Fibromialgia: una rete cerebrale che esplode provoca dolore cronico?

Un nuovo studio rileva che i pazienti con fibromialgia hanno reti cerebrali innescate per risposte rapide e globali a cambiamenti minori. Questa anormale ipersensibilità è chiamata sincronizzazione esplosiva (ES).

Ricercatori dell’Università del Michigan e della Pohang University of Science and Technlogy nella Corea del Sud riportano prove della sincronizzazione esplosiva nel cervello di persone con fibromialgia, una condizione caratterizzata da dolore diffuso e cronico.

Lo studio è stato pubblicato dalla rivista Scientific Reports.

“Per la prima volta, questa ricerca dimostra che l’ipersensibilità sperimentata da pazienti con dolore cronico può derivare da reti cerebrali ipersensibili “, afferma l’autore senior Richard Harris, Professore associato di anestesiologia presso Michigan Medicine with the Chronic Pain and Fatigue Research Center. “I soggetti avevano condizioni simili a quelle che si sviluppano a causa di altre reti che subiscono una sincronizzazione esplosiva”.

( Vedi anche:Fibromialgia: scoperto il collegamento tra DNA e dolore articolare cronico diffuso).

In ES, un piccolo stimolo può portare a una reazione sincronizzata drammatica nella rete, come può accadere con un guasto della rete elettrica (che si spegne rapidamente) o un sequestro (che trasforma rapidamente le cose). Questo fenomeno è stato, fino a poco tempo fa, studiato in fisica piuttosto che in medicina. Secondo i ricercatori, questa è una strada promettente da esplorare nella continua ricerca per determinare come una persona sviluppa la fibromialgia.

“Contrariamente al normale processo di collegare gradualmente diversi centri cerebrali dopo uno stimolo, i pazienti con dolore cronico hanno condizioni che predispongono i diversi centri cerebrali a collegarsi in modo brusco ed esplosivo“, dice il primo autore UnCheol Lee, un fisico e assistente Professore di anestesiologia alla Michigan Medicine.

Risultati “elettricamente instabili”

I ricercatori hanno registrato l’attività elettrica nel cervello di 10 partecipanti di sesso femminile con fibromialgia.”I risultati dell’EEG di riferimento hanno mostrato reti cerebrali ipersensibili e instabili”, afferma Harris. È importante sottolineare che vi era una forte correlazione tra il grado di condizioni ES e l‘intensità auto-riportata di dolore cronico segnalata dai pazienti al momento del test EEG.

Il team di ricerca e i collaboratori di Lee nella Corea del Sud hanno quindi utilizzato modelli informatici dell’attività cerebrale per confrontare le risposte di stimolo dei pazienti con fibromialgia, alle condizioni normali. “Come previsto, il modello di fibromialgia era più sensibile alla stimolazione elettrica rispetto al modello senza caratteristiche ES”, dice Harris.

“Ancora una volta vediamo che il cervello di pazienti con dolore cronico è elettricamente instabile e sensibile“, dice Harris.

Questo tipo di modellazione potrebbe aiutare a guidare i futuri trattamenti per la fibromialgia. Poiché ES può essere modellato essenzialmente al di fuori del cervello o in un computer, i ricercatori possono testare in modo esauriente le regioni influenti che trasformano una rete ipersensibile in una più stabile. Queste regioni potrebbero quindi essere mirate negli esseri umani viventi usando terapie di modulazione cerebrale non invasive.

George Mashour, co-autore senior e Professore di anestesiologia presso la Michigan Medicine, afferma: “Questo studio rappresenta un’entusiasmante collaborazione di fisici, neuroscienziati e anestesisti. L’ approccio basato sulla rete, che può combinare il cervello del singolo paziente con la simulazione di dati e computer, preannuncia la possibilità di un approccio personalizzato al trattamento del dolore cronico “.

Fonte: Nature