HomeSaluteCuore e circolazione"Cuore spezzato": c'è una ragione scientifica?

“Cuore spezzato”: c’è una ragione scientifica?

(Cuore spezzato-Immagine:Credito: David Weller / BBC).

“Ho pensato che fosse solo stress, finché non mi ha spezzato il cuore!”.

Quando suo marito l’ha lasciata dopo più di 25 anni insieme, la scrittrice scientifica Florence Williams dice che il suo corpo si sentiva come se fosse stato collegato a una presa elettrica difettosa. “Posso quasi descriverlo come una lesione cerebrale”, dice. “Non stavo affatto dormendo. Mi sentivo davvero agitata”.

- Advertisement -

Williams voleva capire la sua reazione fisica alla rottura, così iniziò a parlare con scienziati negli Stati Uniti e in Inghilterra della connessione tra dolore emotivo e fisico. Il suo nuovo libro, “Heartbreak: A Personal and Scientific Journey”indaga i modi in cui il dolore emotivo estremo può avere un impatto sul cuore, sul sistema digestivo e immunitario e altro ancora. Williams osserva che l’innamoramento in realtà stimola le parti del cervello responsabili della produzione degli ormoni dello stress, forse come un modo per prepararsi al crepacuore. “Il cervello crea questi ormoni dello stress”, dice Williams, “così che quando il nostro partner se ne va o scompare, diventiamo così agitati da essere motivati ​​​​a trovarlo o sentirci così grati quando torna”. In altre parole, siamo biologicamente preparati fin dall’inizio a sentire lo stress quando una relazione finisce.

Sentendosi libera, Williams è andata in terapia, ha provato sostanze psichedeliche (in un ambiente terapeutico), ha viaggiato in avventure da sola e si è avventurata di nuovo negli appuntamenti nel tentativo di guarire.

Williams, che ha cresciuto due figli con il suo ex marito, non era stata affatto single nella sua vita da adulta. “L’ho incontrato quando avevo 18 anni, quindi non ero ancora completamente preparata come essere umano”, dice. Dopo che il dolore si è placato, ha visto l’essere single come un’opportunità per la scoperta di sé. Noi [umani] siamo molto adattabili”, dice. “Ora amo stare da sola”.

Cosa succede fisiologicamente quando un partner se ne va

- Advertisement -

Il tuo cervello e il tuo corpo lo notano davvero, a livello inconscio. I tuoi livelli di cortisolo salgono. Questi sistemi di allarme si attivano nel tuo corpo, perché il tuo sistema nervoso sembra improvvisamente minacciato perché sei solo. Gli esseri umani sono animali così sociali… che quando siamo soli, in un senso profondamente evoluto, non ci sentiamo al sicuro. Sappiamo che essere soli nella giungla significa che è più probabile che affrontiamo un predatore. Abbiamo maggiori probabilità di infortunarci. Alla fine possiamo metterci a nostro agio con [essere soli], ma quando c’è un cambiamento drammatico, ci sentiamo in un certo senso insicuri.

Vedi anche:La solitudine fa male al cuore

Gli scienziati studiano il cervello di persone con il cuore spezzato

Nel campo della psicologia, i ricercatori hanno esaminato il divorzio e il crepacuore in modi interessanti. Alcuni ricercatori stanno mettendo persone con il cuore spezzato o lasciate dai partner in scanner cerebrali e stanno vedendo cosa succede alle loro onde cerebrali. … Ora ci sono scienziati che guardano … alla solitudine. Sappiamo che la solitudine è un importante fattore di rischio per una serie di malattie e per la morte prematura e sappiamo anche che il divorzio e la perdita di relazione sono considerati un importante fattore di rischio per la solitudine.

Sulla cardiomiopatia takotsubo — una vera e propria malattia da crepacuore

Pensavamo che il crepacuore fosse solo una metafora, ma i medici hanno iniziato a notarlo dopo un grande terremoto in Giappone [nel 2011] durante il quale molte persone andavano in Ospedale con attacchi di cuore. Queste non erano persone che avevano fattori di rischio per attacchi di cuore. Non avevano arterie bloccate quando i loro cuori sono stati ripresi. Non c’erano segni di blocchi o di rottura della placca. C’era qualcosa negli eventi traumatici di quel terremoto che le persone hanno rilasciato così tanti ormoni dello stress che il loro cuore era davvero sbalordito. Il cuore ha cambiato forma in modo che ci fosse un lobo disteso e non in grado di pompare in modo molto efficace. … Questa condizione era chiamata cardiomiopatia takotsubo.

Ora sappiamo che i tassi di takotsubo aumentano dopo i disastri naturali. Sono particolarmente comuni nelle donne in postmenopausa che hanno subito un duro colpo emotivo. Lo vediamo nelle donne i cui coniugi sono morti. Lo vediamo nelle donne i cui animali domestici sono morti. Ci sono alcuni esempi di uomini che si presentano con takotsubo dopo che le loro squadre sportive sono state sconfitte se sono molto, molto coinvolti nelle loro squadre di calcio, in particolare. [Takotsubo] è solo il 5% circa di tutti gli attacchi di cuore. Ma ora sappiamo che c’è questo chiaro legame emotivo tra ciò che è accaduto nella vita [di una persona] e ciò che sta accadendo nel loro cuore.

Fonte:npr

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...