HomeSaluteOcchiGlaucoma: vedere la luce alla fine del tunnel

Glaucoma: vedere la luce alla fine del tunnel

(Glaucoma-Immagine Credit UDM).

La riduzione del flusso sanguigno e la compromissione dell’accoppiamento neurovascolare sono caratteristiche ben note del glaucoma, la principale causa di cecità non curabile che colpisce 80 milioni di persone in tutto il mondo nel 2020.

I meccanismi alla base di queste anomalie sono ora stati svelati, grazie a una nuova ricerca di un team guidato da Adriana Di Polo, Prof.ssa di neuroscienze e oftalmologia all’Université de Montréal.

- Advertisement -

Lo studio è stato pubblicato questa settimana su PNAS.

I risultati di Luis Alarcon-Martinez e Yukihiro Shiga, entrambi borsisti post-dottorato nel laboratorio di Di Polo e primi coautori dello studio, rivelano che i nanotubi che collegano i periciti sono danneggiati nel glaucoma portando a deficit neurovascolari. I periciti sono cellule che hanno la capacità di controllare la quantità di sangue che passa attraverso un singolo capillare semplicemente schiacciandolo e rilasciandolo. Sono avvolti attorno ai capillari, i vasi sanguigni più sottili in tutti gli organi del corpo.

Negli animali vivi, come negli esseri umani, la retina utilizza l’ossigeno e le sostanze nutritive contenute nel sangue per funzionare correttamente. Questo scambio vitale avviene attraverso i capillari.

Vedi anche:Glaucoma: i mediatori lipidici arrestano la progressione

- Advertisement -

Una storia di sangue

“Nel nostro studio, abbiamo utilizzato l’imaging dal vivo della retina di topo e abbiamo riscontrato una riduzione significativa del diametro capillare e dell’afflusso di sangue nelle posizioni dei periciti negli occhi con un’elevata pressione intraoculare, il principale fattore di rischio per lo sviluppo del glaucoma“, ha affermato Di Polo. “Mostriamo che la disfunzione dei periciti compromette l’afflusso di sangue, causando la morte delle cellule gangliari retiniche, i neuroni che collegano la retina al cervello, portando infine alla perdita della vista“.

“Una scoperta chiave è che i nanotubi tunneling interpericitici, sottili nanotubi utilizzati dai periciti per comunicare tra loro, sono stati danneggiati anche negli occhi ipertesi e hanno contribuito alla disfunzione neurovascolare nel glaucoma“, ha aggiunto Alarcon-Martinez.

Il calcio come protagonista

L’ingresso di calcio nei periciti regola la loro capacità di restringere i capillari e controllare il flusso sanguignoNel glaucoma, l’afflusso di calcio pericitico è eccessivo, causando una diminuzione dell’afflusso di sangue .

“Abbiamo dimostrato che una volta ripristinato l’equilibrio del calcio all’interno dei periciti, le funzioni vascolari e neuronali possono essere recuperate nel glaucoma“, ha affermato Shiga. “Questa strategia ha anche impedito la morte delle cellule gangliari della retina, quindi è un’importante prova preclinica del concetto”.

“Questo studio”, affermano i ricercatori, “apre la strada allo sviluppo di approcci terapeutici che prendono di mira selettivamente i periciti e l’equilibrio del calcio per ripristinare la salute neurovascolare nel glaucoma e potenzialmente in altri disturbi neurodegenerativi con componenti vascolari come il morbo di Alzheimer”.

Fonte:UDEM

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...