HomeSaluteVirus e parassitiHIV: identificato un nuovo target terapeutico

HIV: identificato un nuovo target terapeutico

(HIV-Immagine Credit Università di Montreal).

Scienziati a Montreal e a Londra hanno identificato il ruolo chiave svolto dal fattore di trascrizione RORC2 nell’infezione da HIV: la molecola si attacca a parti del genoma del virus, ma non ne impedisce la replicazione.

Co-guidati dai ricercatori Petronela Ancuta del centro di ricerca Ospedaliero CRCHUM affiliato all’Université de Montréal e Ariberto Fassati dell’University College London, gli scienziati hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista PNAS.

- Advertisement -

Durante l’infezione, l’HIV si nasconde nelle cellule immunitarie, chiamate cellule T CD4+, che lo proteggono e gli consentono di continuare a moltiplicarsi.

Tra i linfociti T CD4+, i linfociti Th17, responsabili della difesa e della protezione dell’integrità delle mucose, sono particolarmente permissivi nel permettere al virus di replicarsi, partecipando di fatto alla sua persistenza.

Finora non c’era alcuna spiegazione per questo fenomeno.

“I nostri risultati mostrano che RORC2, la molecola che regola la funzione immunitaria delle cellule Th17, promuove l’espressione del virus all’interno di queste cellule legandosi a una regione specifica del genoma virale“, ha spiegato Ancuta, Professore di medicina all’UdeM.

- Advertisement -

In laboratorio, siamo riusciti a inibire la sua azione usando piccole molecole farmacologiche”, ha detto il ricercatore. “Siamo stati così in grado di prevenire la replicazione del virus nelle cellule T CD4+ di partecipanti sani. Nello stesso tipo di cellule, questa volta di partecipanti con HIV in terapia antiretrovirale, siamo riusciti a limitare l’espansione virale”.

Questa prova di concetto, totalmente nuova in questo settore di ricerca, implica che il virus potrebbe persino utilizzare RORC2 per garantire la sua sopravvivenza nelle persone con HIV.

Vedi anche:HIV: nuovo trattamento può portare alla cura

Il dottorando Tomas Raul Wiche Salinas, membro del team di Ancuta e il ricercatore post-dottorato Yuwei Zhang, che si è formato nel laboratorio di Ancuta, sono i due co-primi autori dello studio. Il team di ricerca CRCHUM ha anche lavorato a stretto contatto con quello del Dr. Jean-Pierre Routy del McGill University Health Centre.

Le prime vittime dell’HIV

In lavori precedenti, il team di Ancuta ha dimostrato che le cellule Th17 rappresentano uno dei primi bersagli dell’infezione da HIV. Nella battaglia del sistema immunitario, queste cellule sono tra le prime vittime dell’HIV. La loro perdita crea una breccia nell’integrità della barriera mucosa intestinale e porta a un’infiammazione sistemica.

Per quanto riguarda le cellule Th17 sopravvissute, contribuiscono alla persistenza del serbatoio dell’HIV consentendo al virus di replicarsi. Questo è ciò che è noto come trascrizione virale residua – infiammazione cronica che porta a complicazioni che non sono direttamente correlate all’AIDS – nei pazienti trattati con antivirali. Le malattie cardiovascolari sono un esempio delle possibili complicanze.

Il nostro obiettivo è limitare la trascrizione virale residua nelle cellule Th17“, ha affermato Ancuta. “In questo momento, la nostra priorità è testare gli effetti antivirali degli inibitori di RORC2 in un modello preclinico“.

Fonte: Università di Montreal

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...