HomeSaluteCuore e circolazioneFibrillazione atriale: semplice ablazione offre risultati

Fibrillazione atriale: semplice ablazione offre risultati

(Fiberillazione atriale-Immagine: astratto grafico. Credito: JAMA (2022). DOI: 10.1001/jama.2022.8831).

Tra i pazienti con fibrillazione atriale persistente (FA), l’aggiunta dell’ablazione della fibrosi guidata dalla risonanza magnetica (MRI) all’ablazione con catetere convenzionale influisce sulla recidiva dell’aritmia atriale?

I risultati di uno dei più grandi studi globali sulla fibrillazione atriale (AFib) mostrano che l’approccio semplice è solitamente il migliore quando si tratta di ablazione, una procedura in cui i medici distruggono o ablano il tessuto cardiaco per correggere i ritmi cardiaci irregolari.

- Advertisement -

I risultati potrebbero cambiare il modo in cui i pazienti vengono trattati per la fibrillazione atriale.

I ricercatori della Tulane University e delle istituzioni partner hanno scoperto che l’utilizzo di una tecnologia avanzata guidata da immagini per colpire in modo più aggressivo le aree malate del cuore che causano aritmie, non ha portato a risultati migliori per i pazienti.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista JAMA.

La semplicità è la chiave. Non ablare troppo, soprattutto nelle fasi avanzate“, ha affermato l’autore principale dello studio, il Dottor Nassir Marrouche, Direttore del Tulane Heart and Vascular Institute e The Research Innovation for Arrhythmia Discoveries (TRIAD) presso la Tulane University School of Medicinale. “Troppa ablazione non sta aiutando i nostri pazienti oggi. Li sta mettendo a rischio più elevato. Questa è una scoperta che cambia la pratica“.

- Advertisement -

AFib si verifica quando le camere superiore e inferiore del cuore non sono sincronizzate, causando un battito cardiaco irregolare. Colpisce più di 2,7 milioni di americani ed è uno dei principali fattori di rischio per gli ictus. Quando l’AFib non può essere controllata dai farmaci, i medici eseguono una procedura per ablare aree fibrotiche o malate del cuore con calore o freddo per creare una cicatrice che interrompe il segnale elettrico che causa l’aritmia.

Per lo studio, i ricercatori hanno seguito 843 pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a trattamento di ablazione in 44 Ospedali in 10 paesi, tra cui Stati Uniti, Germania, Francia e Australia. Tutti i pazienti hanno ricevuto scansioni di risonanza magnetica (MRI) per quantificare la quantità di tessuto malato all’interno dei loro cuori. (Quelli con una percentuale più alta di tessuto malato sono a maggior rischio di recidiva dell’aritmia, secondo i risultati dello studio DECAAF.)

La metà dei pazienti ha ricevuto un trattamento standard di isolamento delle vene polmonari (PVI) in cui i medici ablano le aree nella camera superiore sinistra del cuore dove si incontrano le quattro vene polmonari.

Per l’altro gruppo, i medici hanno utilizzato le scansioni MRI per creare una mappa 3D dettagliata di tutte le aree malate lungo l’atrio sinistro del cuore. Hanno eseguito un trattamento PVI convenzionale e quindi hanno utilizzato la mappa digitale per ablare il tessuto malato in modo più aggressivo e preciso al di fuori delle aree di trattamento convenzionali.

Tutti i pazienti dello studio hanno ricevuto dispositivi ECG smartphone per monitorare i loro ritmi cardiaci ogni giorno dopo il trattamento e i ricercatori li hanno seguiti a intervalli di 3, 6 e 12 mesi.

Vedi anche:Fibrillazione atriale: Edoxaban trattamento efficace

I ricercatori non hanno riscontrato differenze significative nella recidiva dell’aritmia tra i due gruppi. Tuttavia, il gruppo che ha ricevuto il trattamento più aggressivo ha sperimentato un tasso più elevato di scarsi risultati di sicurezza con sei pazienti (1,5%) che hanno subito un ictus.

Marrouche ha affermato che lo studio mostra che i pazienti con fibrillazione atriale con fibrosi estesa hanno troppe cicatrici perché una terapia ablativa aggressiva sia efficace utilizzando gli strumenti convenzionali. I ricercatori sospettano anche che non sia solo l’entità della fibrosi a svolgere un ruolo nei risultati dello studio. Nel valutare centinaia di procedure da parte dei principali elettrofisiologi del mondo, hanno scoperto che c’è poca uniformità nel modo in cui i medici eseguono gli interventi di ablazione, che possono anche contribuire a risultati disparati, secondo il ricercatore.

“Le procedure per il trattamento della fibrillazione atriale sono diventate troppo complesse nel corso degli anni. Stiamo ablando centinaia di migliaia di persone all’anno e ci stiamo sforzando di fare sempre più ablazione per la popolazione con fibrillazione atriale persistente o continua”, ha affermato Marrouche. “Ma il nostro studio mostra che non è una procedura necessaria, soprattutto per i pazienti con più miopatia. Semplici ablazioni possono trattare efficacemente questi pazienti invece di ricorrere a un’ablazione estesa per trattare le aree fibrotiche che facciamo fatica a controllare“.

Fonte: JAMA

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...