Dieta ad alto contenuto di grassi e cancro del colon-retto

cancro del colon retto

 I tassi di mortalità per cancro sono scesi complessivamente, ma i medici hanno notato un’anomalia spaventosa: le morti per cancro del colon-retto in persone sotto i 55 anni sembrano essere in aumento. Secondo l’American Cancer Society, le morti in questo gruppo più giovani sono aumentate tra il 2007 e il 2016

Un nuovo studio condotto dagli scienziati del Salk Institute suggerisce che le diete ad alto contenuto di grassi alimentano la crescita del cancro del colon-retto sconvolgendo l’equilibrio degli acidi biliari nell’intestino e innescando un segnale ormonale che consente alle cellule potenzialmente cancerose di prosperare.

 I risultati dello studio, che sono apparsi su Cell il 21 febbraio 2019, potrebbero spiegare perché il cancro del colon- retto, che può richiedere decenni per svilupparsi, viene osservato nei giovani che crescono in un momento in cui le diete a più alto contenuto di grassi sono comuni.

“Questo studio fornisce un nuovo modo per ridurre l’infiammazione, ripristinare la salute intestinale e ridurre drasticamente la progressione del tumore“, dice il Professor Ronald Evans, Direttore del Gene Expression Laboratory, Howard Hughes Medical Institute investigator and holder of Salk’s March of Dimes Chair in Molecular and Developmental Biology.

La ricerca, condotta in un modello murino, suggerisce come lo stile di vita e la genetica convergono. I ricercatori hanno scoperto che gli animali con una mutazione APC, la mutazione genetica più comune riscontrata negli esseri umani con cancro del colon-retto, hanno sviluppato il cancro più velocemente quando alimentati con una dieta ricca di grassi .

“Potrebbe essere che quando sei geneticamente incline a contrarre il cancro del colon , la dieta ricca di grassi aumenta il rischio”, dice la coautrice dello studio Ruth Yu, una ricercatrice dello staff del Gene Expression Laboratory del Salk.

L‘intestino e il colon sono organi laboriosi. Man mano che mangi, il tuo intestino ha bisogno di rigenerare costantemente il suo rivestimento per annullare il danno causato dagli acidi digestivi. Per fare questo, l’intestino ospita una popolazione di cellule staminali che può ricostituire le cellule di rivestimento quando necessario.

Gli scienziati hanno scoperto che i tumori del colon-retto hanno spesso origine da mutazioni in queste cellule staminali. La mutazione del cancro del colon-retto più comune è in un gene chiamato APC, che normalmente agisce come un gene “soppressore del tumore” perché controlla quanto spesso le cellule si dividono. Le mutazioni nel gene APC possono rimuovere quel controllo e consentire alle cellule di dividersi rapidamente e diventare cancerose.

Negli ultimi quattro decenni, Evans e i suoi colleghi hanno studiato il ruolo degli acidi biliari. (30 tipi di acidi biliari fluttuano nell’intestino per aiutare a digerire il cibo e assorbire il colesterolo, i grassi e i nutrienti liposolubili).

Tra le scoperte del laboratorio c’è stata la rivelazione che gli acidi biliari inviano segnali ormonali alle cellule staminali intestinali attraverso una proteina chiamata Farnesoid X recettore (FXR). Nel nuovo studio, i ricercatori hanno scoperto come le diete ad alto contenuto di grassi influenzano quella segnalazione ormonale.

Vedi anche, Aspirina per prevenire il cancro del colon sottoutilizzata nei pazienti ad alto rischio.

Lo studio del primo autore Ting Fu, un borsista post-dottorato presso il Salk è iniziato seguendo un indizio in un modello di topo con una mutazione APC che sviluppa i primi segni di cancro del colon-retto. I ricercatori hanno deciso di monitorare i livelli di acido biliare nei topi allo stesso tempo ed hanno scoperto che i tipi di acidi biliari noti per interagire con FXR aumentavano contemporaneamente all’avvio del cancro e che la presenza di acidi biliari aggiuntivi accelerava la progressione del cancro.

“Abbiamo visto un aumento drammatico della crescita del cancro correlato all’acido biliare”, afferma Michael Downes, uno scienziato senior dello staff del Salk e autore corrispondente dello studio. “I nostri esperimenti hanno dimostrato che il mantenimento di un equilibrio degli acidi biliari è fondamentale per ridurre la crescita del cancro”.

I ricercatori hanno dimostrato che somministrare a questi topi una dieta ricca di grassi era come aggiungere benzina al fuoco: le diete ad alto contenuto di grassi aumentavano i livelli di due specifici acidi biliari che attenuavano l’attività di FXR. L’intestino vuole riparare se stesso e FXR mantiene il processo lento, costante e sicuro. Quando gli acidi biliari inibiscono FXR, un gruppo di cellule staminali inizia a crescere rapidamente e accumula danni al DNA.

“Sapevamo che le diete ad alto contenuto di grassi e gli acidi biliari erano entrambi fattori di rischio per il cancro, ma non ci aspettavamo di scoprire che stavano entrambi influenzando FXR nelle cellule staminali intestinali”, afferma Annette Atkins, ricercatrice presso il Salk e coautore dello studio.

I topi con mutazioni APC hanno sviluppato escrescenze benigne chiamate adenomi. Negli esseri umani, gli adenomi sono comuni nell’intestino e vengono rimossi di routine durante le colonscopie. Queste escrescenze normalmente richiedono decenni per trasformarsi in adenocarcinomi maligni. Eppure gli adenomi in questi topi si trasformarono rapidamente in cancri quando venivano somministrati con diete ad alto contenuto di grassi.

Alla fine, i ricercatori avevano trovato un possibile meccanismo cellulare per spiegare l’aumento delle morti per cancro del colon-retto nelle persone più giovani. La loro teoria è che da quando le diete ad alto contenuto di grassi sono diventate più comuni negli Stati Uniti, più persone con una mutazione APC stanno accelerando la crescita del cancro attraverso queste diete.

Successivamente, i ricercatori hanno deciso di testare una nuova arma per combattere il cancro. Hanno usato una molecola chiamata FexD, sviluppata al  Salk, per attivare FXR nelle cellule staminali intestinali . FexD contrasta il danno causato dagli acidi biliari non bilanciati sia nei modelli di organi del topo che nelle linee cellulari del cancro del colon umano.

Sebbene siano necessari ulteriori esperimenti prima che FexD venga testato sugli esseri umani, il team afferma che il candidato al farmaco ha delle qualità promettenti: può raggiungere il colon e agisce solo su FXR, quindi dovrebbe produrre meno effetti collaterali rispetto ad altri farmaci.

Anche se il cancro del colon è considerato ‘incurabile’, il lavoro di Ting apre una nuova frontiera nella comprensione e nel trattamento della malattia“, afferma Evans.

Fonte,

Altri articoli su cancro del colon retto