Glioblastoma, farmaco di nuova generazione rallenta la crescita

glioblastoma

Immagine, Baldassarre Stea,  (al centro), tratta i tumori cerebrali con radiazioni dannose per il DNA. Credito, Anna C. Christensen.

Il glioblastoma è un cancro al cervello mortale. Un team di ricercatori dell’Università dell’Arizona che ha cercato differenze genetiche tra le cellule di glioblastoma da sopravvissuti a lungo e a breve termine, ha scoperto che coloro che sopravvivevano più a lungo avevano una proteina che potrebbe essere mirata per aumentare la sopravvivenza di tutti i pazienti con glioblastoma.

I risultati dello studio sono stati presentati questo mese alla conferenza Society for Neuro-Oncology a New Orleans. Questo lavoro è nelle sue fasi iniziali e i ricercatori dicono che sono necessari ancora molti anni prima della traduzione potenziale in trattamenti per i pazienti.

Il glioblastoma in sostanza è incurabile“, ha detto Baldassarre “Dino” Stea, capo della UA College of Medicine – Dipartimento di Radon Oncology di Tucson. “Negli ultimi 15 anni, è stato inventato solo un farmaco utile per il trattamento del glioblastoma, il temozolomide”.

Con la chirurgia, seguita da chemioterapia e radiazioni, gli adulti con glioblastoma sopravvivono in media per 11-15 mesi. Alcuni soccombono prima, mentre altri sopravvivono alla loro prognosi iniziale per mesi o addirittura anni.

“Ero curioso di sapere come i geni sono espressi in modo differente nei pazienti che vivono più a lungo”, ha detto Michael Hammer, co-Direttore del UA Cancer Center Genomics Shared Resource e ricercatore scientifico presso l’UA BIO5 Institute. “Se riusciamo a identificare un percorso nel tumore che potremmo essere in grado di indirizzare, possiamo provare ad aumentare la sopravvivenza di tutti i pazienti”.

I Drs. Stea e Hammer hanno scoperto che i sopravvissuti a lungo termine producono una proteina chiamata WIF-1 in abbondanza. Il team ha cercato per la prima volta “vie di segnale”, una raccolta di geni che controllano la funzione cellulare in circostanze normali, ma che possono anche causare il cancro.

Vedi anche Scoperte sostanze chimiche che possono uccidere le cellule del glioblastoma.

“La via di segnale Wnt è apparsa come la via più importante per limitare le possibilità di sopravvivenza dei pazienti con glioblastoma”, ha detto il Dott. Hammer. Questo percorso normalmente è coinvolto nella manutenzione dei tessuti, ma può alimentare la crescita del tumore se diventa iperattivo. I sopravvissuti a lungo termine sembrano affidarsi a geni che sopprimono la funzione della via di segnale Wnt.

“Avevamo una lista di geni e cercavamo una sovraraespressione di questi geni rispetto a un insieme casuale di geni”, ha detto il Dott. Hammer. “Abbiamo scoperto che, nei pazienti sopravvissuti più a lungo della media, alcuni geni stavano riducendo i segnali Wnt”.

Dopo aver setacciato  800 geni in 23 campioni di glioblastoma, il team ha identificato il gene WIF-1, che produce la proteina WIF-1, come un importante inibitore della via Wnt e un forte predittore di sopravvivenza a lungo termine.

Ha detto il Dott. Stea, “Alcune persone sono dotate di più WIF-1 e I pazienti sopravvivono più a lungo”.

Mentre un giorno il test per il gene WIF-1 può aiutare gli oncologi a prevedere quali pazienti sopravviveranno più a lungo, una speranza maggiore è che questo lavoro porterà ad un farmaco che colpisce il glioblastoma con maggiore precisione rispetto al trattamento standard.

“Speriamo di creare un farmaco per sopprimere il percorso Wnt in modo che tutti sopravvivano più a lungo”, ha detto il Dott. Stea che ritiene che nuovi approcci siano essenziali per estendere la sopravvivenza ai pazienti affetti da glioblastoma.

“Penso che abbiamo raggiunto l’apice di ciò che il chirurgo può fare e abbiamo raggiunto il massimo con le radiazioni”, ha detto. “La cura non verrà da più radiazioni o più interventi chirurgici – il glioblastoma è un problema genetico che dobbiamo risolvere geneticamente”.

Un modo per arruolare la genetica umana nella lotta contro il glioblastoma è potenziare gli effetti delle radiazioni, che uccidono le cellule cancerose danneggiando il loro DNA. Purtroppo i glioblastomi hanno una capacità speciale di riparare questo danno al DNA, diminuendo l’efficacia delle radiazioni.

Prendendo spunti da WIF-1, gli scienziati potrebbero essere in grado di indebolire la capacità del glioblastoma di riparare il DNA danneggiato dalle radiazioni.

Il percorso Wnt attiva la riparazione del DNA: se possiamo sopprimere Wnt, sopprimiamo anche la riparazione del DNA e le cellule diventano più sensibili alle radiazioni“, ha detto Eric Weterings, assistente Professore presso UA College of Medicine – Dipartimento di Radon Oncology di Tucson, che ha anche contribuito allo studio.

“È un passo avanti”, ha aggiunto il Dott. Weterings. “In futuro, questo lavoro potrebbe portarci a più specifiche opzioni di trattamento per questa malattia”.

Fonte, EurekAlert


Altri articoli su glioblastoma