Farmaco antidepressivo protegge anche contro la perdita di memoria e demenza

0
31

Oltre al trattamento della depressione, un farmaco antidepressivo comunemente usato, protegge anche contro i composti che possono causano la perdita di memoria e demenza, secondo uno studio della Loyola University Medical Center.

Lo studio ha trovato che i livelli ematici di due composti neurotossici sono stati significativamente ridotti nei pazienti depressi, dopo il trattamento con Escitalopram antidepressivo (Lexapro®).

Lo studio, pubblicato sul Journal of Psychiatric Research, fornisce nuove informazioni su come il sistema immunitario risponde alla depressione.

Stress e depressione interagiscono in un circolo vizioso. Lo stress può portare alla depressione nei soggetti sensibili. A sua volta, la depressione, se non trattata, provoca stress.Questo stimola il sistema immunitario del corpo a combattere lo stress e la depressione, come se si trattasse di una malattia o infezione. La risposta infiammatoria del sistema immunitario, protegge inizialmente contro lo stress, ma nel corso del tempo, l’infiammazione cronica può causare una serie di problemi di salute.

“In questo circolo vizioso, la depressione può innescare una risposta infiammatoria, che a sua volta può esacerbare la depressione”, ha spiegato Angelos Halaris, MD, PhD, autore principale dello studio e Professore presso il Dipartimento di Psichiatria e Neuroscienze della Loyola University Chicago Stritch School of Medicina.

Lo studio ha confrontato 30 pazienti gravemente depressi con 27 soggetti sani. I pazienti sono stati trattati con Escitalopram e seguiti per 12 settimane. Alcuni pazienti hanno abbandonato lo studio a causa di effetti collaterali del farmaco o altri motivi. Dei 20 pazienti che hanno completato l’intero studio, l’80 per cento ha riferito sollievo completo o parziale dalla loro depressione.

Per esaminare la risposta infiammatoria, i ricercatori hanno misurato i livelli ematici di nove sostanze secrete dal sistema immunitario. All’inizio dello studio, i livelli medi di tutte le nove sostanze erano più elevati nei pazienti depressi che nei soggetti sani. Le differenze erano statisticamente significative soprattutto rispetto a quattro di queste sostanze (hsCRP, TNF-alfa, IL6 e MCP1).

La risposta infiammatoria può portare alla produzione di composti neurotossici che possono uccidere le cellule del cervello, con conseguente perdita di memoria e demenza se la depressione non viene trattata o se il paziente non riesce a rispondere adeguatamente al trattamento. Lo studio ha trovato che tra i pazienti trattati con Escitalopram, i livelli di due composti neurotossici si sono ridotti in modo significativo. I livelli di 3-hydroxykynurenine sono diminuiti di oltre due terzi tra l’ottava e la dodicesima settimana. I livelli di acido quinolinico sono diminuiti del 50 per cento durante le prime otto settimane e sono risultati ulteriormente inferiori alla fine dello studio, rispetto all’inizio.

“Escitalopram appartiene a una classe di antidepressivi chiamati inibitori della ricaptazione della serotonina (SSRI). E’ possibile che altri SSRI, come Prozac, Zoloft e Paxil®, possano anche potrebbe proteggere contro le neurotossine, ma questo dovrebbe essere confermato con altri studi”, ha detto il Dottor Halaris.

Lo studio è limitato a causa del piccolo numero di soggetti partecipanti, ma dovrebbe stimolare l’interesse per replicare i risultati con grandi gruppi, per un periodo di tempo più lungo.

Fonte: http://www.eurekalert.org/pub_releases/2015-12/luhs-amp120115.php