Home Salute Tumori La FDA approva un nuovo farmaco per il trattamento del melanoma avanzato

La FDA approva un nuovo farmaco per il trattamento del melanoma avanzato

La  Food and Drug Administration ha approvato un nuovo farmaco chiamato Keytruda, per il trattamento del melanoma avanzato.

I tassi di melanoma sono aumentati significativamente nel corso degli ultimi 30 anni. Il cancro della pelle rappresenta ormai circa il 5% di tutti i nuovi tumori, negli Stati Uniti.

Ora, la Food and Drug Administration (FDA) ha concesso l’approvazione accelerata per il farmaco Keytruda (pembrolizumab) – sviluppato dalla società farmaceutica Merck & Co. – per il trattamento di pazienti con melanoma avanzato che non rispondono più al trattamento.

L’approvazione si basa sui risultati di studi clinici condotti dal Dr. Antoni Ribas della University of California-Los Angeles (UCLA) e colleghi. Essi hanno testato il farmaco su più di 600 pazienti con melanoma avanzato che non avevano risposto alla precedente terapia.

In uno studio, il team ha trattato 173 pazienti con 2 milligrammi per chilogrammo (mg / kg) di Keytruda o 10 mg / kg del farmaco. Il team ha scoperto che il 24% dei pazienti che hanno ricevuto il 2 mg / kg di dosaggio di Keytruda, ha sperimentato una riduzione del tumore di oltre il 30%.

I tumori non sono ricresciuti in questi pazienti trattati e gli effetti del farmaco sono rimasti per almeno 1,4-8,5 mesi, con alcuni pazienti che  hanno visto effetti ancora più a lungo.

In un altro studio effettuato per testare la sicurezza di Keytruda in 411 pazienti con melanoma avanzato, il team ha scoperto che gravi effetti collaterali – come i problemi con il polmone, colon e fegato – sono stati rari. Gli effetti indesiderati più comuni sono stati affaticamento, tosse, nausea, prurito della pelle, riduzione dell’appetito, costipazione, diarrea e dolori articolari.

Keytruda ‘un progresso significativo nel trattamento del melanoma’

Keytruda è un farmaco per l’immunoterapia. Attacca PD-1 – una proteina espressa dalle cellule immunitarie che interferisce con l’efficacia del sistema immunitario. Prendendo di mira questa proteina, Keytruda incoraggia le cellule del sistema immunitario ad attaccare le cellule tumorali.

Tentativi in ​​passato per trattare il cancro, stimolando il sistema immunitario, non erano riusciti perché la proteina PD-1 ostacola la sua attività. Ma trovare un modo per indirizzare la proteina è quello che i ricercatori ritengono un importante passo avanti nel trattamento del melanoma.

Il Dr. Ribas dice:

“Questo farmaco è un punto di svolta, un progresso molto significativo nel trattamento del melanoma. Per i pazienti che non hanno risposto alle terapie precedenti, questo farmaco offre ora una possibilità molto reale per ridurre i loro tumori e la speranza di una risposta duratura al trattamento”.

Uno dei pazienti coinvolti negli studi clinici, Tom Stutz di 74 anni, è stato diagnosticato con un melanoma avanzato nel giugno 2011. Il cancro si era diffuso al polmone, fegato e altre zone del suo corpo. Come risultato, Stutz era in ossigeno terapia e non in grado di camminare.

Questo paziente aveva poche possibilità di sopravvivenza, ma dopo il trattamento con Keytruda, i suoi tumori si sono ridotti del 90% e la ricrescita si è fermata. Egli è ora in grado di camminare ed ha interrotto il trattamento con l’ossigeno.

” Così come per il trattamento del melanoma”, dice  il Dr. Ribas, ” è possibile che Keytruda possa essere utilizzato per il trattamento di altri tumori come tumore del polmone, della vescica, della testa e del collo “.

Fonte :

University of California-Los Angeles news release, accessed 5 September 2014.

Food and Drug Administration news release, accessed 5 September 2014.

Additional source: National Cancer Institute, melanoma statistics, accessed 5 September 2014.


ULTIMI ARTICOLI

Le statine riducono la gravità di COVID-19

Immagine: l'infezione da SARS-CoV-2 (verde, a sinistra) è inibita dal trattamento con 25HC (a destra). Credito: UC San Diego Health Sciences. Non ci sono trattamenti approvati...

Il trattamento con metformina è collegato al rallentamento del declino cognitivo

Immagine: Public Domain. La metformina è il trattamento di prima linea per la maggior parte dei casi di diabete di tipo 2 e uno dei...

Il fruttosio prodotto nel cervello potrebbe essere alla base dell’Alzheimer

Una nuova ricerca pubblicata dall'Anschutz Medical Campus dell'Università del Colorado propone che la malattia di Alzheimer possa essere guidata dall'iperattivazione del fruttosio prodotto nel...

Come il microbioma della madre influenza il neurosviluppo fetale

Immagine: Public Domaian. "Durante la gravidanza nei topi, i miliardi di batteri e altri microbi che vivono nell'intestino di una madre regolano i metaboliti chiave,...

Iniziano le sperimentazioni per una nuova arma contro il Parkinson: la luce

Immagine:Alan Minson dice che i suoi sintomi di Parkinson sono migliorati dopo che ha iniziato a usare un "casco leggero" nel luglio 2019. Credito:RON...