HomeSaluteCervello e sistema nervosoEmicrania: sviluppato atlante di diversi tipi di geni coinvolti

Emicrania: sviluppato atlante di diversi tipi di geni coinvolti

(Emicrania-immagine: astratto grafico. Credito: Neurone (2022). DOI: 10.1016/j.neuron.2022.03.003).

Mal di testa come l’emicrania sono tra le principali cause di morbilità in tutto il mondo, ma la maggior parte dei trattamenti fornisce solo un sollievo parziale. Mentre gli scienziati sanno che l’emicrania e il relativo mal di testa sono causati dall’attività in una parte del sistema nervoso nota come ganglio del trigemino (TG), non è chiaro quali geni e tipi cellulari del TG siano coinvolti. Analizzando sia il TG umano che quello murina, i ricercatori del Brigham and Women’s Hospital e del Massachusetts General Hospital hanno profilato, a risoluzione unicellulare, i geni espressi in ciascun tipo di cellula TG.

La loro ricerca, pubblicata su Neuron, consentirà ai ricercatori di progettare trattamenti più efficaci per il dolore mirando selettivamente a determinati geni e cellule.

- Advertisement -

“Pochissimi farmaci antidolorifici sono arrivati ​​​​alla clinica, nonostante la forte efficacia nei modelli animali, quindi il nostro obiettivo era analizzare il tessuto umano per cercare nuovi bersagli per il trattamento del mal di testa e del dolore facciale”, ha affermato William Renthal, MD, Ph.D. , del Dipartimento di Neurologia del Brigham. “Ora abbiamo un atlante dei geni che sono espressi in ciascuno dei tipi cellulari nel TG, il centro di trasmissione chiave per l’emicrania e il dolore facciale, e ora stiamo usando questo strumento per identificare potenziali bersagli terapeutici che sono espressi selettivamente nella cellula tipi che causano mal di testa. Riteniamo che questo porterà a farmaci più precisi senza tanti effetti collaterali”.

Oltre ad analizzare il TG di quattro donatori umani, i ricercatori hanno studiato due modelli murini di cefalea. È importante sottolineare che hanno scoperto che mentre i tipi cellulari tra topi e umani sono in gran parte conservati, alcuni dei geni noti per essere coinvolti nel dolore sono espressi in diversi sottoinsiemi di cellule nei topi rispetto agli esseri umani. Ciò ha fornito ai ricercatori nuove idee su quali cellule studiare ulteriormente.

Vedi anche:Emicrania: scoperti nuovi fattori di rischio genetico

“Un valore importante di questo studio è che non era limitato a uno specifico tipo di cellula o ramo del ganglio del trigemino“, ha affermato Jochen K. Lennerz, MD, Ph.D., del Center for Integrated Diagnostics nel dipartimento di Patologia presso MGH. Il laboratorio di Lennerz ha eseguito le complesse procedure di raccolta dei tessuti necessarie per estrarre il TG, che si trova all’interno del cranio. “Abbiamo incluso tutte le cellule che compongono il TG”, ha detto. “Questo è stato un approccio olistico che ha portato a un sorprendente compendio che i ricercatori possono guardare da tutte le prospettive e specialità. Potrebbero non essere solo i neuroni che stiamo cercando quando identifichiamo le biomolecole come bersagli terapeutici”.

- Advertisement -

Le informazioni dell’atlante dei ricercatori, che è disponibile pubblicamente online, potrebbero indurre nuove indagini sulle basi molecolari di diverse varietà di dolore, come il dolore ai denti. Può anche far luce su come trattare il mal di testa oltre l’emicrania, inclusi mal di testa post-commozione cerebrale o mal di testa a grappolo.

Andando avanti, i ricercatori hanno in programma di migliorare l’attuale atlante sequenziando ulteriori tessuti umani. Sperano che l’atlante possa aiutare i ricercatori a sviluppare terapie del dolore più selettive prendendo di mira, attraverso terapie geniche, le cellule specifiche che hanno identificato.

“Ora abbiamo una risorsa che consente a un individuo di andare online, cercare un gene di interesse, scoprire dove viene espresso e come è regolato e quindi utilizzare queste informazioni per ispirare nuovi esperimenti”, ha affermato Renthal. “Questo atlante è solo una prima bozza e dobbiamo espandere il numero di donatori per costruirne uno più completo. Questa è una limitazione attuale, ma anche una direzione futura per il nostro lavoro“.

Fonte:Neuron

ULTIMI ARTICOLI

Infezioni batteriche e ferite della pelle: nuovo approccio per il trattamento

(Infezioni batteriche-Immagine: ferita vascolarizzata al microscopio. Credito: Rachel Kratofil). I ricercatori dell'Università di Calgary hanno identificato un nuovo approccio promettente per il trattamento delle infezioni batteriche...

Januvia farmaco per il diabete può contenere tracce di cancerogeno

(Januvia-Immagine Credit Medicalxpress). "Il popolare farmaco per il diabete Januvia può contenere tracce di un probabile cancerogeno, ma i pazienti dovrebbero continuare a usare il...

Cuffia dei rotatori: potenziale trattamento rivoluzionario per la rigenerazione

(Cuffia dei rotatori/Studio-Immagine:Dr. Cato T. Laurencin-Credito UCNN). Un nuovo modo per rigenerare i muscoli potrebbe aiutare a riparare la cuffia dei rotatori nelle spalle danneggiate...

Acufene: svolta nella ricerca di una cura

(Acufene-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Dopo 20 anni alla ricerca di una cura per l'acufene, i ricercatori dell'UDniversità di Auckland sono entusiasti dei "risultati...

Alimenti fermentati: 4 motivi per cui dovresti mangiarli

(Alimenti fermentati-Immagine Credit Public Domain). Gli alimenti fermentati hanno subito il processo naturale di essere fermentati da batteri, funghi o lieviti benefici. In questo processo,...