Curare l’aracnofobia in soli 2 minuti

Secondo un nuovo studio, l‘aracnofobia o paura dei ragni potrebbe essere sradicata in soli 2 minuti, con una dose singola di un  comune beta-bloccante e l’esposizione ai ragni stessi.

I ricercatori hanno scoperto che il propranololo – un beta bloccante utilizzato per trattare la pressione alta, dolore al petto e altre condizioni cardiache e che ha effetti amnesici – ha ridotto significativamente la paura nei partecipanti con aracnofobia, dopo una breve esposizione ad una tarantola.

La Drs. Marieke Soeter e Merel Kindt, del Dipartimento di Psicologia Clinica presso l’Università di Amsterdam, hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista Biological Psychiatry e suggeriscono una strategia di trattamento innovativa per gli individui con aracnofobia e altri disturbi d’ansia.

Il nuovo approccio terapeutico si basa su una teoria nota come “riconsolidamento” della memoria scoperto dal neuroscienziato Dr. Joseph LeDoux e dal suo team, circa 15 anni fa.

Il riconsolidamento è l’idea che i ricordi possono essere modificati in caso di attivazione, al fine di alterare il loro impatto psicologico, una strategia nota per il suo potenziale per il trattamento di disturbi da stress post-traumatici (PTSD) che agisce modificando le memorie terrorizzanti.

Secondo Soeter e Kindt, la modifica dei ricordi paurosi è stata dimostrata solo in studi su animali e individui sani. Ora, la squadra ha dimostrato la fattibilità della terapia di riconsolidamento della memoria tra le persone con un timore reale dei ragni.

‘L’intervento rivoluzionario potrebbe fornire la perdita di lunga durata della paura’

Per raggiungere i loro risultati, i ricercatori hanno arruolato 45 soggetti con aracnofobia che sono stati esposti ad una tarantola per 2 minuti .

Dopo l’esposizione al ragno, i partecipanti sono stati randomizzati a ricevere una dose singola di 40 mg di propranololo o un placebo.

Rispetto ai soggetti che hanno ricevuto il placebo, coloro che hanno ricevuto propranololo hanno dimostrato una significativa riduzione della paura e un aumento dei comportamenti positivi verso i ragni. Questo effetto è rimasto per 1 anno dopo lo studio.

Sulla base di questi risultati, il team suggerisce che l’ attivazione della memoria, combinata con propranololo, potrebbe offrire una strategia di trattamento più efficace per le fobie.

“Qui vi mostriamo per la prima volta che un farmaco amnesico rilasciato a fronte della riattivazione della  memoria, ha modificato il comportamento nelle persone con la paura dei ragni”, afferma la Dr.ssa Kindt, aggiungendo:

“Attualmente i pazienti con disturbi d’ansia e PTSD ricevono più sessioni di trattamento cognitivo-comportamentale o assunzione quotidiana di farmaci per una graduale (e spesso temporanea) diminuzione dei sintomi.

L’intervento rivoluzionario proposta prevede un unico, breve intervento che porta a un tratto, a sostanziale e durevole perdita della paura “.

Anche se ulteriori studi sono necessari al fine di testare la nuova strategia in un gruppo più grande di partecipanti e tra persone con fobie più gravi, i ricercatori ritengono che i loro attuali risultati sono promettenti per “una nuova ondata di trattamenti che  hanno come bersaglio la plasticità sinaptica sottostante l’apprendimento e la memoria”.

Fonte: http://www.medicalnewstoday.com/articles/304048.php