Home Salute Virus e parassiti Estratto di foglie di castagno per trattare lo Staphylococcus aureus

Estratto di foglie di castagno per trattare lo Staphylococcus aureus

Il Mediterraneo è sede di una storia ricca di tradizioni mediche che si sono sviluppate sotto l’influenza di diverse culture nel corso dei millenni. Oggi, molte di queste tradizioni sono ancora vive nelle pratiche mediche popolari delle popolazioni locali. Indagine su popolari da fonti botaniche utilizzate nel trattamento delle infezioni della pelle e dei tessuti molli, ha portato i ricercatori a studiare il Castanea sativa (castagno europeo) per la sua potenziale attività antibatterica.

Le foglie di castagno eurpopeo (castanea sativa) hanno il potere di bloccare la virulenza e la patogenesi dello Staphylococcus aureus, senza resistenza rilevabile, secondo il nuovo studio.

Invece di uccidere lo Staphylococcus aureus, l’estratto di foglie di castagno- ricco di derivati ​​oleanene e ursene (triterpeni pentaciclici) – opere bloccando la capacità dei batteri di produrre tossine che causano danni ai tessuti.

“Abbiamo dimostrato in laboratorio, che il nostro estratto disarma anche l’MRSA iper-virulento (meticillino-resistente Staphylococcus aureus ) in grado di causare gravi infezioni”, ha detto la Dr. Cassandra Quave della Emory University, autore principale dello studio pubblicato dalla rivista PLoS ONE.

“Allo stesso tempo, l’estratto non attacca i batteri “buoni” sulla pelle umana. E ‘tutta una questione di ripristinare l’equilibrio”.

Gli scienziati hanno immerso le foglie di castagno in solventi, per estrarre i loro ingredienti chimici.

Hanno prodotto un estratto di 94 sostanze chimiche, tra cui composti ursene e oleanene base, che sono i più attivi.

Schematica del sistema di gene regolatore accessorio Staphylococcus aureus. Dr Cassandra Quave della Emory University e co-autori riportano il quorum sensing attività inibitoria del estratto di foglie di castagno contro tutti (AGR) alleli Staphylococcus aureus accessorio gene regolatore. Immagine di credito: Quave CL et al.

Schema del Staphylococcus aureus sistema di regolazione genica. Dr Cassandra Quave della Emory University e co-autori riportano l’attività inibitoria del quorum sensing dell’ estratto di foglie di castagno, contro lo Staphylococcus aureus (AGR). Immagine credit: Quave CL et al.

I test hanno dimostrato che l’estratto inibisce la capacità dello Staphylococcus aureus di comunicare uno con l’altro, un processo noto come quorum sensing. MRSA utilizza questo sistema di segnalazione del quorum sensing per la produzione di tossine e per sviluppare la sua virulenza.

“Siamo stati in grado di tracciare i percorsi in laboratorio, che mostrano come l’ estratto botanico blocca il quorum sensing e spegne del tutto la produzione di tossine”, ha spiegato la Dr. Quave.

Una singola dose di estratto, circa 50 microgrammi, ha curato le lesioni cutanee MRSA indotte, nei topi di laboratorio, bloccando i danni ai tessuti e danni ai globuli rossi.

L’estratto non perde la sua attività e non causa resistenza, anche dopo due settimane di esposizione ripetuta.

Inoltre, test su cellule della pelle umana in una piastra di Petri hanno dimostrato che l’estratto di foglie di castagno non danneggia nè le cellule, nè la normale microflora della pelle.

Fonte: PLoS ONE


ULTIMI ARTICOLI

Sviluppata una mascherina in grafene che rende innocuo SARS-CoV-2

Un nuovo metodo per realizzare maschere di grafene antibatteriche in modo rapido ed economico è stato scoperto dal Dottor Ye Ruquan, Professore assistente presso...

Migliorare l’immunoterapia per il cancro

Immagine: Public Domain. Il nostro sistema immunitario non solo ci protegge dalle infezioni, ma anche dal cancro. Questa potente protezione si basa in particolare sull'attivazione di...

Dermatite atopica: efficace nei bambini l’applicazione cutanea di probiotici

Immagine: Public Domain. Un trattamento sperimentale per la dermatite atopica che mira a modificare il microbiota cutaneo si è dimostrato efficace nei bambini di 3...

Nuova opzione di trattamento di prima linea per il cancro metastatico del rene

Immagine: Public Domain. I risultati dello studio di fase 3 CheckMate 9ER hanno fornito una nuova opzione di trattamento di prima linea per i pazienti...

La maggior parte delle mascherine fatte in casa stanno facendo un ottimo lavoro

Gli studi indicano che le mascherine fatte in casa aiutano a combattere la diffusione COVID-19 se combinate con il frequente lavaggio delle mani e...