Genoma: ennesimo scandalo etico scatenato dai ricercatori cinesi

scienziati cinesi

Gli scienziati cinesi hanno inserito un gene umano che svolge un ruolo importante nello sviluppo del nostro cervello nel genoma delle scimmie macaco. Alcune delle scimmie allevate in questo modo esibivano una migliore funzione cognitivaTuttavia, la comunità internazionale ha condannato l’esperimento come non etico.

La ricerca condotta dagli scienziati dell’Istituto di Zoologia di Kunming nel sudovest della Cina ha comportato l’inserimento di copie umane del gene  MCPH1 in embrioni di scimmie tramite un virus che trasportava il gene. Sono stati generati un totale di 11 embrioni di scimmie di macaco transgenico, di cui solo cinque sono sopravvissuti. Queste scimmie sopravvissute sono state sottoposte a una raffica di test cognitivi, inclusi test di memoria e scansioni cerebrali. I risultati suggeriscono che i macachi svolgevano meglio i compiti di memoria a breve termine rispetto ai loro coetanei non modificati.

Secondo i ricercatori, lo scopo dello studio è quello di sondare la biologia fondamentale che ha permesso agli esseri umani di sviluppare la loro intelligenza unica. I ricercatori cinesi hanno deciso di azzerare un gene coinvolto nelle dimensioni del cervello e nelle capacità cognitive. In futuro, ricerche simili potrebbero consentire agli scienziati di sviluppare trattamenti per malattie causate da uno sviluppo anormale del cervello. Ad esempio, nel corso degli anni, i ricercatori cinesi hanno ingegnerizzato scimmie che mostrano segni di Parkinson, distrofia muscolare di Duchenne, autismo e altro ancora.

Un altro gene che potrebbe essere presto aggiunto ai genomi delle scimmie  negli esperimenti successivi è FOXP2  che è ampiamente ritenuto essere parte integrante delle nostre abilità linguistiche. Poi c’è SRGAP2C, una variante genetica che apparve per la prima volta circa due milioni di anni fa quando uno dei nostri antenati, l’ Australopithecus , stava perdendo terreno in Africa a causa dei primi umani. Questo gene è anche chiamato “interruttore dell’umanità” a causa del suo presunto ruolo nell’emergere dell’intelligenza umana.

Mentre tali inchieste scientifiche hanno sicuramente il loro merito, la loro etica è controversa. Su Bing, dell’Istituto di Zoologia della Kunming dell’Accademia Cinese di Scienze e capo ricercatore del nuovo studio, afferma che gli esperimenti sono stati convalidati dal comitato etico dell’istituto e hanno seguito le migliori pratiche cinesi e internazionali.

Altre voci nella comunità scientifica, tuttavia, non sono d’accordo. I critici ritengono che gli esperimenti transgenici sulle scimmie, ci mettano su una china scivolosa dove diventa difficile tracciare la linea di ciò che è accettabile e ciò che non lo è. Uno di questi è il genetista dell’Università del Colorado, James Sikela, che ha scritto un documento del 2010 sostenendo che la sperimentazione transgenica sui primati solleva una serie di problemi etici, oltre a danni fisici.

Gli animali vengono regolarmente sottoposti a varie malattie in modo che gli scienziati possano poi sperimentare su di loro per trovare nuovi trattamenti e farmaci. Cambiare il genoma di un animale, tuttavia, è completamente diverso nel senso che può alterare la sua biologia fondamentale. I critici sostengono che gli umani e le scimmie macachi sono diversi su molti livelli e che la semplice modifica di un paio di geni ha poco valore. Ad esempio, la piccola dimensione del campione di questo studio significa che i ricercatori non possono concludere con sicurezza che la variante genetica introdotta rendesse gli animali più intelligenti, né che lo studio ci dica nulla di nuovo sul gene MCPH1 .

Scrivendo per MIT Technology Review , la bioeticista dell’Università del Colorado, Jacqueline Glover, ha paragonato il nuovo studio della Cina a qualcosa del pianeta delle scimmie,  un film in cui i primati potenziati rovesciano gli umani.

Di recente, una serie di controversie sono derivate da laboratori cinesi. L’anno scorso, He Jiankui e colleghi della Southern University of Science and Technology, a Shenzhen, hanno scioccato il mondo dopo aver annunciato i primi bambini geneticamente modificati. In futuro, saremo probabilmente sorpresi da risultati ancora più bizzarri.

Fonte, MIT