HomeSaluteSistema ImmunitarioGli anticorpi monoclonali possono prevenire COVID-19

Gli anticorpi monoclonali possono prevenire COVID-19

(Anticorpi monoclonali-Immagine Credit Public Domain).

Uno studio condotto in case di cura statunitensi ha dimostrato per la prima volta che gli anticorpi monoclonali, prodotti in serie in laboratorio, possono proteggere le persone dallo sviluppo di COVID-19 sintomatica. Il loro produttore, Eli Lilly, spera che questi anticorpi forniscano un ulteriore modo per proteggere le persone a rischio di gravi malattie causate dal coronavirus pandemico. Ma dato il successo dei vaccini COVID-19 e la loro crescente disponibilità, non è chiaro se questo intervento costoso e un po’ macchinoso sarà ampiamente utilizzato.

Sia l‘anticorpo monoclonale di Eli Lilly che un cocktail simile a due anticorpi della Regeneron Pharmaceuticals, notoriamente utilizzato per trattare l’ex Presidente degli Stati Uniti Donald Trump nell’ottobre 2020, hanno già ricevuto l’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) come terapia per coloro che sono stati infettati e sono a alto rischio di sviluppare COVID-19 grave. Finora non sono ampiamente utilizzati perché devono essere somministrati all’inizio dell’infezione e infusi in un Ospedale o in una Clinica. Ma ora che sembrano efficaci nel prevenire anche COVID 19 lieve, Eli Lilly prevede di chiedere alla Food and Drug Administration degli Stati Uniti di espandere l’EUA (The Emergency Use Authorization) per includere l’uso come preventivo.

- Advertisement -

Nel nuovo studio, quasi 1000 persone che vivevano o lavoravano in case di cura negli Stati Uniti hanno ricevuto una singola infusione dell’anticorpo di Eli Lilly, contenente quattro volte la dose usata a scopo terapeutico, o un placebo. In un  comunicato stampa di ieri, la società ha annunciato che l’anticorpo ha ridotto del 57% il rischio di ammalarsi di COVID-19 nelle successive 8 settimane. Tra i residenti in case di cura, che costituivano circa un terzo dei partecipanti allo studio, il rischio di malattia da COVID-19 è diminuito dell’80%. Solo quattro decessi COVID-19 correlati si sono verificati nello studio e tutti erano residenti  in casa di cura nel gruppo placebo.

“Sono felicissimo di questi risultati”, dice Davey Smith, un medico di malattie infettive presso l’Università della California, San Diego, che non è stato coinvolto nello studio. Gli anticorpi potrebbero essere “davvero utili” nelle strutture di assistenza a lungo termine, che rappresentano quasi il 40%  dei decessi per COVID-19 negli Stati Uniti. “Se questo è confermato, e penso che ci siano tutte le ragioni per pensare che lo sarà, allora si tratta di un altro strumento per trattare questa terribile malattia”, afferma Rajesh Gandhi, un medico di malattie infettive al Massachusetts General Hospital cxhe tuttavia vuole vedere dati più specifici di quelli forniti dal comunicato stampa.

La scoperta che l’anticorpo ha funzionato meglio nei residenti delle case di cura rispetto al personale può sembrare sconcertante e in effetti il ​​comunicato stampa tralascia molti dettagli necessari per dare un senso a questo risultato. Ma Janelle Sabo di Eli Lilly spiega che lo studio ha misurato le riduzioni del rischio e i residenti hanno un rischio maggiore di sviluppare COVID-19 sintomatico: sono più anziani e spesso hanno un sistema immunitario più debole e più malattie sottostanti, e non se ne vanno mai da quel luogo. Il personale invece, trascorre meno tempo presso le strutture e può rimanere a casa in caso di epidemia. “Quello che troviamo quindi, ovviamente, è che ci sono più opportunità di ridurre il rischio di infezione tra i residenti delle case di cura rispetto alla popolazione generale”, spiega Sabo, un farmacologo.

Come verrebbe usato l’anticorpo di Eli Lilly non è del tutto chiaro. Sabo suggerisce che se un focolaio si verifica in una struttura di cura, potrebbe essere somministrato ai residenti che non sono stati vaccinati o che hanno ricevuto solo una dose di vaccino. 

- Advertisement -

Myron Cohen della University of North Carolina School of Medicine, uno dei principali ricercatori dello studio, afferma che spera che le dosi preventive di anticorpo monoclonale Eli Lilly possano essere somministrate come iniezioni sottocutanee facili da somministrare, piuttosto che come infusioni. Sono iniziati gli studi per testare questa strategia. Idealmente, le persone infette dal virus dovrebbero prima ricevere un test per gli anticorpi SARS-CoV-2 e aggiunge: “Le persone che già producono anticorpi probabilmente non ne hanno bisogno”.

Cohen aggiunge che gli studi di prevenzione e trattamento hanno avuto anche un vantaggio scientifico di base: chiarire come gli anticorpi impediscono a SARS-CoV-2 di causare malattie gravi. “Per la prima volta ho una reale comprensione di come progredisce l’infezione“, dice Cohen.

Vedi anche:Gli anticorpi monoclonali umani possono neutralizzare efficacemente SARS-CoV-2

“L’infezione”, osserva, “inizia nel naso e una malattia grave si verifica quando il virus raggiunge i polmoni. Tre giorni dopo che una persona infetta ha ricevuto gli anticorpi monoclonali”, dice Cohen, “i tamponi nasali hanno mostrato un “enorme” calo dei livelli di virus nel naso, non osservato nelle persone che hanno ricevuto un placebo. Ciò, a sua volta, ha portato a migliori risultati clinici. Quindi, gli anticorpi, somministrati sia come prevenzione che come trattamento, sembrano limitare in gran parte l’infezione al naso”.

Un potenziale svantaggio è che questi anticorpi monoclonali potrebbero minare l’efficacia dei vaccini. I due vaccini autorizzati negli Stati Uniti contengono RNA messaggero (mRNA) che dirige le cellule del corpo a produrre la proteina di superficie, spike, di SARS-CoV-2, che quindi attiva il sistema immunitario per produrre anticorpi contro spike. Anche gli anticorpi monoclonali Eli Lilly e Regeneron prendono di mira spike e la preoccupazione è che potrebbero legarsi alla proteina prodotta dall’mRNA, fermando il vaccino sul suo cammino. “Eli Lilly prevede di lanciare studi per testare questo aspetto su persone vaccinate”, dice Sabo.

Gli anticorpi monoclonali potrebbero anche perdere la loro potenza a causa di mutazioni virali. Uno studio su un mutante SARS-CoV-2 che circola ampiamente in Sud Africa, pubblicato il 19 gennaio sul server di preprint bioRxiv, lo ha già dimostrato in esperimenti in provetta.

Ma ora che i vaccini, più economici e più facili da somministrare, vengono somministrati a milioni di persone – con priorità per le popolazioni più vulnerabili – la domanda è innanzitutto quale ruolo rimane per i monoclonali. Cohen dice che potrebbero essere importanti per gli anziani e altre persone con un sistema immunitario compromesso che non hanno risposte vigorose ai vaccini.

Fonte:Sciencemag

ULTIMI ARTICOLI

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra...

Disturbo bipolare: 64 regioni del genoma aumentano il rischio

(Disturbo Bipolare-Immagine Credit Public Domain). Nel più grande studio genetico sul disturbo bipolare fino ad oggi, i ricercatori hanno identificato 64 regioni del genoma contenenti...

Cancro al seno: come diventa aggressivo

(Cancro al seno-Immagine Credit dominio pubblico Unsplash / CC0). I ricercatori del Baylor College of Medicine hanno seguito la progressione del cancro al seno in...