HomeAlimentazione & BenessereDieta MIND legata a migliori prestazioni cognitive

Dieta MIND legata a migliori prestazioni cognitive

(Dieta MIND-Immagine Credit Public Domain).

I ricercatori del Rush University Medical Center hanno scoperto che gli anziani possono trarre beneficio da una dieta specifica chiamata dieta MIND anche quando sviluppano questi depositi proteici, noti come placche e grovigli amiloidi che si accumulano tra le cellule nervose e in genere interferiscono con le capacità di pensiero e di risoluzione dei problemi.

Sviluppata dalla defunta Martha Clare Morris, ScD, che era un’epidemiologa della Rush University, e dai suoi colleghi, la dieta MIND è un ibrido tra le diete Mediterranee e DASH (Dietary Approaches to Stop Hypertension). Precedenti studi hanno scoperto che la dieta MIND può ridurre il rischio di una persona di sviluppare la demenza del morbo di Alzheimer. Ora uno studio ha dimostrato che i partecipanti alla ricerca che hanno seguito la dieta MIND moderatamente, più tardi nella vita non hanno avuto problemi cognitivi.

- Advertisement -

Lo studio è stato pubblicato il 14 settembre sul Journal of Alzheimer’s Disease.

“Alcune persone hanno abbastanza placche e grovigli nel cervello per avere una diagnosi post mortem di Alzheimer, ma non sviluppano demenza clinica nel corso della loro vita”, ha detto Klodian Dhana, MD, Ph.D., autore principale dell’articolo e assistente Professore presso la Divisione di Geriatria e Medicina Palliative dell Dipartimento di Medicina Interna del Rush Medical College.

“Alcuni hanno la capacità di mantenere la funzione cognitiva nonostante l’accumulo di queste patologie nel cervello, e il nostro studio suggerisce che la dieta MIND è associata a migliori funzioni cognitive indipendentemente dalle patologie cerebrali legate all’Alzheimer”, spiega Dhana.

In questo studio, i ricercatori hanno esaminato le associazioni di dieta, dall’inizio dello studio fino alla morte, patologie cerebrali e funzionamento cognitivo negli anziani che hanno partecipato al progetto “Memoria e Invecchiamento” del Rush Alzheimer’s Disease Center, iniziato nel 1997 e che include persone della grande Chicago. I partecipanti erano per lo più bianchi senza demenza nota e tutti hanno accettato di sottoporsi a valutazioni cliniche annuali mentre erano in vita e all’autopsia cerebrale dopo la loro morte.

- Advertisement -

Vedi anche:Cambiamenti nella dieta per vivere in modo sano

I ricercatori hanno seguito 569 partecipanti, a cui è stato chiesto di completare valutazioni annuali e test cognitivi per vedere se avessero sviluppato problemi di memoria e di pensiero. A partire dal 2004, ai partecipanti è stato somministrato un questionario sulla frequenza alimentare annuale sulla frequenza con cui hanno mangiato 144 prodotti alimentari nell’anno precedente.

Utilizzando le risposte al questionario, i ricercatori hanno assegnato a ciascun partecipante un punteggio dietetico MIND basato sulla frequenza con cui i partecipanti mangiavano cibi specifici. Nei test, la dieta MIND ha 10 componenti dietetici salutari per il cervello, mentre cinque gruppi di alimenti sono considerati malsani, come: carne rossa, burro e margarina in stecca, formaggio, pasticcini e dolci e cibi fritti o fast food.

Per aderire e beneficiare della dieta MIND, una persona dovrebbe mangiare almeno tre porzioni di cereali integrali, una verdura a foglia verde o un’altra verdura ogni giorno, insieme a un bicchiere di vino, fare spuntini quasi tutti i giorni con noci, fagioli a giorni alterni, mangiare pollame e frutti di bosco almeno due volte a settimana e pesca almeno una volta alla settimana. Una persona deve anche limitare l’assunzione degli alimenti non salutari designati, limitando il burro a meno di 1 1/2 cucchiaini al giorno e mangiando meno di una porzione a settimana di dolci e pasticcini, formaggio intero e cibi fritti o fast food.

Sulla base della frequenza di assunzione riportata per i gruppi di alimenti sani e non sani, i ricercatori hanno calcolato il punteggio della dieta MIND per ciascun partecipante durante il periodo di studio. Nell’analisi è stata utilizzata una media del punteggio della dieta MIND dall’inizio dello studio fino alla morte del partecipante per limitare l’errore di misurazione. Sono state calcolate sette misure di sensibilità per confermare l’accuratezza dei risultati.

“Abbiamo scoperto che un punteggio più alto della dieta MIND era associato a una migliore memoria e capacità di pensiero indipendentemente dalla patologia dell’Alzheimer e da altre patologie cerebrali comuni legate all’età. La dieta sembrava avere una capacità protettiva e può contribuire alla resilienza cognitiva negli anziani“. ha detto Dhana.

“I cambiamenti nella dieta possono avere un impatto sul funzionamento cognitivo e sul rischio di demenza, nel bene e nel male”, ha continuato. “Ci sono cambiamenti abbastanza semplici nella dieta e nello stile di vita che possono aiutare a rallentare il declino cognitivo legato all’invecchiamento e contribuire alla salute del cervello“.

Le bacche sono l’unico frutto da inserire specificatamente nella dieta MIND. “I mirtilli sono uno degli alimenti più potenti in termini di protezione del cervello”, afferma Morris, e anche le fragole hanno ottenuto buoni risultati negli studi passati sull’effetto del cibo sulla funzione cognitiva.

“La dieta MIND modifica le diete Mediterranea e DASH per evidenziare gli alimenti e i nutrienti indicati dalla letteratura scientifica come associati alla prevenzione della demenza “, spiega il ricercatore. “C’è ancora una grande quantità di studi che dobbiamo fare in questo settore e mi aspetto che apporteremo ulteriori modifiche man mano che la scienza sulla dieta e sul cervello avanza”.

Dieta MIND:

La Dieta Mind prevede l’assunzione di tre porzioni di cereali integrali, come avena, quinoa, granoturco e orzo. Ad esempio è possibile consumare fiocchi d’avena o pane integrale a colazione, riso oppure pasta integrale a pranzo e patate a cena. Inoltre bisogna consumare quotidianamente un piatto di verdure o un’insalata e circa 50 gr di frutta secca.

I legumi vanno consumati a giorni alterni, mentre il pollame e i frutti di bosco almeno due volte la settimana. Il pesce va assunto almeno una volta a settimana e giornalmente va consumato un bicchiere di vino.

La frutta va mangiata due volte al giorno dopo i pasti oppure come spuntino“.

Fonte:Journal of Alzheimer’s Disease 

ULTIMI ARTICOLI

Dieta MIND legata a migliori prestazioni cognitive

(Dieta MIND-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori del Rush University Medical Center hanno scoperto che gli anziani possono trarre beneficio da una dieta specifica chiamata dieta MIND...

Ossigenoterapia iperbarica: rallenta davvero l’invecchiamento?

(Ossigenoterapia iperbarica-Immagine:il paziente riposa all'interno di una camera di ossigenoterapia iperbarica (HBOT). Credito immagine: Pxfuel.com, licenza gratuita). Recentemente l'ossigenoterapia iperbarica sta ottenendo molta attenzione in...

Cancro al fegato: strutture di zucchero rivelano specifici sottotipi

(Cancro al fegato-Immagine: a sinistra è mostrata una colorazione istologica di un tessuto tumorale HCC, con la regione tumorale delineata in blu. A destra è mostrata...

Obesità:mangiare meno grassi può salvare i tuoi capelli

(Obesità-Immagine:aspetto di topi alimentati con una dieta ricca di grassi (a destra) e una dieta standard (a sinistra). Credito: Dipartimento di biologia delle cellule staminali,...

L’attività fisica può accelerare il rischio di infarto

(Attività fisica/cuore-Immagine Credit Public Domain). L'attività fisica può paradossalmente accelerare l'accumulo di depositi di calcio (placca) nelle arterie coronarie, la cui quantità viene utilizzata per...