HomeReniFibrosi renale: nuova scoperta ne sopprime la progressione

Fibrosi renale: nuova scoperta ne sopprime la progressione

(Fibrosi renale-Immagine:Webster Santos, Cliff and Agnes Lilly Faculty Fellow al Virginia Tech College of Science e professore al Dipartimento di Chimica, nel suo laboratorio alla Davidson Hall. Credito: Greg Atkins, Virginia Tech).

Webster Santos è determinato a trovare un modo per fermare la fibrosi renale, una condizione causata da un’infiammazione persistente e da un attacco al rene. Il disturbo porta a malattie renali, di per sé una via per l’insufficienza renale e morte quasi certa.

Secondo esperti medici, quasi 40 milioni di americani hanno quella che è nota come malattia renale cronica, informalmente nota come CKD. La perdita della funzione renale, sia essa graduale o improvvisa, è devastante per il corpo: accumulo di rifiuti, cardiopatia, alta pressione sanguigna, deterioramento osseo. ..e l’elenco diventa solo più cupo.

- Advertisement -

I costi non sono solo in vite perse. Gli esperti fissano il costo statunitense del trattamento della CKD a $ 84 miliardi. Il trattamento della malattia renale allo stadio terminale (ESRD) punta a ulteriori $ 36 miliardi. Queste sono solo le stime del 2017 e i costi, ovviamente, dovrebbero solo aumentare.

Santos, Pfrof. presso il Dipartimento di Chimica, parte del Virginia Tech College of Science, è determinato ad arginare questa tendenza in continua crescita. In un nuovo articolo pubblicato di recente su Science Translational Medicine, Santos e un team internazionale di scienziati svelano una nuova svolta: bloccando il trasportatore della molecola di segnalazione Sfingosina-1-fosfato, la progressione della fibrosi renale può essere soppressa.

“Abbiamo scoperto una molecola che blocca questo trasportatore e impedisce lo sviluppo della fibrosi renale in un modello murino“, ha affermato Santos, Cliff and Agnes Lilly Faculty Fellow presso il College of Science. “L’impatto è la scoperta di un nuovo obiettivo terapeutico per il trattamento della malattia renale cronica e di altre malattie fibrotiche”.

Santos paragona la fibrosi renale, ancora una volta l’ultima tappa prima di alcune malattie e insufficienza renale/fatale, al peggior tipo di difesa naturale contro le malattie umane. “Pensa alla fibrosi come alla guarigione delle ferite”, ha detto Santos. “Quando tagli la pelle, ad esempio, si verifica la guarigione delle ferite, ma quella nuova pelle è diversa dall’originale. Sarà un po’ più dura: si forma una cicatrice. La fibrosi è essenzialmente cicatriziale. Quindi ci sono diversi stadi di fibrosi. Più è avanzato lo stadio, peggiore è il rene in termini di malattia. Quindi l’insufficienza renale cronica alla fine porta all’insufficienza renale allo stadio terminale“.

- Advertisement -

Santos ha spiegato che l’insufficienza renale cronica, quando i reni non sono in grado di filtrare i rifiuti e i liquidi in eccesso dal sangue, può essere una condizione inarrestabile, ma forse può essere rallentata.Una terapia antifibrotica ideale invertirebbe la patologia, ma anche gli obiettivi più modesti e realistici di rallentare la progressione fibrotica rimangono non realizzati. Ritardare l’insorgenza dell’ESRD di pochi anni sarebbe enormemente vantaggioso per la salute umana e l’economia sanitaria“, ha detto Santos.

Vedi anche:Fibrosi renale: accorciamento dei telomeri tra le cause

Santos e i suoi studenti laureati presso Virginia Tech del passato e del presente, inclusi i recenti alunni Daniel Foster e Russell Fritzemeier, che hanno entrambi conseguito un dottorato di ricerca in chimica, inseguono questa scoperta da mezzo decennio. (Il lavoro in questo nuovo documento si basa su ricerche simili pubblicate a maggio sul Journal of Medicinal Chemistry).

“È stata una lunga fatica questoi lavoro, perché non abbiamo una struttura cristallina della proteina per progettare le molecole”, ha affermato Santos, anche membro affiliato del Center for Drug Discovery del College of Science e del Virginia Tech Fralin Life Sciences Institute. “Attraverso una tonnellata di tentativi ed errori mediante un processo iterattivo di sintesi e test biologici, abbiamo identificato potenti inibitori. È esaltante sapere che siamo il primo gruppo a farlo. Ci sentiamo ancora meglio nel renderci conto che il nostro lavoro potrebbe portare a farmaci che aiuteranno milioni di persone con insufficienza renale cronica”.

Santos ringrazia anche i suoi collaboratori, Mark D. Okusa e Kevin Lynch, entrambi dell’Università della Virginia, per i loro sforzi nel portare alla luce questi risultati. Shinji Tanaka dell’Università di Tokyo ha guidato lo studio.

Il lavoro è appena finito. In termini di cure mediche effettive per pazienti reali, il viaggio è solo all’inizio.

“Il prossimo passo è rendere l’inibitore più simile a un farmaco, il che significa che vogliamo renderlo biodisponibile per via orale con il dosaggio una volta al giorno, che sia sicuro e non esibisca effetti collaterali negativi”, ha detto Santos . “Stiamo già lavorando su questo e abbiamo già scoperto composti migliori. Siamo molto, molto lontano dai test sull’uomo negli studi clinici di fase uno. Ma siamo sulla strada giusta”.

Fonte: Science Translational Medicine

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...