HomeSaluteOssa e muscoliFarmaco per il cancro promettente contro la distrofia muscolare

Farmaco per il cancro promettente contro la distrofia muscolare

(Distrofia muscolare-Immagine:effetti degli inibitori di CSF1R – e l’assenza di macrofagi residenti autorinnovanti – sulla rigenerazione muscolare nei topi. Credito: F. Babaeijandaghi, et al., Science Translational Medicine (2022) ).

I ricercatori della School of Biomedical Engineering della University of British Columbia hanno scoperto che un farmaco antitumorale esistente potrebbe avere un potenziale come trattamento per la distrofia muscolare.

I ricercatori hanno scoperto che il farmaco, noto come inibitore del recettore del fattore 1 stimolante le colonie (CSF1R), ha contribuito a rallentare la progressione della distrofia muscolare di Duchenne nei topi aumentando la resilienza delle fibre muscolari.

- Advertisement -

I risultati dello studio sono stati pubblicati oggi su Science Translational Medicine.

“Questa è una classe di farmaci che viene già utilizzata negli studi clinici per il trattamento di forme rare di cancro“, afferma il Dottor Farshad Babaeijandaghi, un borsista post-dottorato presso l’UBC e primo autore dello studio. “Scoprire che potrebbe potenzialmente servire a un doppio scopo come trattamento per la distrofia muscolare è incredibilmente eccitante. Il farmaco mostra molte promesse e, con ulteriori test, potrebbe aiutare a estendere e migliorare la qualità della vita dei pazienti”.

Vedi anche:Distrofia muscolare di Duchenne: una proteina la chiave per la rigenerazione muscolare

La distrofia muscolare di Duchenne (DMD) è una grave malattia genetica che porta a una progressiva debolezza muscolare e degenerazione a causa delle interruzioni della distrofina proteica, che aiuta a mantenere intatte le cellule muscolari. È la malattia congenita più comune in Canada, che colpisce circa un maschio su 3.500 e, in casi più rari, le femmine.

Il farmaco contro il cancro mostra un potenziale come trattamento per la distrofia muscolare
Distribuzione di diversi tipi di fibre nei muscoli da un modello murino di distrofia muscolare di Duchenne. I topi trattati con l’inibitore CSF1R hanno mostrato più fibre di tipo IIA (verde). Credito: F. Babaeijandaghi, et al., Science Translational Medicine (2022)
- Advertisement -

I sintomi della DMD compaiono tipicamente nella prima infanzia, con i pazienti che affrontano una maggiore perdita della funzione muscolare con l’avanzare dell’età. Con il progredire della malattia, molti pazienti sono costretti a fare affidamento su ausili per la mobilità, come una sedia a rotelle, con la malattia che alla fine ha un impatto sulla funzione cardiaca e polmonare. Mentre i miglioramenti nell’assistenza cardiaca e respiratoria hanno aumentato l’aspettativa di vita negli ultimi decenni, attualmente non esiste una cura.

“La distrofia muscolare è una malattia devastante che colpisce i bambini in giovane età. Sebbene questa non sia una cura, potrebbe ritardare significativamente la progressione della malattia, aiutando le persone a rimanere mobili più a lungo”, afferma l’autore senior dello studio, il Dott. Fabio Rossi, Professore alla scuola di ingegneria biomedica e al dipartimento di genetica medica dell’UBC. “Potrebbe essere utilizzato in combinazione con altri trattamenti e approcci emergenti di terapia genica che mirano al difetto genetico”.

I risultati dello studio hanno colto di sorpresa i ricercatori mentre stavano inizialmente studiando il ruolo dei macrofagi, un tipo di globuli bianchi, nella rigenerazione muscolare.

Durante la sperimentazione sui topi, i ricercatori hanno scoperto che gli inibitori del CSF1R, che riducono i macrofagi residenti, hanno l’effetto inaspettato di rendere le fibre muscolari più resistenti al tipo di danno tissutale indotto dalla contrazione che è caratteristico della distrofia muscolare. Il farmaco ha avuto l’effetto di cambiare il tipo di fibre muscolari nel corpo dell’animale da fibre di tipo IIB sensibili al danno verso fibre di tipo IIA/IIX resistenti al danno.

“Molte persone avranno sentito dire che esistono diversi tipi di fibre muscolari, inclusi muscoli a contrazione rapida e lenta. Somministrando questo farmaco, abbiamo osservato che le fibre muscolari hanno effettivamente iniziato a passare a un tipo a contrazione più lenta che è più resistente ai danni causati dalle contrazioni muscolari”, afferma il Dott. Rossi.

Dopo aver fatto la scoperta, i ricercatori hanno testato il farmaco nei topi con DMD. Nel giro di pochi mesi dal trattamento, hanno iniziato a vedere risultati positivi. I topi sottoposti a trattamento hanno mostrato frequenze più elevate di fibre muscolari resistenti ai danni e sono stati in grado di eseguire attività fisiche, come una corsa moderata su un tapis roulant, con meno danni muscolari rispetto alle loro controparti non trattate.

“I risultati sono stati in realtà, inattesi. Il miglioramento della resilienza muscolare è stato profondo“, afferma il Dott. Babaeijandaghi.

I ricercatori affermano che sono necessari ulteriori studi per verificare se CSF1R è efficace nel trattamento della DMD negli esseri umani. Considerando che diversi studi clinici a breve termine hanno già dimostrato che questa classe di farmaci è sicura per l’uso nelle persone, sperano che possa essere un trattamento pronto per il paziente.

“Lo sviluppo di un nuDott. Rossi. “Ma con il profilo di sicurezza di questo farmaco già dimostrato negli studi sull’uomo, potrebbe significare che siamo su una corsia preferenziale per un nuovo trattamento per la distrofia muscolare.

Fonte:Science Translational Medicine

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...