Farmaco che riduce il colesterolo migliora la funzione delle arterie del cuore

Immagine: Public Domain.

In uno studio pilota su persone che vivono con l’HIV o alti livelli di colesterolo, i ricercatori di Johns Hopkins Medicine hanno scoperto che un ciclo di sei settimane di un farmaco che riduce i livelli di colesterolo ha migliorato la funzione delle arterie coronarie che forniscono ossigeno al cuore.

Il farmaco utilizzato nello studio, un inibitore PCSK9, riduce l’attività di PCSK9, una proteina coinvolta nel metabolismo del colesterolo. Questi livelli sono più alti nelle persone con HIV e in quelle con colesterolo alto.

Attualmente, le persone con HIV ricevono farmaci antiretrovirali e raramente muoiono a causa del virus stesso. Tuttavia, le stesse persone hanno un aumentato rischio di malattie cardiovascolari a causa dell’infiammazione cronica dovuta al virus e hanno una probabilità significativamente maggiore di morire di malattie cardiovascolari rispetto alla popolazione generale.

Vedi anche: Il calcio nelle arterie influenza il rischio di attacco cardiaco

In uno studio pubblicato il 17 luglio sul Journal of American Heart Association, i ricercatori della Johns Hopkins University suggeriscono che potrebbe esserci un modo per limitare il rischio di malattie cardiovascolari in coloro che vivono con l’HIV e altri fattori di rischio cardiovascolare, come il colesterolo alto, migliorando la funzione di vasi sanguigni.

Abbiamo ipotizzato che PCSK9 media una risposta infiammatoria che compromette la funzione vascolare oltre ai suoi effetti sul metabolismo del colesterolo e abbiamo testato questa idea con l’inibitore della proteina per scoprire se poteva aiutare le persone che hanno una compromissione della funzionalità dei vasi sanguigni”, afferma l’autore principale di lo studio, Thorsten M. Leucker, MD, Ph.D., assistente Professore di medicina presso la Johns Hopkins University School of Medicine. “Siamo rimasti sorpresi dal fatto che la nostra ipotesi abbia funzionato così bene da migliorare la funzione dei vasi sanguigni nelle persone con un’infiammazione aumentata“.

Per lo studio, 19 persone con HIV e 11 persone con lipidi nel sangue elevati, ma senza HIV, hanno ricevuto il farmaco Evolocumab, un inibitore di PCSK9, per sei settimane. All’inizio dello studio e seguendo il corso del trattamento, il team ha utilizzato l’ imaging a risonanza magnetica cardiaca (MRI) per misurare l’area e il flusso sanguigno nell’arteria coronaria destra a riposo e durante un esercizio della mano, che normalmente si traduce in rilassamento dei vasi sanguigni. Quando le persone sane eseguono il test, l’arteria coronaria risponde all’esercizio e la sua area aumenta, consentendo a più sangue di fluire. Nelle persone con ridotta funzionalità dei vasi sanguigni, come quelle con HIV o colesterolo alto, l’arteria non si ingrandisce o può persino restringersi. Pertanto, il flusso sanguigno rimane lo stesso o diminuisce nelle persone con funzionalità dei vasi sanguigni compromessa.

Dopo il trattamento di sei settimane con l’inibitore del PCSK9, i partecipanti che vivevano con l’HIV avevano un aumento medio del 7,9% nell’area dell’arteria coronarica e un aumento del 10,1% del flusso sanguigno durante l’esercizio dell’impugnatura rispetto al valore a riposo. I partecipanti con lipidi nel sangue alti hanno anche avuto miglioramenti nella zona coronarica e un aumento del flusso sanguigno dopo sei settimane di trattamento.

I ricercatori affermano che gli studi futuri dovranno includere più pazienti e un periodo più lungo di tempo, per convalidare questi risultati.

Fonte: Journal of American Heart Association