Il ricercatore capo Aaron Hengist ha spiegato: “Conosciamo tutti i rischi a lungo termine dell’eccessiva indulgenza con il cibo quando si tratta di obesità, diabete di tipo II e malattie cardiovascolari, ma sappiamo molto meno di alcuni degli effetti immediati di queste scelte. Le nostre scoperte mostrano che il corpo in realtà riesce a far fronte in modo molto soddisfacente a un eccessivo e improvviso eccesso di calorie. Gli esseri umani in buona salute possono occasionalmente mangiare il doppio e gestire efficacemente questo enorme surplus di energia iniziale”.

Nello studio, l’apporto calorico medio nella prova del mangiare a “volontà” è stato di oltre 3000 kcal, circa una pizza e mezza grande. Tuttavia, la capacità di “mangiare a volontà” varia molto tra le persone, con alcuni individui in grado di consumare fino a due pizze e mezza di grandi dimensioni in una volta sola.

I risultati dello studio mostrano che dopo aver mangiato al massimo, i livelli di zucchero nel sangue (glucosio) non erano più alti che dopo un pasto normale. La quantità di insulina nel sangue era superiore del 50% al normale (questo ormone viene rilasciato dall’organismo per controllare i livelli di zucchero nel sangue). I lipidi nel sangue (trigliceridi e acidi grassi non esterificati) erano solo leggermente più alti nonostante i partecipanti avessero consumato più del doppio dei grassi. Ciò è interessante perché ricerche precedenti avevano dimostrato che i lipidi nel sangue aumentano in modo proporzionale quando vengono consumate quantità di grasso da basse a moderate. Gli ormoni rilasciati dall’intestino per stimolare la secrezione di insulina e aumentare la sensazione di pienezza sono stati maggiormente modificati dall’eccesso di cibo (ad es. GLP-1 e peptide YY).

- Advertisement -

Lo studio ha anche esaminato l’appetito e l’umore durante le prove. Quattro ore dopo aver mangiato al massimo, i partecipanti si sono sentiti assonnati / letargici e non hanno riferito di non voler mangiare nient’altro, compresi i cibi dolci. Ciò è stato sorprendente perché i centri di ricompensa nel cervello sono in genere specifici per il cibo, quindi non ci si può aspettare che il consumo di pizza cambi il desiderio di cibo dolce, motivo per cui hai sempre spazio per il dessert.

Il Professor James Betts, che ha supervisionato il lavoro, ha aggiunto “Sappiamo che le persone spesso mangiano al di là dei loro bisogni, motivo per cui così tanti di noi lottano per gestire il nostro peso corporeo. È quindi sorprendente che nessuna ricerca precedente avesse misurato la capacità massima di mangiare ad un solo pasto per capire come il corpo umano risponde a quella sfida“.

Questo studio rivela che gli esseri umani sono in grado di mangiare occasionalmente il doppio del cibo necessario per farci sentire “pieni”, ma che i nostri corpi sono ben adattati a una consegna eccessiva di nutrienti dietetici in un unico pasto enorme. In particolare, coloro che sono stati testati in questo studio sono stati in grado di utilizzare o conservare in modo efficiente i nutrienti ingeriti durante la sfida del consumo di pizza, in modo tale che i livelli di zucchero e grassi nel sangue non fossero molto più alti rispetto a quando mangiavano metà della stessa quantità di cibo.

Il problema principale con l’eccesso di cibo è che aggiunge più energia immagazzinata ai nostri corpi (sotto forma di grasso), che può culminare nell’obesità se si mangia troppo giorno dopo giorno. Tuttavia, questo studio mostra che se una persona altrimenti sana si arrende occasionalmente, ad esempio consumando un pasto a buffet o un pranzo di Natale, non ci sono conseguenze negative immediate in termini di perdita del controllo metabolico.

I ricercatori riconoscono che il loro studio ha coinvolto giovani sani, quindi hanno in programma di studiare se effetti simili sono evidenti nelle donne e nelle persone in sovrappeso e anziane.

Fonte: Eurekalert