HomeMedicina AlternativaEstratti artemisia annua attivi contro il virus SARS-CoV-2

Estratti artemisia annua attivi contro il virus SARS-CoV-2

(Artemisia annua-Immagine Credit Public Domain).

Un team di ricercatori affiliati con istituzioni in Danimarca, Germania e Hong Kong ha scoperto che diversi estratti della pianta di artemisia annua sono attivi contro il virus SARS-CoV-2 in condizioni di laboratorio. Nell’articolo pubblicato sulla rivista Scientific Reports, il gruppo descrive tre estratti della pianta di artemisia annua che hanno testato e come si sono comportati nella lotta al virus SARS-CoV-2 nel tessuto polmonare umano. Mentre l’obiettivo principale della pandemia negli ultimi mesi sono diventati i vaccini efficaci per la prevenzione della COVID-19, il lavoro continua sui trattamenti per le persone non vaccinate che vengono infettate dal virus SARS-CoV-2.

Artemisia annua si trova in alcune parti dell’Asia e del Nord America. È conosciuta comunemente con una varietà di nomi, come dolce assenzio o dolce Annie. I suoi estratti sono usati principalmente come trattamenti per la malaria. I derivati ​​dell’artemisinina includono l’artesunato e l’artemeter, entrambi usati per trattare i pazienti affetti da malaria e dotati di comprovata sicurezza. In questo nuovo studio, i ricercatori hanno cercato di determinare se l’artemisinina o i suoi derivati ​​potrebbero essere efficaci per il trattamento dei pazienti COVID-19. Per scoprirlo, i ricercatori hanno infettato i tessuti umani con il virus SARS-CoV-2 in piastre di Petri e poi hanno aggiunto artemisinina o suoi derivati.

- Advertisement -

Vedi anche:Cancro ovarico: Artemisia potenziale anticancro

Più specificamente, i ricercatori hanno prima testato l’estratto e i suoi derivati ​​su cellule renali di scimmia verde africana e hanno scoperto che è efficace contro un ceppo della variante del virus SARS-CoV-2 emerso di recente in Germania. Hanno quindi testato l’estratto e i suoi derivati ​​contro una variante danese, utilizzando anche cellule renali dello stesso tipo di scimmia. Ottenendo ancora una volta successo, hanno quindi testato l’estratto e i suoi derivati ​​con la variante danese nelle cellule polmonari umane e hanno scoperto che tutte e tre le terapie sono attive contro il virus, inibendo l’infezione. Più specificamente, hanno scoperto che l’artesunato è il più efficace, seguito da artemeter e poi artemisinina. Il team prevede di dare seguito ai propri sforzi conducendo studi clinici.

Fonte:Scientific Reports

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...