HomeSaluteVirus e parassitiCOVID 19: segnalato caso di recidiva trombosi venosa

COVID 19: segnalato caso di recidiva trombosi venosa

(COVID 19 e trombosi venosa-Immagine Credit Public Domain).

I ricercatori della Rutgers Robert Wood Johnson Medical School hanno segnalato il primo caso di COVID 19 che ha innescato una rara ricorrenza di trombosi venosa potenzialmente grave nelle braccia di un paziente.

La  notizia, pubblicata sulla rivista Viruses, migliora la comprensione di come l’infiammazione causata da COVID-19 può portare a coaguli di sangue negli arti superiori e come trattarli al meglio. Il caso di studio fa parte di uno studio più ampio della Rutgers su 1.000 pazienti ospedalizzati con diagnosi di COVID 19 che sono stati ammessi e dimessi tra marzo e maggio 2020.

- Advertisement -

Sebbene siano stati segnalati casi di trombosi venosa profonda degli arti inferiori a seguito di COVID 19, questo è il primo studio in cui COVID19 ha innescato una recidiva nella parte superiore del braccio di un uomo attivo di 85 anni che aveva una precedente diagnosi di trombosi venosa alle estremità superiori.

Vedi anche:Le persone che soffrono di artrite reumatoide hanno un alto rischio di trombosi

“Il paziente si è presentato al suo medico di base con lamentele di gonfiore al braccio sinistro ed è stato inviato in Ospedale per un’ulteriore gestione dove gli è stato diagnosticato un coagulo di sangue nella parte superiore del braccio e un’infezione asintomatica da COVID 19”, ha detto Payal Parikh, un assistente Professore di medicina presso la Rutgers Robert Wood Johnson Medical School, che ha condotto lo studio insieme a Martin Blaser, Direttore del Center for Advanced Biotechnology and Medicine e Professore alla Rutgers Robert Wood Johnson Medical School. “Anche se i suoi livelli di ossigeno non erano diminuiti, il paziente è stato ricoverato in Ospedale per la gestione del coagulo di sangue delle vene profonde degli arti superiori. Spesso, i coaguli di sangue sono preceduti da condizioni infiammatorie croniche esacerbate dall’immobilità e raramente si verificano in pazienti che sono altrimenti sani e attivi al basale“, dice il ricercatore.

La maggior parte dei casi di trombosi venosa profonda si verifica nelle gambe. Solo il 10% circa dei coaguli di sangue si verificano nelle braccia e di quei casi solo il 9% si ripresenta. Questo è motivo di preoccupazione poiché nel 30 per cento di questi pazienti, il coagulo di sangue può viaggiare al polmone ed essere potenzialmente fatale”, ha detto Parikh. “Altre complicazioni invalidanti includono gonfiore persistente, dolore e affaticamento del braccio”.

- Advertisement -

Lo studio suggerisce che i medici dovrebbero prendere in considerazione il test per la trombosi venosa profonda e COVID 19 in pazienti che presentano lamentele di gonfiore inspiegabile. Le persone che risultano positive a COVID-19 dovrebbero consultare un medico se hanno livelli di ossigeno in calo, mancanza di respiro e qualsiasi gonfiore inspiegabile. 

“Se ti è stata diagnosticata in precedenza una trombosi venosa profonda o hai una malattia medica cronica che ti predispone a coaguli di sangue, hai un rischio maggiore di recidiva di un trombo venoso profondo nel contesto di un’infezione da COVID 19 e, quindi, dovresti essere vigile”, ha detto Parikh.

Altri autori della Rutgers includevano Yesha H. Parekh, Nicole J. Altomare ed Erin McDonnell.

Fonte:Newswise

ULTIMI ARTICOLI

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra...

Disturbo bipolare: 64 regioni del genoma aumentano il rischio

(Disturbo Bipolare-Immagine Credit Public Domain). Nel più grande studio genetico sul disturbo bipolare fino ad oggi, i ricercatori hanno identificato 64 regioni del genoma contenenti...

Cancro al seno: come diventa aggressivo

(Cancro al seno-Immagine Credit dominio pubblico Unsplash / CC0). I ricercatori del Baylor College of Medicine hanno seguito la progressione del cancro al seno in...