HomePsicologia'Dark empaths': quanto sono pericolosi gli psicopatici e i narcisisti con empatia?

‘Dark empaths’: quanto sono pericolosi gli psicopatici e i narcisisti con empatia?

(Dark empaths-Immagine Credit Publòic Domain).

Le persone con “tratti oscuri della personalità”, come la psicopatia o il narcisismo, hanno maggiori probabilità di essere insensibili, sgradevoli e antagoniste nella loro natura. Tali tratti esistono su un continuum: tutti ne abbiamo più o meno, e questo non equivale necessariamente a una diagnosi clinica di un disturbo di personalità.

Tradizionalmente, le persone ad alto contenuto di tratti oscuri hanno anche deficit di empatia, il che le rende potenzialmente più pericolose e aggressive rispetto al resto di noi. Ma abbiamo recentemente scoperto qualcosa che sfida questa idea. Il nostro studio, pubblicato su Personality and Individual Differences, ha identificato un gruppo di individui con tratti oscuri che riportano capacità empatiche superiori alla media – li chiamiamo “empatici oscuri”.

- Advertisement -

Da questo studio, l’empatico oscuro si è guadagnato la reputazione di profilo di personalità più pericoloso. Ma è davvero così?

I tratti oscuri della personalità includono psicopatia, machiavellismo e narcisismo, chiamati collettivamente la “triade oscura” . Più recentemente, è stato suggerito di aggiungere il sadismo.

La psicopatia è caratterizzata da un fascino superficiale e insensibilità. Le persone ad alto contenuto di tali tratti spesso mostrano uno stile di vita irregolare e un comportamento antisociale. Il machiavellismo deriva dagli scritti di Niccolò Machiavelli, scrittore, storico e filosofo del Rinascimento. Ha descritto i giochi di potere che coinvolgono l’inganno, il tradimento e il crimine. Quindi, il machiavellismo si riferisce a una natura sfruttatrice, cinica e manipolatrice. Il narcisismo è caratterizzato da un senso esagerato di diritto, superiorità e pensiero grandioso, mentre il sadismo denota una spinta a infliggere e godere del dolore negli altri.

I tratti oscuri, in particolare la psicopatia e il machiavellismo, sono stati costantemente associati a comportamenti aggressivi e antisociali.

- Advertisement -

 

Il puzzle dell’empatia

L’empatia può riferirsi alla capacità di condividere i sentimenti, vale a dire “empatia affettiva” (se sei triste, mi sento triste anche io). Ma può anche essere la capacità di capire la mente degli altri, “empatia cognitiva” (so cosa pensi e perché ti senti triste).

Ad esempio, la mancanza di empatia (in particolare affettiva) è un segno distintivo ben documentato nella psicopatia clinica utilizzata per spiegare il comportamento violento spesso persistente e strumentale. Il nostro stesso lavoro supporta l’idea che uno dei motivi per cui le persone con tratti oscuri feriscono altre persone o hanno difficoltà nelle relazioni è una mancanza di empatia alla base.

Paradossalmente, tuttavia, alcuni ricercatori hanno precedentemente riportato livelli medi o addirittura superiori di alcuni aspetti dell’empatia in alcune persone con tratti oscuri.

“Questo ha senso, poiché per manipolare gli altri per il tuo guadagno – o addirittura per goderti il ​​dolore degli altri – devi avere almeno una certa capacità di capirli. Pertanto, ci siamo chiesti se i tratti oscuri e l’empatia fossero effettivamente fenomeni che si escludono a vicenda”

Oscuri empatici

Abbiamo chiesto a quasi 1.000 persone di completare valutazioni, basate su questionari, sulla triade oscura e l’empatia. Abbiamo quindi utilizzato un metodo chiamato analisi del profilo latente che consente di stabilire gruppi di persone con profili diversi di determinate combinazioni di tratti.

Come previsto, abbiamo trovato un gruppo tradizionale della triade oscura con punteggi bassi in empatia (circa il 13% del campione). Abbiamo anche trovato un gruppo con livelli da bassi a medi in tutti i tratti (circa il 34% erano “tipici”) e un gruppo con tratti oscuri bassi e alti livelli di empatia (circa il 33% erano “empatici”). Tuttavia, il quarto gruppo di persone, gli “empatici oscuri”, era evidente. Avevano punteggi più alti sia sui tratti oscuri che sull’empatia (circa il 20% del nostro campione). È interessante notare che quest’ultimo gruppo ha ottenuto punteggi più alti sia sull’empatia cognitiva che affettiva rispetto ai gruppi “triade oscura” e “tipico”.

Abbiamo quindi caratterizzato questi gruppi in base a misure di aggressività, personalità generale, vulnerabilità psicologica e benessere. Gli empatici oscuri non erano aggressivi come il tradizionale gruppo della triade oscura, suggerendo che questi ultimi sono probabilmente più pericolosi. Tuttavia, gli empatici oscuri erano più aggressivi dei tipici e degli empatici, almeno in una misura di aggressione indiretta, ovvero ferire o manipolare le persone attraverso l’esclusione sociale, l’umorismo malizioso e l’induzione del senso di colpa. Quindi, sebbene la presenza dell’empatia stesse limitando il loro livello di aggressività, non lo stava eliminando completamente.

Vedi anche:Caffeina: valida opzione per il trattamento di sintomi ADHD

In linea con questa nozione, gli empatici erano i più “simpatici” (un tratto della personalità che mostra quanto sei gentile o amichevole), seguiti dai tipici, poi dagli empatici oscuri e dalle ultime triadi oscure. È interessante notare che gli empatici oscuri erano più estroversi degli altri, un tratto che riflette la tendenza a essere socievoli, vivaci e attivi. Pertanto, la presenza dell’empatia sembra incoraggiare il piacere di essere o interagire con le persone. Ma potrebbe anche essere motivato dal desiderio di dominarle.

Inoltre, gli empatici oscuri avevano punteggi un po’ più alti nel nevroticismo, un tipo di pensiero negativo, ma non avevano punteggi più alti in depressione, ansia o stress. Invece, il loro nevroticismo può riflettere tratti secondari come rabbia, ostilità o insicurezza. In effetti, gli empatici oscuri hanno riferito di giudicarsi più duramente di quelli con personalità della triade oscura. Quindi sembra che possano avere una coscienza, forse anche antipatia per il loro lato oscuro. In alternativa, le loro emozioni negative possono essere una risposta al loro disprezzo di sé.

Pericoli nascosti

Sebbene l’aggressività riferita dagli empatici oscuri non fosse così elevata come il tradizionale gruppo della triade oscura, il pericolo di questo profilo di personalità è che la loro empatia e le probabili abilità sociali risultanti rendano più difficile individuare la loro oscurità. Crediamo che gli empatici oscuri abbiano la capacità di essere insensibili e spietati, ma siano in grado di limitare tale aggressività.

Vale la pena notare, tuttavia, che coloro che sono clinicamente diagnosticati con un disturbo antisociale di personalità (che spesso mostrano livelli eccessivi di tratti oscuri), molto certamente mancano di empatia e sono pericolosi predatori e molti di loro sono in prigione. La nostra ricerca sta esaminando le persone nella popolazione generale che hanno livelli elevati di tratti oscuri della personalità, piuttosto che disturbi della personalità.

Immagine di un gruppo di supporto psicologico.
L’empatia può proteggere dall’aggressività. Shutterstock

Stiamo continuando la nostra ricerca per scoprire di più sulle caratteristiche degli empatici oscuri in relazione ad altri risultati psicologici. Ad esempio, siamo interessati alla loro assunzione di rischi, impulsività o comportamento fisicamente aggressivo. Vogliamo anche capire come elaborano le emozioni o le espressioni facciali, o come percepiscono e reagiscono alle minacce.

Attualmente stiamo replicando ed estendendo alcuni dei nostri risultati utilizzando invece la tetrade oscura. I nostri risultati devono ancora essere pubblicati, ma indicano che ci sono altri due profili oltre ai quattro gruppi che abbiamo già identificato. Uno è un “gruppo emotivamente interiorizzato”, con alti livelli di empatia affettiva ed empatia cognitiva media, senza tratti oscuri elevati. L’altro mostra uno schema simile ai tratti autistici, in particolare bassa empatia cognitiva ed empatia affettiva media in assenza di tratti oscuri elevati.

Speriamo che questa ricerca possa essere in grado di spostare la nostra comprensione dell’empatia nel contesto dei tratti oscuri.

Autori: Nadja Heym, Senior Lecturer in Psychology, Nottingham Trent University, Alexander Sumich, Associate Professor of Psychology, Nottingham Trent University.

Fonte:The Conversation

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...