Home Salute Cervello e sistema nervoso Farmaci comuni e demenza: esiste un collegamento?

Farmaci comuni e demenza: esiste un collegamento?

Le possibilità di sviluppare la demenza possono dipendere dai farmaci che hai nell’armadietto?

Un nuovo studio rivela che medicinali di uso comune utilizzati per curare la depressione, l’asma e le allergie potrebbero aumentare questo rischio. I farmaci coinvolti sono i cosiddetti anticolinergici. Funzionano bloccando un neurotrasmettitore, l’acetilcolina, che è fondamentale per la memoria. Sebbene non sia la prima volta che i ricercatori indagano questo collegamento, è stato effettuato un nuovo studio che ha coinvolto circa 100 farmaci anticolinergici diversi, tra cui antidepressivi, antiallergici e farmaci contro il mal di mare.

Gli esperti hanno trovato un forte collegamento tra farmaci e demenza, ma non sono riusciti a provare che i farmaci la causano direttamente.

Il cervello delle persone che assumono anticolinergici non funziona bene come quello di coloro che non ne fanno uso. “Abbiamo osservato un aumento del rischio di demenza nel tempo,” dice il ricercatore Shannon Risacher, PhD, assistente Professore di radiologia e imaging all’Indiana University School of Medicine.

“Riducono o bloccano l’attività dell’acetilcolina,” dice Risacher, “che è molto importante per la memoria. Mentre alcuni principi attivi per il trattamento dell’Alzheimer aumentano l’acetilcolina per migliorare la memoria, questi farmaci fanno esattamente l’opposto”.

“Gli anziani che hanno assunto questi farmaci hanno capacità cognitive ridotte rispetto agli anziani che non ne hanno fatto uso. I loro cervelli erano anche più piccoli, soprattutto nelle aree importanti per la memoria e altre capacità cognitive.”

I ricercatori hanno osservato il cervello di 451 uomini e donne partecipanti allo studio, di cui 60 assumevano uno o più farmaci anticolinergici. La loro età media era di 73 anni, ed avevano normali capacità cognitive e un normale volume del cervello.

I partecipanti allo studio hanno preso farmaci per circa 7 anni. I ricercatori hanno trovato che il gruppo dei partecipanti che facevano uso di questi farmaci era “quattro volte più predisposto a sviluppare deterioramento cognitivo lieve ( che spesso sfocia nella demenza ) o la demenza”, rispetto a coloro che non assumevano medicine.

“I problemi cognitivi si sviluppavano in un range che va dai 6 mesi agli 8 anni”, dice Risacher.

Fonte: WebMD

ULTIMI ARTICOLI

Come i resti di virus antichi modellano la risposta immunitaria dei nostri giorni

Immagine:virus preistorico trovato sotto i ghiacciai della Siberia. Credit: Public Domain. Perché alcune persone sono più resistenti ai virus di altre? La risposta è sfuggita agli...

Inaspettato vantaggio dall’ E. coli: aiuta le cellule ad assorbire il ferro

Meglio conosciuto come un agente patogeno che causa intossicazione alimentare o sottrae sostanze nutritive al suo ospite, il batterio E. coli svolge in realtà un ruolo fondamentale...

Anemia falciforme: diagnosi in tempi record con nuova tecnologia

Immagine: Credit:Università del Colorado Boulder. L'anemia falciforme, richiede tradizionalmente un'intera giornata, un noioso lavoro di laboratorio e costose apparecchiature per la diagnosi, ma i ricercatori...

Le bioplastiche sono tossiche quanto le altre plastiche

La plastica convenzionale è prodotta dal petrolio. La produzione di plastica non è sostenibile e può contenere sostanze che sappiamo essere pericolose se ingerite. Negli ultimi...

Sfruttare i leucociti contro la cirrosi

Immagine:Public Domain. Esaminando il sistema immunitario sulla cirrosi scompensata In pazienti con cirrosi acuta scompensata, la somministrazione di albumina sierica umana (HSA) ha dimostrato di ridurre...