HomeSaluteOssa e muscoliDeterioramento muscolare: aggregati proteici tra le cause

Deterioramento muscolare: aggregati proteici tra le cause

(Deterioramento muscolare-Immagine Credit Public Domain).

Gli scienziati dell’EPFL hanno scoperto che, come nell’Alzheimer, l’aggregazione di una proteina è alla base del deterioramento muscolare osservato con l’invecchiamento. Ma gli aggregati possono essere invertiti aumentando i livelli di nicotinamide adenina dinucleotide (NAD + ), che attiva i sistemi di difesa dei mitocondri nelle cellule e ripristina la funzione muscolare.

Più invecchiamo, più i nostri muscoli si indeboliscono, crivellando la vecchiaia con fragilità e disabilità fisica. Gli sforzi della ricerca sui processi biologici e sui biomarcatori che definiscono l’invecchiamento muscolare non hanno ancora definito le cause sottostanti.

- Advertisement -

Ora, un team di scienziati del laboratorio di Johan Auwerx presso la School of Life Sciences dell’EPFL ha esaminato il problema da una prospettiva diversa: le somiglianze tra invecchiamento muscolare e malattie muscolari degenerative. I ricercatori hanno scoperto aggregati proteici che si depositano nei muscoli scheletrici durante l’invecchiamento naturale e che bloccarli può prevenire le caratteristiche dannose dell’invecchiamento muscolare. 

Lo studio è stato pubblicato su Cell Reports.

“Nelle malattie muscolari associate all’età, come la miosite da corpi inclusi (IBM), le nostre cellule lottano per mantenere il corretto ripiegamento delle proteine, portando queste proteine ​​mal ripiegate a precipitare e formare aggregati proteici tossici all’interno dei muscoli”, spiega Auwerx. “Il componente più importante di questi aggregati proteici è la beta-amiloide, proprio come nelle placche amiloidi nel cervello dei pazienti con malattia di Alzheimer“.

Vedi anche:Distrofia muscolare di Duchenne: la terapia genica preserva la funzione muscolare

- Advertisement -

Ma è possibile invertire la formazione degli aggregati proteici? Per rispondere a questa domanda, i ricercatori hanno nutrito i vermi con la vitamina nicotinamide riboside (unica forma di vitamina B3) e l’agente antitumorale Olaparib, entrambi aumentano i livelli di nicotinamide adenina dinucleotide (NAD + ), una biomolecola essenziale per mantenere la funzione mitocondriale e i cui livelli diminuiscono durante l’invecchiamento.

Nei vermi, i due composti attivavano i sistemi di difesa dei mitocondri, anche se forniti in età avanzata. L’attivazione del cosiddetto “sistema di controllo della qualità mitocondriale” ha ridotto gli aggregati proteici amiloidi legati all’età e migliorato la forma fisica e la durata della vita dei vermi.

Gli scienziati sono poi passati al tessuto muscolare umano, prelevato da soggetti anziani e pazienti IBM. L’attivazione degli stessi sistemi di controllo della qualità mitocondriale ha prodotto miglioramenti simili nell’omeostasi delle proteine ​​e dei mitocondri. I risultati incoraggianti hanno portato i ricercatori a testare il riboside di nicotinamide nei topi anziani. Il trattamento ha anche attivato i sistemi di difesa mitocondriale e ridotto il numero e le dimensioni degli aggregati amiloidi in diversi tessuti muscolari scheletrici.

“I farmaci che aumentano il controllo di qualità mitocondriale potrebbero quindi essere testati in clinica per invertire questi aggregati proteotossici legati all’età e ringiovanire i tessuti”, afferma Mario Romani, il primo autore dello studio.

Fonte: Cell Reports

ULTIMI ARTICOLI

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra...

Disturbo bipolare: 64 regioni del genoma aumentano il rischio

(Disturbo Bipolare-Immagine Credit Public Domain). Nel più grande studio genetico sul disturbo bipolare fino ad oggi, i ricercatori hanno identificato 64 regioni del genoma contenenti...

Cancro al seno: come diventa aggressivo

(Cancro al seno-Immagine Credit dominio pubblico Unsplash / CC0). I ricercatori del Baylor College of Medicine hanno seguito la progressione del cancro al seno in...