Nuovo farmaco guarisce la psoriasi in studi clinici

Ixekizumab,psoriasi

Circa l’80 per cento dei pazienti con psoriasi da moderata a grave, hanno visto la loro malattia completamente o quasi completamente scomparire grazie ad un nuovo farmaco chiamato Ixekizumab, secondo tre grandi studi clinici a lungo termine condotti dalla Northwestern Medicine.

I risultati di questi studi di fase III sono stati pubblicati nel New England Journal of Medicine .

Questo gruppo di studi mostra non solo livelli molto alti e coerenti di sicurezza ed efficacia del nuovo farmaco, ma anche che un’alta percentuale delle risposte persistono almeno per 60 settimane“, ha detto il Dottor Kenneth Gordon, Prof. di Dermatologia presso la Northwestern University Feinberg School of Medicina e primo autore dell’articolo.

La psoriasi colpisce circa il 3 per cento della popolazione mondiale ed è una malattia infiammatoria immuno-mediata che provoca prurito, rossore, desquamazione della pelle…. E’ anche associata ad un aumentato rischio di depressione, malattie cardiache e diabete, tra le altre condizioni.

( Vedi anche: Perchè i pazienti con psoriasi sono meno suscettibili alle infezioni virali)

Ixekizumab funziona neutralizzando un percorso nel sistema immunitario, noto per promuovere la psoriasi.

Per testare l’efficacia del farmaco nel corso del tempo e per determinare se i benefici superano i rischi, ai tre studi sono stati arruolati un totale di 3.736 pazienti adulti con più di 100 siti di studio in 21 paesi. Tutti i partecipanti avevano da moderata a grave psoriasi (da moderata a grave psoriasi significa che la malattia interessa il 10% o più del corpo). I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere iniezioni di ixekizumab a varie dosi o un placebo, per un periodo di più di un anno.

I ricercatori hanno valutato l’efficacia del farmaco sulla riduzione della gravità dei sintomi della psoriasi rispetto al placebo e hanno valutato la sua sicurezza attraverso il monitoraggio di eventi avversi. Alla dodicesima settimana di trattamento, circa il 76,4-81,8 per cento dei pazienti ha avuto una riduzione dei sintomi e la psoriasi è stata classificata come “chiara” o “minimale”, rispetto al 3,2% dei pazienti trattati con placebo. Entro la sessantesima settimana, il 68,7-78,3% dei pazienti aveva mantenuto il miglioramento.

“Sulla base di questi risultati, ci aspettiamo che l’80 per cento dei pazienti avrà un tasso di risposta estremamente elevato a Ixekizumab, e che circa il 40 per cento sarà completamente guarito dalla psoriasi”, ha detto Gordon. “Dieci anni fa, abbiamo pensato che la clearance completa di questa malattia fosse impossibile.Oggi, con questo farmaco, stiamo ottenendo livelli di risposta così elevati che  mai avevamo ottenuto prima”.

Gli eventi avversi associati a Ixekizumab includono tassi leggermente più elevati di neutropenia (basso numero di globuli bianchi),infezioni da lievito e malattia infiammatoria intestinale. La sicurezza della terapia per più di 60 settimane, dovrà essere monitorata in futuro.

Il farmaco è stato approvato dalla Food and Drug Administration in quanto tutte le prove sono state completate.

Fonte: New England Journal of Medicicne

Altri articoli su Ixekizumab, psoriasi