Dieta vegetariana legata a un minor rischio di ictus

0
22

Immagine: Public Domain

Le persone che seguono una dieta vegetariana ricca di frutta a guscio, verdure e soia possono avere un minor rischio di ictus rispetto alle persone che seguono una dieta che include carne e pesce, secondo uno studio pubblicato nel numero di Neurology del 26 febbraio 2020, la rivista medica dell’American Academy of Neurology.

“L’ictus è la seconda causa di morte più comune al mondo e una delle principali cause di disabilità“, ha affermato l’autore dello studio Chin-Lon Lin, M.D., dell’Università Tzu Chi di Hualien, Taiwan. “L’ictus può anche contribuire alla demenza. Se potessimo ridurre il numero di ictus nelle persone apportando modifiche alla loro dieta, ciò avrebbe un impatto notevole sulla salute pubblica complessiva”.

Lo studio ha coinvolto due gruppi di persone provenienti da comunità buddiste di Taiwan in cui è diffusa la dieta vegetariana e il fumo e il consumo di alcolici sono scoraggiati. Circa il 30% dei partecipanti in entrambi i gruppi erano vegetariani. Dei vegetariani, il 25% erano uomini. I ricercatori definiscono i vegetariani come persone che non mangiano carne o pesce.

All’inizio dello studio, l’età media di tutti i partecipanti era di 50 anni e nessuno aveva avuto un ictus. Il primo gruppo di 5.050 persone è stato seguito per una media di sei anni. Il secondo gruppo di 8.302 persone è stato seguito per una media di nove anni. I partecipanti sono stati sottoposti a esami medici all’inizio dello studio e hanno condiviso informazioni sulla loro dieta.

I vegetariani hanno mangiato più noci, verdure e soia rispetto ai non vegetariani e hanno consumato meno latticini. Entrambi i gruppi hanno consumato la stessa quantità di uova e frutta. I vegetariani hanno mangiato più fibre e proteine ​​vegetali. Hanno anche mangiato meno proteine ​​e grassi animali.

I ricercatori hanno quindi esaminato un database nazionale per determinare il numero di ictus che i partecipanti hanno avuto nel corso dello studio.

Nel primo gruppo di 5.050 persone, ci sono stati 54 ictus: 3 ictus tra i 1.424 vegetariani o lo 0,21%, rispetto a 28 ictus tra i 3.626 non vegetariani o lo 0,77%. Dopo adattamento per età, sesso, fumo e condizioni di salute come ipertensione e diabete, i ricercatori hanno scoperto che i vegetariani di questo gruppo avevano un rischio di ictus ischemico inferiore del 74% rispetto ai non vegetariani.

Vedi anche: L’ agente antifibrinolitico potrebbe trattare l’ ictus sanguinante

Nel secondo gruppo di 8.302 persone, ci sono stati 121 ictus. Sia per gli ictus ischemici che per quelli emorragici, chiamati anche ictus sanguinanti, vi sono stati 24 ictus tra i 2.719 vegetariani ovvero lo 0,88%, rispetto ai 97 ictus tra 5.583 non vegetariani, ovvero l’1,73%. Dopo aggiustamento per altri fattori, i ricercatori hanno scoperto che i vegetariani di questo gruppo avevano un rischio di ictus complessivo inferiore del 48% rispetto ai non vegetariani, un rischio inferiore del 60% di ictus ischemico e un rischio inferiore del 65% di ictus emorragico.

Nel complesso, il nostro studio ha scoperto che una dieta vegetariana era benefica e riduceva il rischio di ictus ischemico anche dopo aver aggiustato fattori di rischio noti come la pressione sanguigna, i livelli di glucosio nel sangue e i grassi nel sangue“, ha detto Lin. “Questo potrebbe significare che forse esiste qualche altro meccanismo che può proteggere coloro che seguono una dieta vegetariana dall’ictus”.

Una limitazione dello studio era che la dieta dei partecipanti veniva valutata solo all’inizio dello studio, quindi non è noto se le diete dei partecipanti cambiassero nel tempo. Un’altra limitazione era che i partecipanti allo studio non bevevano alcolici e nè fumavano, quindi i risultati potrebbero non riflettere la popolazione generale. Inoltre, i risultati della popolazione studiata a Taiwan potrebbero non essere generalizzabili in tutto il mondo. Infine, potrebbero esserci altri fattori, non considerati, che potrebbero influenzare il rischio di ictus.

Fonte: Neurology