Home Alimentazione & Benessere Digiuno intermittente: gli effetti collaterali

Digiuno intermittente: gli effetti collaterali

(Digiuno intermittente-Immagine: Credit Public Domain).

Il digiuno intermittente è diventato negli ultimi anni, sempre più popolare per le sue promesse di miglioramento della salute e del controllo del peso. L’idea è che è più facile limitare drasticamente le calorie alcuni giorni della settimana o limitare il consumo di cibo a una “finestra di alimentazione” ogni giorno più breve che ridurre moderatamente le calorie a ogni pasto, ogni giorno.

I sostenitori del digiuno intermittente affermano che periodi di digiuno prolungati (oltre il normale tempo tra i pasti) promuovono la riparazione cellulare, migliorano la sensibilità all’insulina, aumentano i livelli dell’ormone della crescita umano e alterano l’espressione genica in un modo che promuove la longevità e la protezione dalle malattie.

- Advertisement -

Ma ci sono rischi?

Prima di valutare gli effetti collaterali del digiuno intermittente, è importante sapere che esistono diverse forme di digiuno intermittente e le prove della loro efficacia e sicurezza a lungo termine non sono ancora note. Le forme più comuni includono:

  • Digiuno a giorni alterni (o digiuno adf ) che richiede il digiuno a giorni alterni
  • Il digiuno a giorni alterni modificato che richiede di mangiare solo il 25 percento dell’assunzione abituale a giorni alterni
  • Digiuno periodico, che richiede di limitare il cibo a circa 500-600 calorie al giorno solo due giorni alla settimana
  • Mangiare a tempo limitato, che limita la tua “finestra di alimentazione” quotidiana.

Alcuni piani di digiuno possono causare più effetti collaterali di altri, ma nel complesso, è importante discutere i seguenti effetti collaterali del digiuno intermittente con un medico, prima di scegliere un piano che si adatti al tuo stile di vita.

Vedi anche:Digiuno intermittente per vivere più a lungo?

# 1. Il digiuno intermittente può farti sentire male

- Advertisement -

A seconda della durata del periodo di digiuno, le persone possono provare mal di testa, letargia, irritabilità e costipazione. Per ridurre alcuni di questi effetti collaterali indesiderati, potresti voler passare dal digiuno adf al digiuno periodico o a un piano alimentare limitato nel tempo che ti consenta di mangiare tutti i giorni entro un certo periodo di tempo.

# 2. Il digiuno potrebbe farti mangiare troppo

C’è una forte spinta biologica a mangiare troppo dopo i periodi di digiuno perché i tuoi ormoni dell’appetito e il centro della fame nel tuo cervello vanno in overdrive quando sei privato del cibo.

“È nella natura umana che le persone desiderino ricompensarsi dopo aver svolto un lavoro molto duro, come l’esercizio fisico o il digiuno per un lungo periodo di tempo, quindi c’è il pericolo di indulgere in abitudini alimentari malsane nei giorni di non digiuno“, afferma il Dott. Frank Hu, Presidente del dipartimento di nutrizione presso la Harvard TH Chan School of Public Health.

Uno studio del 2018 ha rilevato che due effetti comuni delle diete ipocaloricheun metabolismo rallentato e un aumento dell’appetito – sono altrettanto probabili quando le persone praticano il digiuno intermittente come quando riducono le calorie ogni giorno. E negli studi sull’alimentazione a tempo limitato, si stanno accumulando prove che un’alimentazione che non si allinea con il ritmo circadiano di una persona (il modello quotidiano naturale del tuo corpo) può causare problemi metabolici.

# 3. Il digiuno intermittente può far perdere troppo peso agli anziani.

Anche se il digiuno intermittente sembra promettente, ci sono ancora poche prove sui benefici o su come il digiuno potrebbe influenzare gli anziani. Gli studi sull’uomo hanno esaminato principalmente piccoli gruppi di adulti giovani o di mezza età, solo per brevi periodi di tempo.

Ma sappiamo che il digiuno intermittente potrebbe essere rischioso in alcuni casi. “Se sei già al limite per quanto riguarda il peso corporeo, sarei preoccupato che tu perdessi troppo peso, il che potrebbe influenzare le tue ossa, il sistema immunitario generale e il livello di energia”, afferma la dietista Kathy McManus, Direttrice del Dipartimento di Nutrizione presso il Brigham and Women’s Hospital affiliato ad Harvard.

# 4.Il digiuno potrebbe essere pericoloso se stai assumendo determinati farmaci.

“Se vuoi provare il digiuno intermittente, assicurati di discuterne prima con il tuo medico”, dice il Dott.Eric Rimm, Professore di epidemiologia e nutrizione presso la Harvard TH Chan School of Public Health. Saltare i pasti e limitare notevolmente le calorie può essere pericoloso per le persone con determinate condizioni, come il diabete. Alcune persone che assumono farmaci per la pressione sanguigna o malattie cardiache possono anche essere più inclini a squilibri di sodio, potassio e altri minerali durante periodi di digiuno più lunghi del normale.

La Dr.ssa Suzanne Salamon, capo associato di gerontologia presso il Beth Israel Deaconess Medical Center affiliato ad Harvard, esprime un’altra preoccupazione : “Le persone che hanno bisogno di assumere i loro farmaci con il cibo – per evitare nausea o irritazione allo stomaco – potrebbero non poter seguire bene il digiuno“.

Come ridurre gli effetti collaterali del digiuno intermittente

Secondo McManus, seguire un piano di digiuno intermittente può aiutare il tuo corpo ad adattarsi. “Riduci lentamente la finestra temporale per mangiare, per un periodo di diversi mesi”, consiglia.

Dovresti anche:

  • Continuare il tuo regime terapeutico come raccomandato dal medico
  • Rimanere idratato con bevande prive di calorie, come acqua
  • Scegliere un piano di digiuno modificato approvato dal tuo medico se devi assumere farmaci con il cibo.

Fonte:Harvard news

ULTIMI ARTICOLI

Microbo intestinale può promuovere il cancro al seno

(Cancro al seno-Immagine: coltura tridimensionale di cellule di cancro al seno umano, con DNA colorato in blu e una proteina nella membrana della superficie...

Virus letali:prodotti naturali che bloccano la diffusione

(Virus letali-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Scripps Institution of Oceanography e della Skaggs School of Pharmacy and Pharmaceutical Sciences dell'Università della California di...

COVID 19: identificata nuova causa di coaguli di sangue

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I coaguli di sangue continuano a devastare i pazienti con grave infezione da COVID-19 e un nuovo studio spiega cosa...

Lo zenzero contrasta alcume malattie autoimmuni

(Zenzero-Immagine Credit Public Domain). Lo zenzero è noto per avere effetti anti-infiammatori e antiossidanti che lo rendono un popolare rimedio naturale per il trattamento delle...

COVID 19: un vaccino italianio da biotech ReiThera

"L'Italia ha investito nella società locale di biotecnologie ReiThera per sostenere lo sviluppo del suo vaccino COVID-19", ha detto un alto funzionario martedì dopo...