HomeSaluteVirus e parassitiHIV: vaccino ottiene risultati incoraggianti

HIV: vaccino ottiene risultati incoraggianti

(HIV-Immagine Credit Public Domain).

Uno studio clinico di fase I/IIa a cui ha collaborato l’Università di Oxford ha dimostrato che un vaccino terapeutico contro l’HIV a cellule T era associato a un migliore controllo del rimbalzo del virus quando la terapia antiretrovirale (ART) è stata temporaneamente sospesa.

I ricercatori che hanno condotto lo studio AELIX-002, i cui risultati sono stati pubblicati su Nature Medicine, hanno riferito che due quinti dei partecipanti senza alcun background genetico associato al controllo spontaneo dell’HIV sono stati in grado di rimanere fuori dalla riattivazione virale per la durata di sei mesi.

- Advertisement -

Il vaccino utilizzato nello studio, sviluppato da AELIX Therapeutics, ha fornito l’immunogeno a cellule T HIVACAT (HTI) utilizzando una combinazione di vettore di DNA, vettore di virus vaccino modificato Ankara (MVA) e vettore di adenovirus scimmiesco ChAdOx1. Gli ultimi due vaccini sono stati progettati a Oxford.

Tomáš Hanke, Professore di Immunologia dei Vaccini presso l’Istituto Jenner, Dipartimento di Medicina di Nuffield, che guida lo sviluppo del vaccino contro l’HIV, ha dichiarato: “Questo risultato fornisce un ulteriore incoraggiamento affinché l’immunizzazione attiva contro l’HIV possa essere possibile, rallentando la replicazione dell’HIV, fornendo una finestra di trattamento vacanze per le persone che vivono con l’HIV e alla fine portano alla cura dell’HIV. È probabile che i vaccini a cellule T svolgano un ruolo importante nel pacchetto finale per la cura dell’HIV e, forse, per altre terapie avanzate per malattie difficili”.

I partecipanti hanno ricevuto diversi cicli di vaccinazione prima dell’interruzione del trattamento antiretrovirale e il monitoraggio settimanale della loro carica virale.

Tra i 45 partecipanti arruolati nello studio, 41 hanno raggiunto la fase di interruzione e, di questi, 26 hanno ricevuto il vaccino e 15 hanno ricevuto un placebo nell’ambito di un disegno di prova in doppio cieco: né i pazienti né i ricercatori conoscevano l’allocazione dei pazienti fino al termine dello studio.

- Advertisement -

Vedi anche:HIV: ora possibile identificare e attaccare le parti più pericolose del virus

Di coloro che non avevano genotipi protettivi, otto destinatari del vaccino sono stati in grado di rimanere fuori dalla riattivazione virale, mentre tutti i partecipanti tranne uno nel gruppo placebo hanno dovuto riprendere il trattamento prima della fine dell’interruzione del trattamento di sei mesi.

Il Professor Hanke dirige un programma di vaccinazione contro l’HIV presso il Jenner Institute che mira a sviluppare una strategia di vaccino per l’induzione di cellule T protettive incentrata sulle regioni vulnerabili conservate dell’HIV e comprende sperimentazioni nel Regno Unito, in Europa, negli Stati Uniti e in Africa.

Fonte:Nature

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...