Desametasone steroide tratta con successo solo pazienti COVID-19 gravi

Immagine: Credit: Digicomphoto/iStock/Getty Images Plus

“Un farmaco steroide a basso costo può salvare la vita di pazienti gravi trattati con ventilatori o ossigeno supplementare a causa della malattia COVID-19”, suggeriscono i dati preliminari di un ampio studio clinico.

“Il Desametasone, uno steroide in uso da decenni, ha ridotto le morti di pazienti COVID-19 grave di circa un terzo rispetto alle cure standard”, hanno riportato i ricercatori in un comunicato stampa il 16 giugno. Le morti di pazienti COVID-19 trattati con ossigeno supplementare sono state ridotte di circa il 20 per cento. I ricercatori non hanno riscontrato alcun beneficio per i pazienti Ospedalizzati che non necessitavano di ulteriore ossigeno.

Se i risultati resistono al controllo una volta che gli scienziati hanno la possibilità di rivedere tutti i dati, il farmaco sarebbe il primo a ridurre il rischio di morte per COVID 19 grave.

Questo è il primo farmaco che può aumentare le possibilità di sopravvivenza nei pazienti COVID 19 grave”, afferma Martin Landray, un cardiologo dell’Università di Oxford. Un altro farmaco, Remdesivir, ha dimostrato di abbreviare i tempi di recupero per i pazienti gravemente malati ( SN: 13/05/20 ).

Il nuovo risultato si basa  sugli esiti di 2.104 pazienti che hanno assunto 6 milligrammi di Desametasone una volta al giorno per 10 giorni in compresse o mediante iniezione endovenosa e 4.321 persone che non hanno assunto il farmaco.

Landray e colleghi hanno scoperto che l’assunzione di Desametasone potrebbe impedire una morte ogni otto pazienti in ventilazione e una morte ogni 25 pazienti che necessitano di ossigeno.

“ Questo farmaconon è una soluzione. Non è una cura. Non è un miracolo, ma è davvero molto utile “, afferma Landray che si aspetta che i medici di tutto il mondo abbraccino la terapia. Il ricercatore riferisce che il servizio sanitario nazionale del Regno Unito potrebbe presto dichiarare il Desametasone il trattamento standard per le persone trattate con i ventilatori a causa della COVID-19 grave.

“Questi sono dati potenzialmente molto interessanti”, afferma Rajesh Gandhi, un medico di malattie infettive presso il Massachusetts General Hospital e la Harvard Medical School di Boston che ha contribuito a scrivere le linee guida per il trattamento della COVID-19 per il National Institutes of Health degli Stati Uniti e per la Infectious Diseases Society of America. “Al momento disponiamo di informazioni molto limitate, ma se confermate potrebbero essere davvero entusiasmanti”.

“Sebbene i risultati siano importanti per il trattamento dei pazienti COVID-19 grave

, questi pazienti rappresentano solo circa il 5% delle persone con diagnosi di coronavirus”, afferma Gandhi. “Questi steroidi non sono per tutti”.

Per la maggior parte dei pazienti, il farmaco probabilmente non farebbe alcun bene e potrebbe persino arrecare danno. Il Desametasone e altri steroidi smorzano la risposta del sistema immunitario agli organismi invasori e hanno dimostrato di peggiorare le infezioni virali, come l’influenza e la SARS. I ricercatori hanno pensato che se gli steroidi hanno peggiorato la SARS, potrebbero fare lo stesso per SARS-CoV-2, il coronavirus che causa COVID-19. Le linee guida per il trattamento suggeriscono ai medici di non usare steroidi contro il nuovo coronavirus SARS-CoV-2.

Il modo in cui i risultati sono stati pubblicati ha preoccupato alcuni scienziati. “Abbiamo visto tutti prestampati e comunicati stampa su altre potenziali terapie che non si sono dimostrate vere in seguito”, afferma Brian Garibaldi, Direttore dell’unità di biocontenimento della Johns Hopkins Medicine.

Landray afferma di comprendere le critiche, ma ha ritenuto importante “divulgare i risultati al  dominio pubblico in modo che il mondo in generale possa vederli e prendere decisioni”.

Lui e i suoi colleghi stanno scrivendo un documento scientifico con maggiori dettagli, ma ci vorrà del tempo prima che lo studio venga rivisto e pubblicato. Nel frattempo, dice, “il farmaco è già in uso negli Ospedali ora – non costa molto denaro e i benefici sono davvero evidenti – e può essere utilizzato in tutto il mondo nel mezzo di questa pandemia”.

Garibaldi dice che è fiducioso che i risultati saranno confermati.

Fonte: Science