CRISPR può spiegare perché così tanti farmaci antitumorali sperimentali falliscono

CRISPR,farmaci antitumorali

Immagine, DrimaFilm | Shutterstock.

CRISPR può spiegare perché così tanti farmaci antitumorali sperimentali falliscono.

I ricercatori negli Stati Uniti hanno scoperto che molti farmaci sperimentali contro il cancro potrebbero non raggiungere i loro obiettivi molecolari.

Utilizzando lo strumento di modifica genetica CRISPR-Cas9 per studiare come dieci farmaci antitumorali interagiscono con il loro target proteico, i ricercatori hanno scoperto che le proteine ​​non sono effettivamente essenziali per la sopravvivenza delle cellule maligne. Sette dei farmaci studiati dal team sono attualmente in fase di test negli studi clinici.

Il ricercatore William Kaelin (Dana-Farber Cancer Institute Massachusetts) che non è stato coinvolto nella ricerca afferma che i risultati di questo studio potrebbero aiutare a spiegare perché molti farmaci antitumorali falliscono negli studi clinici.

Obiettivi non intenzionali, sconosciuti

“I risultati non significano necessariamente che i farmaci falliscono completamente. Alcuni potrebbero aver avuto successo durante i primi studi perché agiscono su obiettivi non intenzionali e sconosciuti“, spiega l’autore principale dello studio Jason Sheltzer del Cold Spring Harbor Laboratory di New York.

“Tuttavia, non comprendere il meccanismo d’azione di un farmaco potrebbe limitare le sue prospettive”, aggiunge.”Nella medicina personalizzata, uno scienziato può collegare un farmaco a un particolare marcatore molecolare che aiuterà a prevedere quanto bene la terapia funzionerebbe in un determinato individuo”.

“Tuttavia, se il modo di agire di un farmaco non è effettivamente noto, allora questo approccio diventa impossibile”, dice Sheltzer. “Inoltre, i farmaci che prendono di mira obiettivi sconosciuti potrebbero anche danneggiare le cellule sane e avere effetti tossici”.

Sheltzer e il team hanno cercato una proteina da usare come controllo positivo in un esperimento.

Hanno scelto una proteina ben studiata che si pensava controllasse la divisione delle cellule del cancro al seno. Tuttavia, quando hanno usato CRISPR-Cas9 per paralizzare il gene che codifica per la proteina, hanno scoperto che ciò non ha avuto alcun effetto sulla crescita del cancro.

Curioso di sapere se si trattasse di una tantum o se lo stesso potesse accadere con altri geni negli studi clinici, il team ha selezionato altri dieci farmaci per ulteriori analisi.


Altri articoli su CRISPR, farmaci antitumorali