Degenerazione maculare – attenti alle aspirine

Una aspirina al giorno … provoca la degenerazione maculare?

Le persone che prendono l’aspirina regolarmente, per ridurre il rischio di attacchi di cuore e ictus, hanno significativamente più probabilità di soffrire di  degenerazione maculare (AMD), la causa principale di cecità negli anziani. Questi sono i risultati di uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Sydney e pubblicato sulla rivista JAMA Medicina Interna . La degenerazione maculare è caratterizzata dalla distruzione progressiva della macula, la porzione centrale dell’occhio che è responsabile della visione.

 Essa colpisce in genere persone con più di  di 50 anni di età ed è caratterizzata da due forme primarie: “AMD secca” (o “atrofia geografica”), caratterizzata dalla rottura graduale delle cellule maculari e un offuscamento risultante della i visione centrale, o “neovascolare”, caratterizzata dalla fuoriuscita di sangue e fluido nella macula, dai vasi sanguigni .  Molte persone assumono l’aspirina ogni giorno, al fine di prevenire i sintomi cardiovascolari come infarti e ictus, perché il farmaco è un anticoagulante potente. Tuttavia, molti studi hanno dimostrato che l’uso regolare di aspirina aumenta in modo significativo il rischio di emorragia cerebrale e  gastrointestinale. “Il nostro studio evidenzia ora la possibilità che il rischio di  [AMD] neovascolare può anche avere bisogno di essere considerato,” hanno scritto i ricercatori.

Rischio più che raddoppiato

Follow-up su un recente studio, suggerisce che una aspirina al giorno può aumentare il rischio di AMD umida. I ricercatori hanno analizzato i dati di 2.389 persone di età superiore ai  48 anni di età che hanno preso parte al Blue Eye Study Mountains. All’inizio dello studio, tutti i partecipanti sono stati interrogati sui fattori di rischio di AMD, uso di aspirina  e lo stato di malattia cardiovascolare. Ogni cinque anni, sono stati sottoposti ad esami della retina . Un totale di 257 partecipanti, pari al 10,8 per cento, sono stati classificati come utenti regolari di aspirina, con assunzione di una o più aspirine alla settimana, nel corso dell’ultimo anno.

 I ricercatori hanno scoperto che gli utenti regolari del farmaco, avevano 2,37 volte più probabile  di sviluppare  AMD umida nel corso dei 15 anni di studio. In particolare, solo lo 0,8 per cento di utenti non abituali di aspirina aveva sviluppato AMD umida dopo cinque anni, contro l’1,9 per cento degli utenti regolari.  “Uso regolare di Aspirina è risultato significativamente associato ad un aumento di incidenza di AMD neovascolare,” hanno concluso i ricercatori.  Nessun collegamento è stata trovata tra l’uso di aspirina  e tassi di AMD “secca”. Secondo il National Eye Institute , il modo migliore per ridurre il rischio di AMD è quello di evitare di fumare, fare regolarmente esercizio fisico, una dieta equilibrata, ricca di pesce e verdure a foglia  e mantenere sana pressione sanguigna e il colesterolo normale.

Fonte: http://www.naturalnews.com/038958_aspirin_blindness_risks.html#ixzz2K4R3524r