Dieta a tempo limitato per perdere peso e ridurre la pressione sanguigna

0
32

Il digiuno intermittente ha mostrato successo nell’aiutare le persone a perdere peso, ma alcune persone possono avere difficoltà a mangiare normalmente quasi tutti i giorni e a limitare gravemente l’assunzione di cibo in altri giorni.

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Cell Metabolism offre un’alternativa: mangiare a tempo limitato.
Mangiare a tempo limitato ti consente di mangiare lo stesso ogni giorno, ma limiti il ​​tempo durante il quale puoi assumere cibo a una finestra di 10 ore. Quindi, se il tuo primo pasto è alle 8 di mattina, le tue ultime calorie per la giornata dovranno essere consumate entro le 18:00 Per le prossime 14 ore, digiuni.
Il nuovo studio, di piccole dimensioni, ha seguito da 19 persone per tre mesi. Al momento dell’iscrizione, tutti i partecipanti soddisfacevano tre o più criteri per la sindrome metabolica: circonferenza vita di 102 cm (uomini) o 88 cm (donne),  trigliceridi di 150 mg / dL o superiore (o in trattamento farmacologico per trigliceridi elevati, HDL-C ridotto inferiore a 40 mg / dL (uomini), 50 mg / dL (donne) (o in trattamento farmacologico per HDL-C ridotto), pressione sanguigna elevata, pressione sistolica di 130 o superiore e / o pressione diastolica di 85 mmHg o superiore (o trattamento con un farmaco antiipertensivo con anamnesi di ipertensione, glicemia a digiuno elevata a 100 mg / dL o superiore (o trattamento farmacologico della glicemia elevata). I partecipanti hanno registrato i tempi dei loro pasti e del loro sonno nell’app myCircadianClock. Sono stati incoraggiati a rimanere idratati durante i periodi di digiuno.
Non abbiamo chiesto loro di cambiare ciò che abitualmente mangiano”, ha dichiarato Pam Taub, un cardiologo presso l’Università della California, la School of Medicine di San Diego e uno degli autori dello studio. Tuttavia, i partecipanti allo studio hanno consumato quasi il 9% in meno di calorie.
Oltre alla perdita di peso – una riduzione del 3% in peso e una riduzione del 4% nel grasso viscerale addominale – Taub ha affermato che i livelli di colesterolo e la pressione sanguigna dei partecipanti allo studio sono migliorati.
“Siamo sorpresi che questo piccolo cambiamento nel tempo di mangiare possa dare un vantaggio così grande”, ha detto Satchidananda Panda, Professore presso il Salk Institute for Biological Studies e coautore dello studio. Quando vai in uno stato di digiuno, inizi a esaurire le riserve di glucosio nel tuo corpo e inizi a usare il grasso come fonte di energia”, ha spiegato Taub.