HomeSaluteVirus e parassitiCOVID 19: nuovo integratore protegge dal virus

COVID 19: nuovo integratore protegge dal virus

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain).

Gli esperti dell’Università di Tel Aviv (TAU) hanno dimostrato che una nuova combinazione di integratori alimentari può proteggere da COVID 19 e da diverse comuni malattie invernali.

Lo studio è stato condotto dal Prof. Ehud Gazit, dal Prof. Eran Bacharach e dal Prof. Daniel Segal della Shmunis School of Biomedicine and Cancer Research presso la Wise Faculty of Life Sciences della TAU e dai dottorandi Topaz Kreiser e David Zaguri e da altri ricercatori.

- Advertisement -

L’articolo è stato pubblicato su Pharmaceuticals.

Dallo scoppio della pandemia da COVID 19, la scienza medica ha risposto alle mutazioni, alle varianti e all’esteso contagio del virus per ridurre al minimo i danni alla vita umana e all’economia. La battaglia contro il virus attualmente si basa principalmente su vaccini a base di RNA, insieme a diversi farmaci antivirali.

Ma il virus cambia molto rapidamente e sono necessari frequenti aggiornamenti a trattamenti e vaccini basati sulla familiarità del sistema immunitario con il virus. Lo stesso vale per i virus influenzali, un’altra diffusa causa di malattie e morte. 

Vedi anche:COVID 19: revocare le misure di protezione?

- Advertisement -

“Per affrontare i rapidi cambiamenti del virus, abbiamo deciso di sviluppare  integratori alimentari sicuri e facilmente ottenibili in grado di ridurre la carica virale nel corpo e ridurre il contagio”, dice il Prof. Gazit, che dirige anche il Blavatnik Center for Drug della TAU Scoperta. “Sappiamo da anni che gli integratori alimentari contenenti zinco possono migliorare l’immunità alle infezioni gravi, virali e croniche e alle loro conseguenze potenzialmente gravi”.

I ricercatori hanno scoperto che il consumo di zinco da solo raggiunge un contenuto cellulare relativamente basso. Per potenziare l’effetto, hanno combinato lo zinco con i flavonoidi, composti polifenolici presenti in molti frutti e verdure. Hanno anche aggiunto rame per prevenire uno squilibrio ionico e migliorare l’efficacia del trattamento.

“Test di laboratorio avanzati, inclusa la PCR, hanno dimostrato che i nuovi vaccini che abbiamo sviluppato hanno ridotto la carica virale”, aggiunge il Prof. Segal. “Abbiamo riscontrato una diminuzione del 50-95% nella replicazione genomica di vari gruppi di virus a RNA, tra cui COVID-19, il virus dell’influenza e altri. Questi risultati sono molto promettenti e potrebbero consentire lo sviluppo di un trattamento biologico somministrato per via orale. Un tale prodotto sarà sicuro, naturale ed efficace contro diversi tipi di virus, comprese nuove mutazioni e varianti, chiaramente un importante passo avanti”.

Finora, tutti gli esperimenti sono stati condotti in vitro in laboratorio, ma i ricercatori sono ottimisti sul potenziale pratico dello studio. Presto sperano di avviare una serie di studi clinici sull’uomo, che alla fine portino a un trattamento efficace accessibile a tutti. Poiché gli integratori sono stati verificati come sicuri per l’uso e alla luce della pandemia globale, è stato deciso di promuovere il prodotto sul mercato generale prima dei risultati degli studi clinici.

“Ci viene insegnato fin dalla giovane età che una buona medicina include la medicina preventiva”, conclude il Prof.Bacharach. “Il prodotto che speriamo di offrire coprirà un’ampia gamma di malattie invernali, tra cui COVID-19 e l’influenza. L’aspetto interessante è la potenziale flessibilità del trattamento: abbiamo scoperto che la combinazione di diversi flavonoidi con lo zinco aiuta a proteggere le cellule da un’ampia gamma di virus a RNA. Riteniamo che il prodotto possa fungere da trattamento supplementare per migliorare l’effetto dei vaccini e dei farmaci antivirali esistenti“.

Ramot, la società di trasferimento tecnologico di TAU, sta conducendo trattative avanzate con un’azienda americana per ottenere un permesso per la commercializzazione e la distribuzione del prodotto. “Vediamo un grande potenziale in questo prodotto naturale da banco che protegge da COVID-19 e altre infezioni virali”, afferma Keren Primor, CEO di Ramot.

Fonte: AFTAU

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...