori stanno studiando i modi per contrastare gli effetti dell’invecchiamento sul cervello. La nostra identificazione del flavonone sterubin in una pianta californiana come potente componente neuroprotettivo  […] è un passo promettente in questa direzione “.

I ricercatori mirano a studiare gli effetti del flavanone sterubin sui modelli viventi di Alzheimer nei topi per poi determinare i suoi livelli di tossicità.

Usando i derivati ​​sintetici della sterubina i ricercatori ritengono che il test umano potrà essere eseguito presto. E concludono dicendo:

“Crediamo che il flavonone sterubin meriti un ulteriore esame nel contesto della malattia di Alzheimer, così come di altre malattie neurodegenerative “.

Altri articoli su Yerba santa